Approvazione di celebrità per i politici


Approvazione di celebrità per i politici

I politici non sono nulla se marketing non esperto, e nessuna stagione elettorale moderna è completa senza celebrità in fila per approvare una parte o l'altra. La raccolta fondi record di George Clooney la scorsa settimana per il presidente Barack Obama ha evidenziato il valore di avere un nome famoso dalla tua parte. Anche la venerabile Betty White, che di solito tiene le sue preferenze politiche a se stessa, ha recentemente rivelato le sue preferenze politiche (vota per Obama).

La domanda è sempre rimasta, tuttavia, se avere sostenitori di celebrità aiuta davvero i politici a vincere le elezioni. La risposta non è così chiara, secondo uno scienziato politico.

"Le celebrità sono sempre coinvolte nella politica e nessuno le studia mai", ha detto Anthony Nownes, politologo presso l'Università del Tennessee, a Knoxville (UT ). Sebbene alcuni accademici possano deridere l'importanza delle testimonianze delle celebrità, Nownes sostiene che l'attività politica delle stelle spesso fa notizia - e questo significa che ha l'opportunità di influenzare l'opinione pubblica.

Nownes sostiene che le celebrità sostengono - Oprah ha appoggiato Obama nel 2008 e il comico Jeff Foxworthy, il rocker Ted Nugent e la cantante country Trace Adkins hanno detto che sostengono Mitt Romney - influenzano il modo in cui le persone vedono i partiti politici, ma non sempre positivamente.

Nownes sostiene che le celebrità che contribuiscono alle campagne politiche possono fare un politico partito più o meno simpatico, a seconda di cosa pensano gli elettori delle celebrità in primo luogo.

Per verificare l'impatto che le celebrità hanno sulle elezioni, Nownes ha interrogato più di 500 studenti UT circa la loro reazione alle informazioni che l'attrice Jennifer Aniston ha donato pesantemente ai democratici e al quarterback Peyton Manning ha donato ai repubblicani.

Nownes ha detto di aver scelto Manning perché, come ex a stella, tende ad essere molto popolare tra gli studenti del Tennessee. Scelse Aniston perché la maggior parte degli studenti la conoscevano, ma la loro opinione su di lei non era così chiara.

"I miei risultati supportano l'idea generale che la celebrità che dà ai partiti politici e ai loro candidati influenzi le opinioni delle persone sulle parti" Disse Nownes. Tuttavia, i punti di vista delle persone sulle testimonianze di celebrità tendono a essere basati su come si sentivano riguardo alle celebrità in questione.

Nei suoi casi di test, il sostegno di Aniston feriva i democratici, mentre il supporto di Manning aiutava i repubblicani.

"Se pensiamo a i partiti politici come "marchi", questi risultati suggeriscono che le informazioni su quali celebrità "usano" ogni marchio possono influenzare l'atteggiamento delle persone sui marchi ", ha detto Nownes.

Inoltre, ha scoperto, le persone a volte cambiano le loro opinioni sulle celebrità dopo aver appreso circa le loro inclinazioni politiche.

"Lanciare il loro sostegno dietro un candidato alla presidenza non aiuta molto le celebrità", ha detto. "Non ottengono risultati molto positivi e potrebbero diventare negativi".

In questo caso, i dati hanno dimostrato che le persone che non amano particolarmente i repubblicani sono state escluse dal sostegno di Manning per i repubblicani e hanno adeguato le loro opinioni di lui di conseguenza. Allo stesso modo, le persone che non amavano il Partito Democratico hanno visto Aniston in modo più negativo dopo aver appreso del suo sostegno ai Democratici.

"Se questo studio ha un significato pratico", ha detto Nownes. "Il suo consiglio per le celebrità: mantenere un profilo basso."

Il suo studio è pubblicato nell'attuale numero della rivista American Politics Research.


5 Cose che un capo non dovrebbe mai dire

5 Cose che un capo non dovrebbe mai dire

È Facile per i padroni avvicinarsi ai propri dipendenti, specialmente in una piccola azienda. Ma, non importa quanto tu sia amichevole o comodo con la tua squadra, ci sono alcune cose che non dovresti mai dirti dipendenti. Ecco i primi cinque: Cosa non dire: Informazioni riservate. - Jeri Denniston, Professionista di gestione strategica certificato per il Centro Haines per la gestione strategica "Non condividere mai nulla di ciò che ti è stato detto da un dipendente con nessun altro, perché distruggere la fiducia, non rispetta questa fiducia e rovina la tua capacità di mentore e istruisci il tuo staff ", ha detto Denniston.

(Comando)

Stop alla perdita di tempo: come priorizzare la tua lista delle cose da fare

Stop alla perdita di tempo: come priorizzare la tua lista delle cose da fare

Come sanno gli imprenditori, non c'è mai una carenza di lavoro da fare. Dato che le attività continuano ad accumularsi, può essere difficile definire le priorità e controllare tutte le attività del tuo elenco. "L'assegnazione delle priorità funziona un po 'più strategicamente, e ci vuole tempo prezioso e abbiamo pensato di fare il lavaggio del cervello "Ho", ha detto a Mobby Business Dana Brownlee, fondatrice della società di consulenza per la formazione e la gestione professionale Professionalism Matters.

(Comando)