C'è un divario generazionale nel tuo ufficio?


C'è un divario generazionale nel tuo ufficio?

Le divisioni generazionali sul posto di lavoro sono più evidenti che mai quando Gen Y e baby boomer si ritrovano a lavorare insieme in una varietà di nuovi arrangiamenti.

Secondo un nuovo studio di CareerBuilder, un terzo degli impiegati statunitensi lavora per qualcuno che è più giovane di loro , con il 15% che accetta ordini da un capo che ha almeno 10 anni da junior.

"Le disparità di età nell'ufficio sono forse più diverse ora di quanto non siano mai state", ha affermato Rosemary Haefner, vicepresidente delle risorse umane presso CareerBuilder. "Non è raro vedere bambini di 30 anni che gestiscono bambini di 50 anni o di 65 anni che seguono 22 anni."

Anche se lo studio ha mostrato che la maggior parte dei lavoratori non ha difficoltà a lavorare per un il capo più giovane, la ricerca ha scoperto differenze generazionali attorno all'ufficio in termini di stili di lavoro, comunicazione e aspettative.

Mentre la maggioranza dei dipendenti di età compresa tra 25 e 34 anni e 55 anni ha espresso preferenza per la comunicazione faccia a faccia, il sondaggio mostra evidenza di un piccolo divario digitale. Il 35% dei dipendenti più giovani preferisce comunicare via email e testo, rispetto a solo il 28% di quelli oltre i 55 anni, che preferiscono usare il telefono.

Lo studio ha rilevato che i lavoratori più giovani tendono a vedere un percorso di carriera con un "cogliere ogni opportunità" mentalità, mentre i lavoratori più anziani hanno maggiori probabilità di mettere valore nella lealtà e di mettere negli anni prima dell'avanzamento. Oltre il 60% dei lavoratori di età superiore ai 55 anni ritiene che i dipendenti debbano rimanere in un posto di lavoro per almeno tre anni, mentre il 47% dei minori di 35 anni pensano che sia ora di andare avanti non appena imparano abbastanza nel loro lavoro.

I lavoratori più giovani si aspettano anche di essere premiati più spesso per i loro sforzi. Oltre il 60% dei giovani intervistati ritiene che dovrebbero essere promossi ogni due o tre anni se stanno facendo un buon lavoro. Solo il 40% dei dipendenti più anziani condivide questa mentalità.

La ricerca mostra che mentre i dipendenti con meno di 35 anni hanno più probabilità di registrare ore più brevi in ​​ufficio rispetto ai loro coetanei più anziani, hanno anche più probabilità di portare a casa il lavoro con loro e di essere aperti a un orario di lavoro flessibile. Secondo lo studio, il 69% dei dipendenti più giovani lavora dopo ore, rispetto al 60% dei lavoratori oltre i 55 anni.

"Mentre gli inquilini di una gestione di successo sono coerenti tra generazioni, ci sono sottili differenze nelle abitudini e nei punti di vista del lavoro deve entrare in sintonia con quando si lavora o si gestisce qualcuno che è molto diverso per età ", ha detto Haefner.

Il pranzo è un'area in cui i lavoratori più anziani e più giovani vedono gli occhi. Circa il 60% di entrambi i gruppi preferisce mangiare da soli durante l'ora di pranzo, invece di cenare con i propri collaboratori.

La ricerca si è basata su indagini di oltre 3.800 lavoratori a tempo pieno e oltre 2.200 manager assunti in una varietà di industrie.


7 Strategie di carriera per quando sei tra un lavoro e l'altro

7 Strategie di carriera per quando sei tra un lavoro e l'altro

Licenziamenti e contratti conclusi possono accadere a chiunque, in qualsiasi momento. A volte è previsto; altre volte, sei completamente accecato. Indipendentemente dalle circostanze, ora hai il difficile compito di trovare la tua prossima fonte di guadagno. Anche se al momento non lavori per qualcuno, hai ancora un lavoro da fare, ha detto Kimberly Schneiderman, una pratica di sviluppo manageriale a RiseSmart, una società che fornisce servizi di transizione per l'outplacement e la carriera.

(Carriera)

I team lavorano meglio quando i dipendenti si prendono cura l'un l'altro

I team lavorano meglio quando i dipendenti si prendono cura l'un l'altro

Quando i dipendenti lavorano in gruppo, vengono meglio serviti concentrandosi maggiormente su come possono avvantaggiare gli altri, e non solo se stessi, rileva una nuova ricerca. Quando i membri del team sono più motivati ​​ad aiutare gli altri, anche a la spesa delle proprie prestazioni, i loro team hanno prestazioni migliori, uno studio pubblicato di recente sull'Academy of Management Journal trovato.

(Carriera)