I sette peccati capitali vanno al lavoro ... e i dipendenti subiscono


I sette peccati capitali vanno al lavoro ... e i dipendenti subiscono

Sappiamo tutti che il lavoro può essere un posto piuttosto teso. Ciò è particolarmente vero dal momento che l'economia ha portato a tagli che lasciano meno impiegati a fare più lavoro e supervisori di medio livello per giustificare la loro esistenza.

Ora, i ricercatori hanno quantificato esattamente cosa sta succedendo sul posto di lavoro e come il cattivo comportamento dei supervisori sta influenzando la produttività e la salute dei dipendenti.

I ricercatori hanno fatto questo chiedendo a più di 750 dipendenti di medio livello di riferire quanto spesso hanno sperimentato personalmente i "Sette peccati capitali" del supervisore diretto - ira / rabbia, avidità, pigrizia / pigrizia, orgoglio , lussuria, invidia e ghiottoneria - al lavoro.

I sette peccati capitali è una classificazione dei comportamenti discutibili che è stata usata fin dai primi tempi cristiani per istruire e istruire i seguaci sulla tendenza dell'umanità a peccare.

"Scegliamo questi particolari comportamenti perché hanno una storia consolidata, sono familiari alle persone sia in ambito religioso che secolare, e sono documentati per mettere a dura prova le relazioni interpersonali sul lavoro ", ha detto Flori Wayne Hochwarter, da State University. I risultati indicano comportamenti di supervisori malevoli superiori a quelli che molti potrebbero aspettarsi:

Il 26% dei dipendenti afferma che il proprio capo ha spesso problemi a gestire la propria rabbia (collera);

  • 27% di i dipendenti hanno affermato che il loro capo persegue con determinazione meriti immeritati (avidità): il 9 per cento dei dipendenti ha affermato che il proprio capo spinge abitualmente il lavoro agli altri invece di farlo da solo (pigrizia);
  • Il 33% dei dipendenti afferma che il proprio capo si assicura che gli altri accarezzino il proprio ego ogni giorno (lussuria), mentre il 9% dei dipendenti afferma che il proprio capo può essere contava di agire con invidia nei confronti degli altri che sperimentano cose buone (gelose); e
  • il 23% dei dipendenti ha affermato che il proprio capo accumula intenzionalmente risorse che potrebbero essere utili ad altri sul lavoro (gola).
  • Senza dubbio, i comportamenti leader segnalati più frequentemente tra generi, settori industriali e livelli di responsabilità sono stati orgoglio e pigrizia. Di sorpresa: i risultati indicano una varietà di esiti negativi dei dipendenti associati al comportamento aberrante dei supervisori, tra cui una ridotta produttività lavorativa e una salute peggiore.
  • "I dipendenti con leader che hanno commesso questi" peccati "hanno contribuito con meno sforzo (40 percento in meno) sovraccarico a causa della responsabilità forzata del lavoro del proprio supervisore (33 percento in più), era meno probabile dare suggerimenti creativi (66 percento in meno) e ha ricevuto meno risorse per svolgere efficacemente il proprio lavoro (60 percento in meno) rispetto a quelli senza questo tipo negativo di leadership ", ha detto il ricercatore Christian Ponder.
  • Anche le vittime del comportamento autonomo dei supervisori hanno trascorso molto più tempo a perseguire opportunità di lavoro alternative (75% in più).
  • In termini di deterioramento della salute, i lavoratori vittimizzati hanno sperimentato di più ansia quotidiana (50 percento in più), meno felicità nella vita (30 percento in meno), più stanchezza fisica ed emotiva (45 percento in più) e più tristezza mentre lavoro (62 percento in più).

Secondo i ricercatori, la buona notizia è che ci sono ancora manager più premurosi di quelli egoisti.

Tuttavia, è evidente che l'incertezza basata sulla recessione ha incoraggiato molti imprenditori a perseguire comportamenti egoistici a scapito di quelli che sono considerati reciprocamente vantaggiosi o che supportano gli obiettivi organizzativi.

"È sempre interessante vedere come reagiscono le persone quando sentono che le loro schiene sono contro il muro", ha detto Ponder.

"Alcuni leader cercano di radunare le truppe, mentre altri decidono di fare da soli per salvaguardare ciò che sentono di avere." Forse quando la nuvola di recessione si solleva completamente e gli ambienti di lavoro diventano più stabili, i leader si concentreranno sullo sviluppo dei dipendenti piuttosto che su se stessi -preservazione, ha aggiunto.

Tuttavia, poiché i progressi sono visti solo in un lontano orizzonte da molti esperti, i dipendenti a tutti i livelli di supervisione devono sviluppare le capacità per convivere pacificamente.

"Le conseguenze di non farlo sono sempre più fatali per le organizzazioni", ha detto Hochwarter.

I CEO giocano un ruolo importante negli affari falliti

I ricercatori scoprono le lezioni di affari dai minatori cileni

Gli errori nello Space Shuttle offrono lezioni per le imprese


Il pensionamento si trasforma in

Il pensionamento si trasforma in "riassortimento" per la maggior parte degli americani

Una pensione piena di golf, shopping e relax non è più nel Uno studio condotto da CareerBuilder ha rivelato che il 57% dei lavoratori di età superiore ai 60 anni ha in programma di cercare un nuovo lavoro dopo essersi ritirati dalla propria azienda attuale, dimostrando che la pensione non significa più la fine dei giorni lavorativi.

(Carriera)

Che cosa impedisce ai laureati di trovare lavoro?

Che cosa impedisce ai laureati di trovare lavoro?

Quattro anni di college e un diploma non sono sufficienti per preparare i neolaureati alla forza lavoro. La maggior parte dei direttori dei centri di carriera universitari citano la mancanza di motivazione degli studenti come il più grande ostacolo alla ricerca di un impiego. Secondo un nuovo sondaggio dell'Associazione nazionale dei collegi e dei datori di lavoro (NACE) per conto dell'Advisory Board, istituito dalla DeVry University, il 56% dei direttori dei centri di carriera ha affermato che la mancanza di interesse degli studenti nella preparazione formale della carriera e nello sviluppo professionale impedisce ai laureati di trovare un lavoro.

(Carriera)