Facebook da indirizzare agli annunci in base alla cronologia di navigazione Internet


Facebook da indirizzare agli annunci in base alla cronologia di navigazione Internet

A breve, Facebook utilizzerà la cronologia di navigazione Internet dei membri per indirizzarli meglio agli annunci degli inserzionisti del social network.

Attualmente, gli annunci un utente che vede su Facebook si basa principalmente sulle cose che fa su Facebook, come le pagine che gli piacciono. Presto, la società sarà anche in grado di indirizzare gli annunci dei marketer in base ai siti web visitati dagli utenti di Facebook e alle app che utilizzano quando non si trovano sul social network. Un portavoce di Facebook ha dichiarato a Mobby Business che la società non condividerà le informazioni sulle abitudini di navigazione dei clienti con gli inserzionisti, nonostante i rapporti precedenti, inclusa questa storia, che lo farebbe.

"Migliorare la pubblicità basata sugli interessi con le informazioni di i siti Web e le app utilizzate dalle persone miglioreranno le prestazioni per i professionisti del marketing, assicurandosi che i tuoi annunci vengano indirizzati alle persone che sono più interessate ai tuoi prodotti e servizi e coloro che sono più propensi a rispondere ", ha scritto Facebook sul suo blog aziendale. "Questi segnali miglioreranno le nostre capacità pubblicitarie esistenti e saranno integrati nelle nostre interfacce esistenti."

Secondo Facebook, i professionisti del marketing non dovranno intraprendere alcuna azione quando creano annunci o campagne per sfruttare queste nuove funzionalità.

Gli utenti di Facebook possono disattivare questo tipo di targeting degli annunci nel proprio browser Web utilizzando l'opt-out Digital Advertising Alliance standard del settore e sui dispositivi mobili tramite i controlli forniti da iOS e Android.

Mentre Facebook offre alle aziende maggiori opportunità di indirizza i consumatori più importanti, inoltre offre agli utenti del social network più possibilità di conoscere gli annunci che ricevono e il motivo per cui li ottengono.

Il nuovo strumento per le preferenze annunci sarà accessibile da ogni annuncio su Facebook. Spiegherà agli utenti il ​​motivo per cui stanno visualizzando uno specifico annuncio, consentendo anche loro di controllare quali dei loro interessi influenzano gli annunci che ricevono. Con il nuovo strumento, gli utenti di Facebook saranno in grado di aggiungere e rimuovere interessi per visualizzare annunci più pertinenti.

"Le preferenze degli annunci consentono alle persone su Facebook di dirci attivamente le cose che sono e non sono interessate, il che significa che il tuo il pubblico diventerà più qualificato nel tempo ", ha scritto Facebook sul suo blog. "Se qualcuno non ha una preferenza elencata, non sarà in grado di indirizzarli in base a tale preferenza."

Facebook ha detto che i marketer saranno comunque in grado di raggiungere utenti che rimuovono una preferenza o non hanno una preferenza elencato scegliendo come target altre preferenze di cui dispongono gli utenti.

Il social network prevede di avviare lo strumento di preferenze annunci negli Stati Uniti nelle prossime settimane.

Originariamente pubblicato su Notizie aziendali


Le aziende tirano fuori i loro migliori scherzi di April Fools

Le aziende tirano fuori i loro migliori scherzi di April Fools

April Fools! Nell'era dei video virali e del guerrilla marketing, molte aziende vedono il April Fools 'Day come un'opportunità per capitalizzare su un marketing unico che ha la possibilità di diventare virale. Non crederci, basta guardare la lista qui sotto delle aziende che hanno tirato alcuni famosi scherzi del pesce d'aprile negli ultimi anni.

(Generale)

Le divisioni di mentoring creano il divario di leadership

Le divisioni di mentoring creano il divario di leadership

Potrebbe la mancanza di donne e minoranze nei consigli di amministrazione e nelle posizioni di leadership è il risultato di lacune nel mentoring? Questo è ciò che suggerisce un nuovo studio pubblicato nell'Academy of Management Journal. La ricerca ha rilevato che il 28% delle donne e il 22% delle minoranze fanno parte del consiglio di amministrazione di una società, ma solo l'8% delle donne e il 5% delle minoranze sono amministratori di più di una commissione.

(Generale)