I cacciatori di lavoro favoriscono la ricerca online sulla rete


I cacciatori di lavoro favoriscono la ricerca online sulla rete

Il vecchio adagio di "Non è quello che sai, ma chi conosci", suona ancora vero, ma le risorse online stanno diventando sempre più importanti anche per la ricerca di lavoro.

Quasi l'80 percento dei cercatori di lavoro statunitensi utilizza risorse online durante la ricerca di lavoro - quasi la stessa percentuale di coloro che si rivolgono a connessioni professionali e personali per i lead, secondo lo studio condotto dal Pew Research Center.

Persone andare online in cerca di lavoro dice che sta dando i suoi frutti. Lo studio ha rilevato che il 34 percento degli americani che hanno utilizzato Internet per la loro ricerca di lavoro più recente ha detto che era la loro risorsa più importante, rispetto al 20 percento che ha detto lo stesso sull'utilizzo di connessioni con amici intimi e familiari e il 17 percento che pensava che il loro professionista le connessioni erano la loro risorsa più preziosa.

Sono finiti i giorni in cui la maggior parte delle persone in cerca di lavoro passava innumerevoli ore a sfogliare annunci di giornali o partecipare a fiere del lavoro in cerca di lavoro. La ricerca ha mostrato che solo il 32% delle persone in cerca di lavoro recenti utilizzava annunci nelle pubblicazioni cartacee quando cercava un lavoro e solo il 28% si rivolgeva a fiere del lavoro, conferenze o altri eventi.

Un problema con questo passaggio a un lavoro più focalizzato digitalmente la ricerca è che alcuni di coloro che cercano lavoro non sono così esperti di digitalizzazione come altri, hanno detto gli autori dello studio.

"Nonostante l'importanza delle risorse digitali quando si tratta di cercare lavoro oggi, una minoranza di americani lo troverebbe difficile impegnarsi in una varietà di comportamenti di ricerca di posti di lavoro digitali ", hanno scritto gli autori dello studio.

In particolare, il 21% di tutti gli americani - esclusi quelli in pensione o disabili - ha dichiarato che avrebbe difficoltà a mettere in evidenza le proprie capacità lavorative utilizzando un sito web o profilo di social media, mentre il 12% ha dichiarato che sarebbe difficile per loro trovare elenchi online di posti di lavoro disponibili. Inoltre, il 12 per cento avrebbe problemi a compilare una domanda di lavoro online, l'11 per cento non avrebbe trovato facile usare l'e-mail per contattare un potenziale datore di lavoro e il 10 per cento avrebbe problemi a cercare servizi online disponibili per aiutare i richiedenti lavoro.

"In molti casi, gli americani che potrebbero trarre il massimo beneficio dall'essere in grado di eseguire questi comportamenti in modo efficace - come quelli con livelli relativamente bassi di rendimento scolastico - sono quelli che li trovano più difficili", hanno scritto gli autori dello studio.

La ricerca ha rivelato che il 23% degli americani con un diploma di scuola superiore o un livello di istruzione inferiore dichiara di non riuscire a compilare una domanda di lavoro online, rispetto a solo il 6% dei laureati. Inoltre, il 21% di coloro che non hanno mai frequentato il college hanno difficoltà a utilizzare Internet per trovare posti di lavoro disponibili nella loro area, rispetto a solo il 5% dei laureati.

Oltre all'utilizzo dei computer come parte del processo di ricerca di lavoro online, molti stanno anche usando gli smartphone. Quasi il 30 percento degli intervistati, incluso il 53 percento delle persone di età compresa tra i 18 e i 29 anni, ha utilizzato il proprio smartphone per cercare lavoro. Ciò include la navigazione o la ricerca di inserzioni di lavoro, l'invio via email a qualcuno di un lavoro per cui stavano facendo domanda, la compilazione di un'applicazione e la creazione di un curriculum.

Anche i social media svolgono un ruolo importante nell'esperienza di ricerca di lavoro di oggi. Lo studio ha scoperto che il 35% degli utenti di social media ha utilizzato almeno uno dei loro social network per cercare o cercare lavoro, mentre il 21% ha fatto domanda per un lavoro che hanno scoperto sui social media.

"I giovani utenti sono Sono particolarmente attivi nell'utilizzare queste piattaforme per scopi legati all'occupazione, ma molti utenti più anziani sfruttano i social media anche alla ricerca di lavoro ", hanno scritto i ricercatori nello studio. "Circa un quarto degli utenti di social media con età uguale o superiore a 50 anni ha utilizzato queste piattaforme per cercare lavoro o per far sapere ai propri amici quali sono le aperture di lavoro."

Lo studio è stato basato su indagini su un campione nazionale di 2.001 adulti che vivono in tutti i 50 stati degli Stati Uniti e nel distretto di Columbia.


Come lasciare il tuo lavoro e mantenere la tua reputazione

Come lasciare il tuo lavoro e mantenere la tua reputazione

Trovare il modo migliore per dimettersi da un lavoro può essere difficile, soprattutto se sei infelice nel tuo attuale posto di lavoro. Forse hai sognato di far cadere una torta sulla scrivania del tuo manager con la tua lettera di dimissioni inscritta in cima, o di dire al tuo capo che te ne stai andando mentre una banda musicale ti fa uscire dall'ufficio.

(Carriera)

Le più esagerate scuse

Le più esagerate scuse "tardive" dei dipendenti

Quando si tratta di scuse per essere in ritardo al lavoro, un nuovo studio mostra che i dipendenti americani sono molto creativi. Mentre il traffico e la mancanza di sonno sono al top nel sondaggio di CareerBuilder sulle spiegazioni di ritardo dei dipendenti, una vasta gamma di scuse più insolite - da un gatto che ha il singhiozzo a pensare di aver vinto la lotteria - è spuntata anche tra i lavoratori della nazione quando hanno fallito mostrarsi in orario.

(Carriera)