Donne in affari: Felena Hanson su Reinube di HUB


Donne in affari: Felena Hanson su Reinube di HUB

Nella nostra serie Women in Business, le donne CEO e i leader aziendali condividono le loro storie e valutano le sfide che affrontano come donne nei loro settori. In questa puntata, Felena Hanson parla della reinvenzione e di come ha iniziato la sua attività. Hanson è il fondatore di Hera Hub , una società che offre spazi di lavoro flessibili e condivisi per le imprenditrici, promuovendo una comunità di sostegno per aiutare le donne a lanciare e far crescere le proprie attività e tenere riunioni ed eventi.

Business Notizie quotidiane: Puoi parlarmi un po 'del tuo background?

Felena Hanson: Il mio background è nel marketing. Ho trascorso i primi nove anni della mia carriera lavorando, inizialmente, alle vendite, ma principalmente al marketing per le aziende più piccole, per lo più startup. E questo ha portato all'inizio un percorso di carriera tumultuoso. Sono stato licenziato tre volte all'età di 30 anni. Due società vendute, e una in pratica ha finito i soldi, quindi la mia carriera non è iniziata nel migliore dei modi, ma è un po 'come il corso quando lavori nel mondo delle startup. Soprattutto nel marketing, sai, un'azienda vende e prende solo gli ingegneri e non il team di marketing.

Subito dopo il college, sono stato colpito da un camion dei pompieri e mi sono rotto 27 ossa tra le braccia, le gambe e il viso, quindi quello che ho combinato con tre licenziamenti nei miei 20 anni e un divorzio piuttosto brutto a 30 anni è stato quello che definirei come la mia reinvenzione, per così dire. E penso che entri in risonanza con molte donne, in particolare, che tu sia in affari o no - nella vita di molti ci sono molte cose che richiedono di reinventarti su un certo livello. Sono stato un imprenditore da quando avevo 30 anni, e credo che, in una certa misura, tutto ciò abbia contribuito a creare la capacità di recupero di cui avevo bisogno per essere un imprenditore. Parte di essere un imprenditore è in grado di riprendersi dopo che sei caduto.

Mobby Business: quando hai avviato Hera Hub?

Hanson: Saranno cinque anni questo autunno ad agosto alla nostra prima posizione.

Mobby Business: hai fatto molti cambiamenti prima di iniziare la tua attività, ma stavi iniziando un'attività che avevi sempre in mente come un obiettivo in fondo alla strada, o era qualcosa che succedeva ?

Hanson: Era sicuramente qualcosa che era sempre sul mio radar. I miei genitori erano imprenditori. In tutta verità, il mio ultimo anno di liceo, mio ​​padre ha detto: "Ho risparmiato un po 'di soldi, puoi iniziare un'attività, puoi andare al college, o puoi mettere un acconto su una casa. sta a te." Quindi è stato sicuramente instillato in me in giovane età che essere un imprenditore avrebbe probabilmente fatto parte del mio percorso ad un certo punto. Ma a quel tempo ero anche abbastanza intelligente per sapere che avevo bisogno di un po 'di esperienza e istruzione per iniziare la mia attività. Ci sono certamente un certo numero di persone che escono da scuola e iniziano un'impresa subito, il che è grandioso. Probabilmente non ero così sicuro come alcune di quelle persone. E penso che, per me, fosse anche bello andare a imparare sulla moneta di qualcun altro, per così dire, sugli affari.

Il mio primo percorso imprenditoriale era probabilmente come [è per] un sacco di donne - Ho iniziato un attività basata sui servizi. Ho preso la mia esperienza nel marketing e nella collaborazione e nella costruzione di partnership, e l'ho trasformato in un business, che era economico e facile e qualcosa che potevo fare da casa senza molti investimenti di capitale. L'ho fatto per otto anni. La società si chiamava Perspective Marketing. Era quel business, e anche essere abbastanza coinvolto nella comunità imprenditoriale femminile a San Diego, che in realtà mi ha portato a lanciare Hera Hub. Ho visto il bisogno nel mercato - non solo il mio bisogno, ma i bisogni di centinaia di altre donne con cui lavoravo - di avere uno spazio molto flessibile che avrebbe dato loro una presenza professionale per il loro business, ma soprattutto, un senso di comunità e supporto.

È difficile costruire un business di successo e hai bisogno del sostegno e della community intorno a te per farlo. Penso che molte donne sentano che dovrebbero sapere tutto, come se non dovessero chiedere aiuto, e questo è totalmente l'opposto della verità. Dobbiamo circondarci di persone che possono sostenerci e aiutarci e costruire insieme quella comunità. E la maggior parte degli spazi di co-working, anche oggi, sono piuttosto dominati dagli uomini, per essere schietti. Forse "dominato" non è la parola giusta, ma il co-working è davvero cresciuto fuori dal settore tecnologico, e la tecnologia è prevalentemente maschile. Sono sicuro che sei stato a collaborare con gli spazi in cui entri e ci sono solo un gruppo di tizi in felpe e cuffie con cappuccio, e ci sono due estremità dello spettro: è abbastanza silenzioso da sentire una spilletta e tutti hanno la testa bassa, o è come una confraternita con così tanto rumore e così tanto che non riesci nemmeno a concentrarti.

All'epoca gestivo anche un paio di organizzazioni femminili professionali, e io davvero faticato a trovare spazio per eventi e workshop e cose che stavo facendo. Ho visto il movimento nel modello di lavoro condiviso condiviso, ma non mirato a chi ero o chi era la mia comunità, quindi sono andato a costruirlo.

Mobby Business: Quindi, la tua attività consiste nel supportare le donne imprenditrici. Perché pensi che sia così importante sostenere specificamente le donne?

Hanson: Non è che non supportiamo gli uomini - quello che diciamo è che siamo focalizzati sulle donne. Abbiamo diversi membri maschili e abbiamo uomini nello spazio ogni giorno. Ma si tratta di creare un ambiente che sia attraente per le donne, ed è da lì che è nato lo spazio di lavoro ispirato alla spa. Non riguarda solo lo spazio fisico. Si estende ben oltre il programma e il curriculum e gli eventi che abbiamo qui, che consentono alle persone di essere molto aperti sui loro affari e le sfide che stanno affrontando nei loro affari, di essere molto trasparenti e di porre le domande difficili che potrebbe non chiedere in ambienti in cui non si sentono sicuri al 100% o supportati. Non che ci sia una preoccupazione per la sicurezza di per sé, ma al sicuro dalla prospettiva che molte donne hanno che, di nuovo, devono sapere tutto e non dovrebbero chiedere, sentendosi come se avessero dovuto imparare tutto nella loro classe MBA. Ma non imparerai sempre tutto, ed è OK non sapere tutto nel mondo degli affari. Non lo farai mai.

Mobby Business: hai detto che le tue esperienze hanno plasmato il modo in cui hai iniziato la tua attività. Ti senti come se avessi affrontato sfide come il sessismo o altri problemi simili solo essendo una donna nel mondo degli affari?

Hanson: Non di per sé. Ho parlato con centinaia di donne che hanno. Lo sento molto, soprattutto dalle donne nei settori tecnologici e donne che stanno proponendo per l'angelo o il capitale di rischio. Personalmente, al di là del normale - sai, quello che probabilmente ogni donna subisce nei suoi 20 anni, come essere colpiti da un superiore o scherzando in situazioni - no, non l'ho mai avuto. Non ho costruito l'attività perché ho affrontato il sessismo. Non si tratta nemmeno di sessismo. Si tratta di creare un ambiente che sia attraente per le donne. E abbiamo uomini che entrano nella comunità che sostengono le donne e sono campioni per le donne, e vogliamo che anche loro facciano parte della conversazione.

Mobby Business: Puoi dirmi di più sulle sfide che hai affrontato? quando stavi iniziando la tua attività?

Hanson: Un paio di cose fondamentali: la più grande era quella degli immobili commerciali. All'epoca era un nuovo business e un concetto relativamente nuovo, poiché era cinque o sei anni fa, quando il co-working non era altrettanto popolare, e da allora ha sicuramente guadagnato popolarità. Sono stato picchiato sulla testa più di un paio di volte da vecchi signori nel settore immobiliare commerciale. Semplicemente non volevano rischiare - di nuovo, era un nuovo business, un nuovo modello, e penso che alcuni di loro semplicemente non capivano, chiedendosi, "Perché dovresti creare uno spazio di lavoro per le donne?" Semplicemente non capivano cosa stavo cercando di fare, ed era un grosso problema. Ho passato due trattative di leasing fallite che ho trascorso mesi, mesi e mesi, solo per farli crollare nell'undicesima ora. Pensavo davvero che non avrei nemmeno potuto aprire una posizione. È stato davvero, davvero difficile.

L'unica altra cosa è venuta quando siamo cresciuti. Stava solo sapendo quale modello utilizzare per espandere il business. Inizialmente abbiamo intrapreso la strada del franchising, e non è stato per noi un buon compromesso, perché è un cookie-cutter. Non ha attirato il mercato con cui stiamo parlando, ed è più un modello per molte persone che cercano di investire in un franchising, quindi abbiamo dovuto davvero ruotare e imparare cosa sarebbe servito per replicare il nostro modello in altre città.

Mobby Business: Chi diresti che sono i tuoi più grandi modelli femminili?

Hanson: Una donna che viene in mente chi è stato un grande campione e mi ha insegnato così tanto è Linda Lattimore. Ho un libro che verrà pubblicato su Amazon nelle prossime settimane - "Flight Club - Rebel, Reinvent & Thrive: come lanciare il tuo business dei sogni" - e parlo molto di Linda. L'ho incontrata più o meno subito dopo aver iniziato la mia prima attività e lei mi ha insegnato tanto. No. 1 - Le attribuisco sempre questo concetto - l'idea di "fingere finché non ce la fai". Non che lei abbia simulato, ma l'ho fatto, in una semplice partita di golf. Mi ha chiesto se giocavo a golf, e ho detto di sì, e non l'ho fatto, ma mi ha fatto vedere e mi ha permesso di incontrare donne straordinarie attraverso un'organizzazione che ha chiamato Women's Global Network che si concentrava sull'aiuto alle donne nei paesi in via di sviluppo

Linda mi ha insegnato cosa significasse portare e cosa significasse collaborare e riunire le persone, e ho finito per gestire quell'organizzazione a San Diego per diversi anni e ho continuato a dirigere un'altra organizzazione , chiamato Ladies Who Launch. Quel primo incontro iniziale con Linda mi ha davvero ispirato molto, per imparare ad essere un leader e guidare questa organizzazione di donne quando non mi sentivo pronto. Ad essere onesti, quando mi ha chiesto [di guidare il gruppo], ero tipo, "Uh, io? Davvero?" Ma questo mi ha insegnato tanto e questa opportunità è una delle ragioni principali per cui ho lanciato Hera Hub.

Mobby Business: Hai qualche consiglio per altri aspiranti CEO e imprenditori femminili?

Hanson: Lotti! Direi che la prima cosa non è essere così difficile con te stesso se qualcosa non va esattamente come vuoi tu. Anche crescere in una famiglia imprenditoriale e conseguire una laurea in economia e persino un MBA, non viene insegnato o non viene insegnato abbastanza bene da essere costantemente reinventato. Penso che molto di ciò che viene insegnato è che si costruisce un business plan e si esegue l'esecuzione, ma ci sono micro perni e micro guasti che stanno accadendo, a volte sembra, 10 volte al giorno. Ed è facile scoraggiarsi, soprattutto se non hai una buona squadra, o nei primi giorni in cui sei solo tu. Quindi trova una comunità - qualunque cosa sia, comunque sia - se sei un imprenditore.

È diverso se entri nel ruolo di CEO in un'azienda già funzionante. È molto diverso iniziare qualcosa da zero sul tavolo della tua sala da pranzo con un'idea e portarla sul mercato e renderla efficace. È difficile, e penso che le donne, in particolare, non ci diano abbastanza credito. Siamo troppo duri con noi stessi e non ci prendiamo il merito anche quando il credito è dovuto, e stiamo equilibrando così tanto nella vita, anche alcuni uomini, ma soprattutto le donne - stiamo dicendo sì a tutto e bilanciando un molto e ancora non ci diamo credito.


I valori aziendali che attirano i dipendenti millenari

I valori aziendali che attirano i dipendenti millenari

I millennial vogliono lavorare per organizzazioni focalizzate sulle loro persone e scopi, non solo su ciò che vendono e quanto denaro viene fatto, secondo Deloitte Touche Tohmatsu Limited (Deloitte Global) quarta inchiesta millenaria annuale. La stragrande maggioranza dei lavoratori più giovani ritiene che le aziende di oggi non prestino abbastanza attenzione a ciò che può essere fatto per aiutare gli altri.

(Comando)

I professionisti IT delle competenze mancano

I professionisti IT delle competenze mancano

I lavoratori della tecnologia dell'informazione (IT) sono molto richiesti, ma potrebbero desiderare di lavorare sulle loro abilità personali, suggerisce una nuova ricerca. Un recente sondaggio dei Chief Information Officer (CIO) ha scoperto che IT i lavoratori non hanno competenze interpersonali e sociali, in settori come la comunicazione e la leadership.

(Comando)