Gli acquirenti disposti a pagare di più alle società socialmente responsabili


Gli acquirenti disposti a pagare di più alle società socialmente responsabili

Quasi la metà degli acquirenti in tutto il mondo è disposta a mettere i propri soldi quando si tratta di sostenere le imprese socialmente responsabili, un nuovo studio mostra .

L'indagine sulla cittadinanza aziendale globale di Nielsen ha rilevato che il 46% dei consumatori globali è disposto a pagare di più per prodotti e servizi di aziende che hanno implementato programmi per restituire alla società.

I consumatori più giovani tendono ad essere più socialmente la ricerca mostra. Poco più della metà di quei consumatori tra i 15 ei 39 anni ha dichiarato di essere disposti a pagare un extra per tali articoli, rispetto al 37% di quelli oltre i 40 anni.

Nic Covey, vicepresidente del programma globale di responsabilità sociale aziendale di Nielsen, Nielsen Cares, Detto questo, è chiaro che gli sforzi di responsabilità sociale delle imprese sono in sintonia con uno specifico gruppo di consumatori.

"I marketer devono sapere chi sono quei consumatori per massimizzare il ritorno sociale e commerciale dei loro sforzi di marketing", ha detto Covey. "Questa comprensione consente ai marchi di impegnarsi in iniziative di impatto sociale che attirano i consumatori giusti con le giuste cause e attraverso i canali giusti."

Gli acquirenti al di fuori degli Stati Uniti stanno guidando la spinta di responsabilità sociale. Lo studio ha rivelato che una percentuale maggiore di consumatori in Asia Pacifico, Medio Oriente, Africa e America Latina sono disposti a pagare un extra per prodotti e servizi di aziende socialmente responsabili rispetto ai loro coetanei nordamericani ed europei.

La più alta concentrazione di socialmente consapevole i consumatori sono nelle Filippine; quasi il 70 percento degli intervistati era disposto a pagare di più. I Paesi Bassi sono arrivati ​​ultimi tra i paesi esaminati, con solo il 21% dei residenti intervistati che dichiaravano disposti a spendere di più.

Sostenibilità ambientale, miglioramenti della scienza, della tecnologia, dell'ingegneria e dell'istruzione matematica e l'eliminazione della povertà estrema e della fame in cima alla lista delle cause importanti per i consumatori socialmente consapevoli.

"Sapere quali sono le cause più importanti per il consumatore socialmente consapevole può aiutare i marchi a privilegiare i loro investimenti sociali", ha detto Covey. "Il passo successivo è capire esattamente quali sono le cause importanti per i singoli clienti di un marchio."

I marchi socialmente responsabili sarebbero saggi di utilizzare i social media per promuovere i loro sforzi. La ricerca mostra che i consumatori socialmente consapevoli sono più propensi di altri a utilizzare i social media per prendere decisioni di acquisto.

"Affinché gli sforzi di marketing delle cause influenzino le vendite, i clienti devono prima essere consapevoli degli sforzi dell'azienda", ha affermato Covey. "Le informazioni di Nielsen indicano che i social media sono uno strumento critico per un marketing efficace delle cause."

La ricerca si basava su sondaggi di 28.000 utenti Internet in 56 paesi.

Frank Godwin è uno scrittore freelance e tecnologico con sede a Chicago che ha lavorato nelle relazioni pubbliche e ha trascorso 10 anni come giornalista. Puoi raggiungerlo a o seguirlo su Twitter @ mobbybusiness .


Recensione Lenovo ThinkPad T450s: è un bene per le aziende?

Recensione Lenovo ThinkPad T450s: è un bene per le aziende?

I notebook aziendali non vanno molto meglio di così. Il nuovo ThinkPad T450 di Lenovo è una versione aggiornata del mio precedente notebook business preferito, il ThinkPad T440s. In effetti, sembra e sembra quasi identico al modello dell'anno scorso, con solo alcune piccole modifiche come prestazioni più veloci e un trackpad migliore.

(Attività commerciale)

5 Motivi per cui uno smartwatch è un buon investimento aziendale

5 Motivi per cui uno smartwatch è un buon investimento aziendale

Il nuovo round di smartwatch è costoso, un po 'ingombrante e non può sostenere una ricarica per più di un giorno. E Android Wear - un nuovo sistema operativo mobile che rappresenta il primo crack di Google nello sviluppo di una piattaforma di smartwatch - è agli inizi, con solo poche decine di app compatibili e un'interfaccia basata sullo scorrimento che è destinata a confondere alcuni nuovi utenti.

(Attività commerciale)