5 Miti delle app per dispositivi mobili che soffocano la tua attività


5 Miti delle app per dispositivi mobili che soffocano la tua attività

I consumatori di oggi adottano sempre più il mobile come mezzo di scelta per la navigazione, la ricerca e lo shopping. Le aziende si stanno rendendo conto che devono essere dove sono i loro clienti e molte aziende stanno facendo dello sviluppo mobile una priorità assoluta per raggiungere quei consumatori.

"Il mobile e, per estensione, lo sviluppo mobile, è diventato una necessità per molte organizzazioni, "ha dichiarato Cathal McGloin, CEO della piattaforma di sviluppo mobile FeedHenry. "Ma le aziende continuano a pensare in singole app piuttosto che in una strategia mobile completa a lungo termine: una delle decisioni più intelligenti e [più] efficaci che le aziende possono fare è riconoscere il potenziale di ulteriori progetti mobili in anticipo."

Aziende che vuole lavorare per una strategia mobile a lungo termine deve creare l'architettura e le strutture che supporteranno un'efficace creazione di app, consentendo al business la libertà di creare le esperienze utente che guidano l'eccellenza mobile, ha affermato McGloin. Le aziende possono saperlo, ma i miti persistenti sullo sviluppo mobile intimidiscono molte organizzazioni. FeedHenry ha analizzato di recente i dati dei suoi clienti per identificare e smascherare cinque false credenze sui progetti mobili.

Mito: le app aziendali impiegano almeno sei mesi per svilupparsi e implementare.
Verità: Alcune organizzazioni richiedono ovunque da 10 a 100 app per servire diverse business unit. Se la convinzione comune che un'app richiede un anno e mezzo per la creazione e il lancio è vera, la quantità di tempo necessaria per creare tali app può essere proibitiva per il progresso mobile dell'azienda. Ma la piattaforma mobile giusta può dimezzare questo tempo di sviluppo di app "standard". Per gli sviluppatori, la chiave è riutilizzare i servizi di back-end e codice laddove possibile per accelerare l'integrazione, ha detto McGloin.


Mito: Le app non saranno in grado di accedere ai dati memorizzati nei sistemi legacy.
Verità:
Le organizzazioni aziendali che hanno fatto grandi investimenti in sistemi come il software ERP (Enterprise Resource Planning) sono titubanti nello sviluppo di app mobili che non possono essere facilmente integrate in queste tecnologie esistenti. Una suite di app aziendali può connettersi a più sistemi di back-end e API come Sharepoint, Oracle, MySQL e SAP, che potrebbero non essere necessariamente accessibili tramite dispositivi mobili. Questo può rallentare il processo di sviluppo o rendere inutilizzabili le app mobili. Trovare una soluzione MBaaS (back-end mobile come servizio) di livello enterprise con un'infrastruttura API risolve questi problemi e consente ai dispositivi mobili di accedere facilmente ai sistemi legacy.

Mito: gli sviluppatori di app mobili devono stare al passo con numerosi linguaggi e framework di codifica.
Verità: Secondo Forrester, gli sviluppatori di app spesso impiegano fino a 10 linguaggi di codifica diversi per progetti di app mobili aziendali (HTML5, JavaScript, Objective C, C #, Sencha Touch, Node.js, ecc.). Per semplificare lo sviluppo, McGloin ha consigliato l'utilizzo di piattaforme di app con un approccio "porta il tuo toolkit" che ti consente di utilizzare i linguaggi di codifica con i quali ti senti più a tuo agio.

Mito: le app aziendali sono sempre pesanti in termini di dati
Verità: Geeknado ha riferito che gli smartphone 4G utilizzeranno 5.114 MB al mese in dati cellulari entro il 2017 e l'utilizzo del tablet aumenterà a 5.387 MB al mese entro lo stesso anno, spingendo cellulari e l'utilizzo dei dati tablet è aumentato del 292% e del 556%, rispettivamente, nell'arco di cinque anni. Le migliori piattaforme mobili devono prelevare grandi quantità di dati dal back-end e trasmettere un piccolo set di dati filtrati al telefono per ridurre la domanda generale di trasmissione dei dati. Cerca una soluzione che limiti la dimensione dei dati trasferiti per ogni app a meno di 1 MB, ha detto McGloin.

Mito: un capo di sviluppo mobile designato può gestire lo sviluppo di app a livello aziendale.
Verità: Questo il mito presuppone che una figura centrale seguirà con successo lo sviluppo e la distribuzione di un'app. In realtà, il progetto di sviluppo medio richiede almeno 20 persone, tra cui dirigenti, sviluppatori, responsabili di progetto, rappresentanti IT e parti interessate dei dipendenti. Collaborando e utilizzando gli stessi standard e requisiti della tecnologia, un team mobile composto da più persone può guidare i progetti su più unità aziendali senza creare nuovi silos.

Quindi perché le aziende continuano a credere a questi miti? McGloin ha notato che lo sviluppo mobile può essere caotico per le aziende che mancano di una strategia forte, e il tentativo di tenere il passo con gli ultimi strumenti e tecnologie può rendere l'intero processo molto più complicato di quanto non sia in realtà. Trovare una buona soluzione basata su cloud adatta alle esigenze della tua azienda può aiutarti a navigare più facilmente nel mondo delle app mobili.

"Le aziende hanno molto da spartire", ha dichiarato McGloin a Mobby Business. "Ogni caso di utilizzo per le app aziendali può variare, con la conseguente necessità di linguaggi e toolkit di sviluppo diversi, connettività a diversi sistemi di back-end e origini dati e supporto su più versioni di sistemi operativi per dispositivi. Affrontare queste sfide e rendere lo sviluppo delle app un lavoro molto meno noioso di quanto sembri. "

Originariamente pubblicato su Mobby Business


Come trovare il partner B2B giusto per la tua azienda

Come trovare il partner B2B giusto per la tua azienda

Nei primi giorni della tua piccola azienda, potresti trovare più facile e più economico fare tutto da solo. Man mano che cresci, probabilmente avrai bisogno dell'aiuto di un fornitore o partner business-to-business (B2B) per svolgere attività come contabilità, spedizione, produzione e marketing. Ma non puoi semplicemente concludere un accordo con primo venditore che incontri.

(Attività commerciale)

La rete sociale La maggior parte dei dirigenti usa

La rete sociale La maggior parte dei dirigenti usa

C'è un social network Ciò richiama l'attenzione dei dirigenti di alto livello più di ogni altro. Complessivamente, l'88% dei dirigenti aziendali - tra cui presidenti, vicepresidenti esecutivi e senior e direttori di aziende - afferma che usano LinkedIn "spesso" o "molto spesso". Ciò rende LinkedIn il social network più popolare tra i dirigenti con un ampio margine.

(Attività commerciale)