Lo stato sociale percepito può influire sulla ricerca di un lavoro


Lo stato sociale percepito può influire sulla ricerca di un lavoro

La percezione della gente del loro il proprio status socioeconomico può contribuire al proprio status lavorativo, secondo una nuova ricerca.

Le persone che si considerano membri di una classe sociale inferiore possono avere più difficoltà a trovare un lavoro. Il problema è che i disoccupati che si sentono in una classe bassa potrebbero immaginarsi avere una rete sociale più piccola e meno diversificata di quella che effettivamente fanno, ferendo le loro possibilità di trovare un impiego, nuove ricerche mostrano.

Lo studio dell'Università Il professore del Michigan Ned Smith ha rivelato che quando sono minacciati dalla perdita di un lavoro, le persone che pensano di avere uno status sociale basso considerano le loro reti sociali e professionali più piccole e più dense di quanto non siano in realtà. Il modello tra persone di alto rango era esattamente l'opposto, con quelli che affrontano la disoccupazione immaginando che le loro reti siano più grandi e più diverse di quanto non siano in realtà.

[7 Cose importanti da sapere sulla ricerca di lavoro online]

Smith ha detto che le persone che percepiscono di avere uno status basso creano un ciclo frustrante tagliando mentalmente i legami della rete che potrebbero essere più preziosi per loro.

"Si sentono minacciati, si avvicinano alla loro rete, limitano il loro accesso alle informazioni su nuove opportunità, e si sentono ulteriormente minacciati ", ha detto Smith. "Questo ha implicazioni reali durante una crisi finanziaria quando aumentano le perdite di posti di lavoro."

La ricerca ha anche implicazioni per i professionisti delle risorse umane incaricati di licenziare i dipendenti.

"Quando un'azienda sta licenziando gente, qualcosa di semplice come ricordare alle persone che hanno una rete piena di risorse, o incoraggiarle a lanciare una vasta rete potrebbe aiutare a controbilanciare questo effetto ", ha detto Smith. "I consulenti del lavoro potrebbero guidarli verso LinkedIn e Facebook per mobilizzare le loro vecchie connessioni e assicurarsi che abbiano accesso a tutte le informazioni là fuori."

Il lavoro di Smith, intitolato "Differenze di stato nell'attivazione cognitiva dei social network", è stato co-autore di Tanya Menon e Leigh Thompson della Kellogg School of Management della Northwestern University. Appare nell'edizione gennaio-febbraio della rivista Organization Science.

Frank Godwin è uno scrittore freelance di Chicago che ha lavorato nelle relazioni pubbliche e ha lavorato per 10 anni come giornalista e ora lavora come libero professionista e tecnologia reporter. Puoi raggiungerlo a o seguirlo su Twitter @ mobbybusiness .


Freelance per l'attenzione! 15 grandi siti Web per trovare lavoro

Freelance per l'attenzione! 15 grandi siti Web per trovare lavoro

Mentre la "gig economy" continua a prosperare, sempre più professionisti hanno portato i loro talenti sulla strada e hanno trovato freelance o concerti a contratto con una vasta gamma di aziende. La pletora di siti web di annunci di lavoro e social network ha reso più facile che mai rintracciare concerti freelance.

(Carriera)

I lavoratori remoti lavorano meglio?

I lavoratori remoti lavorano meglio?

La possibilità di lavorare da casa non è più solo un vantaggio marginale per solo una manciata di impiegati, trova una nuova ricerca. In effetti, il telelavoro è diventato un luogo comune nell'attuale lavoro tecnologico-carico ambiente, secondo uno studio Gallup. In particolare, il numero di dipendenti che sono, o hanno a un certo punto della loro carriera, lavorato almeno un giorno al mese da casa è cresciuto di oltre il 300 percento negli ultimi 20 anni.

(Carriera)