Gli americani snobbano le carriere a favore della famiglia


Gli americani snobbano le carriere a favore della famiglia

I lavori possono essere scarsi, ma non sono così valutati come un tempo.

Questo è il risultato dei ricercatori del College of Business della Florida State University (FSU), che hanno scoperto che la recessione ha lasciato gli americani in dubbio sulla saggezza dei sacrifici legati alla carriera, tra cui il tempo lontano dalla famiglia, meno tempo libero e meno auto-miglioramento

I ricercatori hanno scoperto che piuttosto che indurre gli americani a porre maggiormente l'accento sull'importanza di avere un lavoro, la recessione e l'elevata disoccupazione hanno invece spostato l'attenzione dei lavoratori verso casa e famiglia.

Quasi la metà 1.100 dipendenti a tempo pieno intervistati dai ricercatori hanno detto che la recessione li ha aiutati ad apprezzare il valore delle persone rispetto alle cose ea promuovere un maggiore apprezzamento per le loro famiglie.

La ricerca ha anche evidenziato una disparità nel modo in cui le donne e Gli uomini hanno gestito le pressioni del lavoro durante la recessione.

Scavando un po 'più a fondo nei dati, era evidente che i pensieri riflessivi e spesso contriti degli uomini erano guidati dall'insicurezza del lavoro legata alla recessione e dal suo ruolo successivo nell'incoraggiare il lavoro ostile trattamento, ha detto Wayne Hochwarter, un professore di economia presso la FSU, che ha condotto la ricerca.

Tale stress è evidente nel commento di un partecipante allo studio, un manager di 48 anni di un impianto di produzione che è stato licenziato dal suo lungo datore di lavoro.

Mi sono rotto le spalle per questa compagnia, ho perso i miei figli crescendo e per cosa? Niente! L'uomo disse:

I pensieri delle donne, d'altra parte, sono stati innescati da conflitti tra lavoro e obblighi familiari. Le donne hanno riferito che gli obblighi lavorativi sono aumentati negli ultimi anni - sia in termini di tempo che di energia - con conseguente minor numero di ore impegnate nella vita familiare.

Non solo i lavoratori hanno riconsiderato l'importanza del lavoro relativo alla famiglia, ma più di un terzo di i lavoratori intervistati (37%) mettono in dubbio quanto sia importante il lavoro.

La recessione ha promosso pensieri che il lavoro non è importante come una volta nel grande schema delle cose ", ha detto Hochwarter.

I lavoratori hanno detto di rendersi conto che i loro instancabili sforzi sul lavoro potrebbero essere stati inutili.Il 42% dei lavoratori intervistati ha affermato che la maggior parte di ciò che accade sul lavoro è fuori dal proprio controllo indipendentemente dall'impegno e dallo sforzo. ha aumentato la loro motivazione ad essere una persona migliore piuttosto che un impiegato migliore.

Molte delle persone con cui abbiamo parlato sentivano che avere meno fiducia nel lavoro permetteva loro di dirigere più fiducia verso altre aree spesso trascurate La vita e, nella maggior parte dei casi, è stata la famiglia e gli amici, ha detto Tyler Everett, un altro ricercatore di studio.

La tendenza alla ricerca dell'equilibrio continuerà probabilmente, hanno detto i ricercatori, come più dipendenti della Millennial Generation - quelli nati all'incirca tra la metà -1970 e primi anni 2000: entra, e alla fine influenza, la forza lavoro. Con oltre 70 milioni di membri, i Millennials offrono una prospettiva unica, in cui il lavoro condivide lo stesso status (o minore) con altri aspetti importanti della vita come amici, famiglia e tempo libero, secondo lo studio, che è stato condotto anche da Stuart Tapley .

La ricerca è in preparazione per la pubblicazione.

  • Militari superati Disney, Microsoft come felice posto di lavoro


Vuoi un lavoro che ti renda felice? Lavoro per una piccola impresa

Vuoi un lavoro che ti renda felice? Lavoro per una piccola impresa

Se ti trovi insoddisfatto del tuo lavoro aziendale, prova a cercare lavoro in un'azienda più piccola. Il più felice i dipendenti lavorano per le imprese con meno di 10 dipendenti, secondo uno studio condotto dal personale Robert Half e dall'esperto di felicità e benessere Nic Marks. In particolare, su una scala da 0 a 100, i lavoratori nelle imprese con meno di 10 dipendenti hanno un punteggio di felicità pari a 76, mentre quelli che lavorano per le aziende con tra 10 e 50 dipendenti hanno un punteggio di 72.

(Carriera)

Come diventare un insegnante

Come diventare un insegnante

Ci sono molte opportunità di insegnamento diverse. Se hai un diploma di scuola superiore o un master, un talento artistico o un capo per la meccanica, c'è probabilmente un lavoro di insegnamento là fuori che è giusto per te. Ecco alcune informazioni per aiutarti a iniziare il percorso verso il divenire un insegnante, inclusa una panoramica di ciò che il lavoro comporta davvero, dove puoi aspettarti di lavorare, quanti soldi potresti guadagnare e quali sono le qualifiche necessarie per ottenere il lavoro.

(Carriera)