La dipendenza da smartphone è reale ... e dilagante


La dipendenza da smartphone è reale ... e dilagante

Il nostro attaccamento ai nostri dispositivi mobili è sfuggito di mano? Critici come il professore di Harvard Leslie Perlow, autore di "Dormire con lo smartphone: come rompere l'abitudine 24/7 e cambiare il modo di lavorare" (Harvard Business Review Press, 2012), direbbero che la risposta è sì. Dopo tutto, i nostri telefoni sono le prime cose che molti di noi raggiungono quando ci svegliamo la mattina e spesso l'ultima cosa che controlliamo prima di andare a dormire la notte, mostra un nuovo studio.

Alcuni di noi, infatti, Metti più tempo e TLC nei nostri telefoni che investiamo nelle nostre relazioni personali. C'è una forte evidenza che abbiamo sviluppato una nuova mentalità mobile che influenza i nostri pensieri, emozioni e comportamenti, secondo uno studio sponsorizzato da Lookout, un'azienda di sicurezza mobile.

Rimanere in contatto è diventata un'ossessione nazionale, lo studio ha rilevato. Quasi il 60 percento degli intervistati ha dichiarato di non passare un'ora senza controllare i propri telefoni. Più sei giovane, più forte è quell'ossessione: il 63% delle donne e il 73% degli uomini che compongono la generazione millenaria (dai 18 ai 34 anni) affermano di non poter andare un'ora senza controllare i telefoni.

E noi Siamo riluttanti a dire buona notte ai nostri dispositivi. Più della metà (54%) degli intervistati ha affermato di controllare i telefoni mentre sono a letto prima di andare a dormire, dopo il loro risveglio e persino nel mezzo della notte.

Il nostro allegato mobile ci fa anche trasgredire regole di etichetta - e buon senso - per rimanere in contatto, lo studio ha trovato. Quasi un terzo degli intervistati ha ammesso di controllare i propri telefoni mentre condividono un pasto con altri e quasi un quarto degli intervistati (24%) si impegna in comportamenti a rischio, come il controllo dei propri telefoni durante la guida. Anche le case di culto non ricevono alcun passaggio; quasi il 10% degli intervistati ha dichiarato di controllare i propri telefoni durante i servizi religiosi.

Potremmo anche essere emotivamente sovradimensionati nei nostri dispositivi, suggerisce lo studio. Quasi tre quarti (73%) degli intervistati hanno dichiarato di sentirsi "in preda al panico" quando hanno mal riposto i loro telefoni. Un altro 14% ha dichiarato di sentirsi "disperato" mentre il 7% ha dichiarato di sentirsi "malato". Solo il 6% ha dichiarato di sentirsi "sollevato".

"I nostri telefoni sono la nostra ancora di salvezza, dalla condivisione di foto con i social network allo shopping e alla gestione di conti bancari", ha dichiarato Alicia diVittorio, avvocato della sicurezza mobile di Lookout. "I risultati dimostrano che il nostro attaccamento agli smartphone sta guidando una nuova mentalità mobile: i nostri comportamenti, le emozioni e le interazioni sociali sono influenzati dagli smartphone nella misura in cui ora svolgono un ruolo importante nei nostri sistemi di valori".

Siamo anche su Facebook e Google+ .


Dell Venue 8 Pro contro iPad Mini con display Retina: Tablet da 8 pollici per le aziende

Dell Venue 8 Pro contro iPad Mini con display Retina: Tablet da 8 pollici per le aziende

Vuoi condurre la tua attività su un tablet più piccolo? La nuova offerta di Dell è un forte concorrente per il lavoro. Nonostante le sue piccole dimensioni, Dell Venue 8 Pro vanta la maggior parte delle funzionalità del fratello maggiore, Venue 11 Pro. Oltre a un nitido display da 8 pollici, Venue 8 Pro è dotato di un processore quad-core scattante e gestisce la versione completa di Windows 8.

(Attività commerciale)

Cloud, Mobile e Analytics: consiglio di IBM Exec per le piccole imprese

Cloud, Mobile e Analytics: consiglio di IBM Exec per le piccole imprese

Le piccole imprese affrontano grandi sfide quando si tratta di adottare nuove tecnologie. Dalle considerazioni finanziarie significative agli ostacoli con l'implementazione e - a causa del ritmo rapido con cui la tecnologia cambia - la paura dell'obsolescenza, molte piccole imprese sono riluttanti a apportare modifiche tecnologiche alle loro operazioni.

(Attività commerciale)