Domande di intervista di lavoro strane che potrebbero non essere legali


Domande di intervista di lavoro strane che potrebbero non essere legali

Secondo gli studiosi, le sconcertanti domande di colloquio di lavoro progettate per testare gli intervistati su come affrontare le sfide potrebbero essere più problematiche di quanto valgano,

Uno studio condotto da ricercatori dell'Università statale di San Francisco ha scoperto che l'uso di domande di "colloquio di enigmistica", come il motivo per cui i tombini sono in giro o quanti barbieri sono nella tua città, non solo lascia i candidati con una cattiva impressione del datore di lavoro, ma apre anche l'intervistatore a potenziali problemi legali.

Chris Wright, professore associato di psicologia presso la San Francisco State University, ha affermato che i candidati qualificati a cui non piace lo stile dell'intervista potrebbero evitare le società che utilizzano domande di enigmi e che domande considerate ingiuste o non pertinenti a un lavoro potrebbe essere oggetto di una causa per le assunzioni.

"Allora c'è ancora la domanda che si trova là fuori, ovvero che questi puzzle misurano effettivamente qualcosa?" Wright ha detto. "Penso che ci sia la sensazione che questi tipi di domande misurino costrutti ampi come l'intelligenza, ma che ci possano essere strumenti molto migliori là fuori per misurarlo."

Lo studio ha scoperto che le domande sui rompicapo sono particolarmente popolari in ambito tecnico e finanziario industrie, dove i responsabili delle assunzioni le vedono come una buona misura della creatività, della flessibilità, del pensiero critico e della capacità di lavorare in situazioni nuove e scomode.

Come parte dello studio, i ricercatori hanno filmato interviste simulate con domande tradizionali e puzzle, e ha chiesto agli studenti universitari di guardare le interviste e valutare sia il contenuto dell'intervista sia le prestazioni del cercatore di lavoro. Le interviste ai rompicapo hanno avuto per lo più reazioni negative, anche dopo che agli studenti è stato detto che il candidato era intervistato per una posizione come ingegnere informatico o analista finanziario.

L'esperimento ha rivelato che, rispetto alle tradizionali domande dell'intervista sulle prestazioni e gli obiettivi del lavoro passato , le persone considerano le domande dei puzzle in modo ingiusto.

Una svolta interessante dell'esperimento, tuttavia, è stata che gli studenti hanno ritenuto che le ricorrenti si comportassero meglio nelle interviste con i rompicapo rispetto a quelle tradizionali. Wright attribuisce questi risultati alla convinzione che le domande sui rompicapo possano sembrare così folle che gli studenti che hanno valutato le interviste sono rimasti colpiti dall'equilibrio e dalle risposte relativamente decenti fornite dal richiedente.

Nonostante la loro impopolarità, coloro che cercano lavoro devono essere preparati per domande sui rompicapo a patto che aziende come Google e Microsoft continuino a usarle.

"Quello che trovo, quando vedo gli studenti laureati entrare nella forza lavoro, è che raramente hanno conoscenza di questi tipi di domande", ha detto Wright .

Il professore associato ha detto di dare ai suoi studenti due consigli primari.

"Aspettatevi l'inaspettato e siate consapevoli che potreste avere una domanda off-the-wall come questa", ha detto Wright. "E renditi conto che nessuno è davvero alla ricerca di una risposta giusta, perché così tante di queste domande sono davvero più orientate verso la valutazione del tuo processo mentale."

Lo studio, che è stato co-autore dell'ex studente laureato a San Francisco Steven Oshiro , Chris Sablynski della University of the Pacific e Todd Manson della Indiana University, Southeast, è stato pubblicato online sul Journal of Applied Social Psychology.


Gen X diviso tra interazione personale ed elettronica

Gen X diviso tra interazione personale ed elettronica

Lest pensi che i social media siano strettamente il dominio dei millennial esperti di tecnologia, ripensateci. Un nuovo studio degli adulti di Generazione X mostra che quelli di 30 e 40 anni usano i social media online, come Facebook e Twitter, per circa la metà delle loro comunicazioni con colleghi, amici e familiari.

(Generale)

I dipendenti del collaboratore si fidano di più

I dipendenti del collaboratore si fidano di più

Se l'assistente amministrativo dell'ufficio - più del tuo capo - è la persona a cui ti rivolgi per primo, non sei solo, mostra una nuova ricerca. Uno studio del rivenditore di forniture per ufficio Staples ha rivelato che l'assistente amministrativo è il più fidato impiegato d'ufficio, davanti sia al capo che allo specialista delle risorse umane.

(Generale)