Hai hopper di lavoro? Come adattarsi ai moderni tassi di fatturato


Hai hopper di lavoro? Come adattarsi ai moderni tassi di fatturato

Se salti da un lavoro all'altro, non è più considerato friabile o inaffidabile - è normale.

Ma per quanto tempo i datori di lavoro si aspettano che i lavoratori restino in giro? La società di software di reclutamento Jobvite ha recentemente pubblicato dati su come funziona il salto del lavoro nella forza lavoro odierna. Il rapporto ha rilevato che il 42% delle persone in cerca di lavoro cambia lavoro da uno a cinque anni. Più del 8% rispetto al 2016.

Il report descrive questo fenomeno come l'età dell'iper-hopper, una parola Jobvite coniata per una nuova generazione di lavoratori che passa in media ogni tre o tre anni.

"[Iper-hopper] tendono ad essere giovani, single o guadagnano meno di $ 25.000 all'anno", ha dichiarato Rachel Bitte, responsabile del personale di Jobvite. "È logico - questo gruppo demografico sta ancora esplorando i propri percorsi di carriera e potrebbe testare diversi lavori per ottenere un set di competenze più diversificato e se un dipendente non sta guadagnando tanto denaro per cominciare, c'è solo altro da guadagnare nell'esplorazione altre opzioni. "

Il rapporto di Jobvite suggerisce che le persone in cerca di lavoro hanno più probabilità di saltare tra i lavori perché non sono soddisfatti nella loro posizione attuale. Secondo lo studio, solo il 64% delle persone in cerca di lavoro è soddisfatto sul lavoro, mentre l'82% è aperto a nuove opportunità di lavoro.

La soddisfazione lavorativa è in calo rispetto al 2016, quando il 74% delle persone in cerca di lavoro era soddisfatto, con la stessa quantità aperto a nuove opportunità.

Bitte crede che anche l'hobbistica sia in aumento perché è un mercato per chi cerca lavoro. Con i social media e le offerte di lavoro online, vediamo costantemente nuove opportunità, il che significa più possibilità di avanzare nella nostra carriera.

"Sono finiti i tempi di aspettare con ansia di sentire attraverso la vite che il lavoro dei tuoi sogni si era appena aperto" disse. "I lavoratori possono trovare queste informazioni e fare domanda online adesso, e stanno sfruttando appieno la possibilità di farlo."

Anche quando non stai cercando attivamente un lavoro, Bitte ha detto che i reclutatori ti stanno attivamente cercando . Con forti culture aziendali e un'enfasi sulla soddisfazione dei dipendenti, i reclutatori possono attrarre candidati anche se sono allegramente occupati.

Con più individui disposti a cambiare lavoro, il talento è là fuori - è solo questione di trovare e attirare le persone giuste per la tua azienda. È anche importante non licenziare automaticamente qualcuno che fa un salto di lavoro.

"Qualcuno che cambia lavoro per costruire una carriera mostra iniziativa, ma qualcuno che salta la nave nel momento in cui si annoiano è una bandiera rossa", ha detto Bitte a Mobby Business. "Quando i datori di lavoro valutano il movimento di un candidato da un lavoro all'altro, dovrebbero cercare di capire perché il candidato sta cambiando lavoro e cosa il candidato ha fatto per sfruttare al massimo le loro precedenti posizioni."

Quando un candidato cambia lavoro spesso, considerare se hanno completato un grande progetto o sviluppato una nuova abilità. Chiediti se è più probabile che abbiano superato le opportunità o se abbiano avuto un disaccordo con il management.

"Ci sono una miriade di ragioni per lasciare un lavoro", ha detto Bitte. "Schermate iper-tramogge per la loro [ragione] e decidete se rappresentano la cultura della vostra azienda".

Una volta trovato il dipendente giusto, assumeteli rapidamente, ha dichiarato Sloane Barbour, direttore regionale di Jobspring Partners e Workbridge Associates New York. Se aspetti troppo a lungo, è probabile che la persona sia già fuori dal mercato, ha detto.

Alcune interviste su fonti sono state condotte per una versione precedente di questo articolo.


Vuoi dipendenti più sani? Trattali con precisione

Vuoi dipendenti più sani? Trattali con precisione

Quando le percezioni dei dipendenti di equità su questioni come retribuzione, premi, promozioni e incarichi cambiano, così fanno le loro percezioni della loro salute, trova un nuovo studio europeo. "Le persone che si sentono abbastanza trattate non solo hanno maggiori probabilità di essere motivate sul lavoro e fanno il miglio supplementare per la loro organizzazione, ma hanno anche più probabilità di essere in buona salute, avere uno stile di vita attivo e sentirsi positivo, "Constanze Eib, uno degli autori dello studio e docente di comportamento organizzativo presso l'Università dell'East Anglia in Inghilterra, ha dichiarato in una dichiarazione.

(Comando)

Dietro la ricerca: networking nell'era dei social media

Dietro la ricerca: networking nell'era dei social media

Negli anni '80, l'antropologo Robin Dunbar usava le dimensioni del cervello e altri dati per calcolare il maggior numero di persone con cui una persona tipica potesse avere una relazione sociale. Quel numero era 150, e divenne noto come il numero di Dunbar. Da quel momento, Dunbar ha aggiornato il numero di nomi e facce che le persone possono destreggiarsi in situazioni sociali, aumentando il numero massimo a 1.

(Comando)