Ottenuto licenziato? Ecco cosa dovresti fare Successivo


Ottenuto licenziato? Ecco cosa dovresti fare Successivo

Nessun dipendente desidera mai sentire le parole "sei licenziato". Hai una carriera da continuare, bollette da pagare e forse anche una famiglia da sostenere, e lasciarti andare o licenziare può essere davvero devastante, indipendentemente dal motivo alla base.

Quindi cosa dovresti fare se hai hai perso il lavoro? Mobby Business ha chiesto ai proprietari di imprese e ai professionisti delle risorse umane il loro consiglio su come essere licenziati. Prima ancora di pensare di applicare a nuovi lavori, ecco le prime tre cose che dovresti fare se sei stato licenziato, dicono gli esperti.

"La prima cosa da fare è chiedere se può andare alla tua scrivania e prendere le tue cose ", ha detto Donna Ballman, avvocato per l'impiego e autrice di" Alzati per non farti licenziare "(Career Press, 2012). "Molte persone lasciano i loro averi, la sicurezza o le risorse umane potrebbero doverti accompagnare, ma ottieni i tuoi beni. Non è permesso loro di conservare le tue cose".

Diventa un po 'più complicato per cose come il tuo computer di lavoro, anche se. Se si tratta di proprietà dell'azienda, l'azienda potrebbe non consentirti di recuperare i tuoi file o eliminare informazioni dai tuoi dispositivi prima di partire.

"Non è necessario che tu stampi o copi tutto ciò che è nelle loro proprietà", ha detto Ballman, aggiungendo che non si dovrebbero mai tenere importanti informazioni personali su dispositivi di proprietà dell'azienda, per ogni evenienza. Questo è particolarmente importante se si sono tenuti registri di problemi gravi come le molestie sessuali; se conservi questi record sul tuo computer di lavoro, potresti perderli per sempre.

Se sei in grado di accedere ai tuoi dispositivi e file, ecco cosa Ballman dice che devi salvare e copiare immediatamente:

  • Documentazione di tutto ciò che l'azienda deve tu (ad esempio, commissioni, bonus e altri contratti)
  • Prova di eventuali contratti ancora in corso di elaborazione che ritieni di avere ancora diritto al pagamento dopo aver lasciato
  • Qualsiasi prova che potresti avere di discriminazione o molestie in base all'età, al sesso o al genere, razza, nazionalità, religione o disabilità
  • Copie di tutti i tuoi contratti di lavoro e non commerciali
  • Rendimenti, valutazioni, encomi, premi, annotazioni, record di disciplina e lettere di raccomandazione

Ballman ha anche detto che dovresti cercare altri documenti che ritieni possano essere utili al tuo avvocato o all'agenzia statale per la compensazione della disoccupazione.

Una volta che hai raccolto le tue cose e sei andato a casa, dovrebbe concentrarsi sulla riflessione sul tuo le mosse della carriera e, cosa più importante, la tua salute mentale.

Rosalie Robinson, fondatrice della società di consulenza per le risorse umane Consilium Human Capital, ha affermato che essere licenziati può indurre la maggior parte delle persone a mettere in discussione la propria autostima, dubitare delle proprie capacità e preoccuparsi delle proprie finanze , quindi è importante valutare il tuo stato d'animo prima di fare qualsiasi altra cosa.

Questo potrebbe significare richiedere molto tempo per riprendersi, ha detto Steve Spiers, direttore della società di consulenza aziendale BPI Group.

"Consiglio sempre le persone non fanno nulla all'inizio, sia che sia solo per pochi giorni o anche per poche settimane ", ha detto Spires. "Hai bisogno di questo tempo per fare un passo indietro e decidere dove vuoi andare oltre a elaborare le emozioni che derivano da una perdita di lavoro."

E non prendersi il tempo giusto per recuperare prima di provare ad andare avanti con il tuo la carriera potrebbe effettivamente danneggiare le tue possibilità di trovare un nuovo impiego.

"Se la tua fondazione è scossa, apparirà in tutto ciò che fai, dal chiamare i potenziali datori di lavoro alle parole [che usi] nel ridisegnare il tuo curriculum," Robinson disse. "Devi assicurarti che le tue basi emotive vengano vendute prima di ricostruire."

Robinson suggerì di parlare con un career coach o di visitare la tua Workforce Commission o il Dipartimento del lavoro locale, dato che queste organizzazioni possono fornirti supporto. Un'altra opzione, ha osservato, è di approfittare del programma di assistenza ai dipendenti del tuo ex datore di lavoro, se disponibile. Risorse come questa possono aiutarti a fare i conti con la perdita del tuo lavoro prima di ricominciare con la ricerca del lavoro troppo rapidamente.

"Troppo spesso, le persone commettono l'errore di saltare nella ricerca di lavoro prima che siano veramente pronte", ha detto Spires. "Vuoi essere concentrato nella tua ricerca, e non vuoi che le eventuali emozioni negative associate al licenziamento si presentino mentre stai lavorando in rete o parli con potenziali datori di lavoro."

Salvo avere un altro lavoro o gestire un'attività secondaria, perdere il lavoro significa perdere il proprio reddito. Ciò significa che devi sapere quanto hai in risparmi e per quanto tempo puoi vivere dei tuoi risparmi mentre cerchi un nuovo impiego. Joni Daniels, responsabile della pratica di consulenza per la formazione manageriale Daniels & Associates, ha sottolineato l'importanza di creare un budget dopo aver perso il lavoro.

"È sempre meglio avere un reddito di sei mesi come risparmio come misura preventiva", ha affermato Daniels. "Che tu lo abbia fatto o no, è bello vedere quali sono le tue spese e dove potresti essere in grado di tagliare mentre non hai entrate o non sono sicuro di quando il tuo reddito riprenderà."

Steve Gibson, direttore al servizio di creazione di form online Jotform ha anche osservato che è in regola un controllo di realtà finanziaria.

"Nessuno vuole perdere denaro, [ma dovresti] calcolare quanti mesi puoi mantenere il tuo attuale tenore di vita senza reddito, "Gibson ha detto. "Se è breve, considera di ridurre".

Gibson ha anche detto che dovresti essere sicuro di presentare i sussidi di disoccupazione e cercare altri modi per risparmiare denaro dove puoi.


I team lavorano meglio quando i dipendenti si prendono cura l'un l'altro

I team lavorano meglio quando i dipendenti si prendono cura l'un l'altro

Quando i dipendenti lavorano in gruppo, vengono meglio serviti concentrandosi maggiormente su come possono avvantaggiare gli altri, e non solo se stessi, rileva una nuova ricerca. Quando i membri del team sono più motivati ​​ad aiutare gli altri, anche a la spesa delle proprie prestazioni, i loro team hanno prestazioni migliori, uno studio pubblicato di recente sull'Academy of Management Journal trovato.

(Carriera)

Il mobbing sul posto di lavoro spesso rimane impunito

Il mobbing sul posto di lavoro spesso rimane impunito

La National Football League non è l'unico ambiente di lavoro con un problema di bullismo, mostra una nuova ricerca. Infatti, il 27% dei dipendenti statunitensi è stato vittima di bullismo sul lavoro e il 7% di questi incidenti si è verificato nell'ultimo anno, secondo uno studio del Workplace Bullying Institute, un'organizzazione statunitense dedita allo sradicamento del bullismo sul posto di lavoro.

(Carriera)