La recessione genera una nuova razza di imprenditori "casuali"


La recessione genera una nuova razza di imprenditori

La Grande Recessione ha generato una nuova generazione di "imprenditori accidentale" più guidati dai profitti che dalla passione, rileva un nuovo studio. A differenza della maggior parte dei fondatori di piccole imprese che hanno lanciato le loro aziende prima che l'economia fosse affondata nel 2008, questi imprenditori new-wave hanno iniziato le loro attività per pura necessità piuttosto che per il sogno di "essere il loro capo". Questi professionisti agili, altamente istruiti, esperti di tecnologia e battaglie collaudate sono come "velociraptor" in circolo in attesa di banchettare sulla mandria, ha detto un analista.

Le aziende formate da questi imprenditori accidentali sono pronte per una crescita esplosiva, in particolare le aziende con un numero di dipendenti compreso tra 10 e 49 e stanno sfruttando in modo aggressivo tecnologie come il cloud computing per velocizzare il loro successo, secondo un sondaggio condotto da 305 responsabili delle decisioni IT in aziende di piccole e medie dimensioni (da tre a 250 dipendenti) condotte da Forrester Research per conto di Symantec.

"Queste aziende sono nate dalla recessione, si concentrano su Internet e stanno trovando mercati indirizzabili da dominare", ha dichiarato a MobbyBusiness Brian Burch, VP delle comunicazioni di marketing di SMB e cloud di Symantec. "Sono meno silenziosi, molto agili, prendono le proprie decisioni e sono più indipendenti dei fondatori della pre-recessione, sono disposti a vincere sul mercato."

Sono anche sinceri riguardo la loro attenzione al profitto, lo studio ha scoperto . Più della metà (54 percento) dei fondatori di piccole imprese avviate nei giorni bui della recessione considera la propria azienda un business in crescita con uno stratega di uscita rispetto a un'attività di lifestyle, che è del 15 percento più alta rispetto alle società pre-recessione.

E anche la loro strada verso l'imprenditorialità è diversa. Più di un terzo dei fondatori di queste società proveniva da una posizione in una grande azienda con oltre 500 dipendenti. Sono professionisti qualificati che sono abituati a guadagnarsi da vivere e che hanno bisogno di reinventarsi per mantenere il loro tenore di vita - il 35% ha lasciato i propri dipendenti a causa della recessione, mentre un altro 8% proviene da altri contesti imprenditoriali accidentali, come i nuovi " "non urgenti" o militari di ritorno.

Sono anche più fiduciosi di una precedente generazione di imprenditori. Quasi la metà delle attività generate durante la recessione prevede di raddoppiare il numero di dipendenti nei prossimi due anni e tre quarti prevedono una crescita delle entrate superiore al 10%. In confronto, solo il 12% delle aziende fondate prima del 2008 si aspettano di raddoppiare i dipendenti. È la stessa storia con le previsioni sulle entrate. Solo il 39% delle aziende che hanno fondato la pre-crisi prevedono una crescita di oltre il 10%.

Mentre lo studio ha rilevato che tutte le piccole imprese stanno adottando in modo aggressivo lo storage e il backup cloud, le aziende fondate da imprenditori occasionali lo fanno in un ritmo più veloce. È anche più probabile che acquisiscano tecnologie di vendita al dettaglio per poi modificarle man mano che le loro esigenze diventano più complesse.

La crescita di queste aziende avverrà a spese di proprietari di piccole imprese meno tecnicamente più fiduciosi, meno agili e meno collegati, Il sondaggio prevede:

"Sono come i velociraptor", ha detto Burch. "La sopravvivenza del più adatto è un paradigma provato".

Proprio come il profitto ha sostituito la passione nella gerarchia dei bisogni per questi imprenditori accidentali, don ' Aspettiamo che innovino la loro strada verso il successo. Come gruppo, si concentreranno più sull'ottimizzazione che sul pionierismo.

"Eseguiranno il playbook meglio e più velocemente di chiunque altro", ha detto Burch. "La definizione di imprenditorialità cambierà nei prossimi 10 o 20 anni."

Siamo anche su Facebook E Google+ .


Perché lo shopping può essere buono per te

Perché lo shopping può essere buono per te

Quella sensazione di felicità che ottieni dopo lo shopping potrebbe non essere un'illusione. In effetti, lo shopping può essere buono per la tua autostima. Una nuova ricerca suggerisce che l'acquisto di prodotti attraenti migliora l'autostima dei clienti e apre le loro menti ad altre scelte e punti di vista.

(Generale)

5 Modi per proteggere la tua azienda dai dispositivi dei dipendenti

5 Modi per proteggere la tua azienda dai dispositivi dei dipendenti

Mentre milioni si allineano per comprare il nuovo iPhone 4S, non si può negare che BYOD (Bring Your Own Device) è una forza inarrestabile. Questa è la contesa di Troy Harrison, vice president of product management di Bomgar, un fornitore di soluzioni di supporto remoto. Harrison cita una recente ricerca di Gartner che prevede che il 90% delle organizzazioni supporterà applicazioni aziendali di qualche tipo su dispositivi personali entro il 2014.

(Generale)