Il reclutamento sociale diventa la norma


Il reclutamento sociale diventa la norma

Reclutamento sociale, il processo di assunzione delle persone attraverso i social media i siti, piuttosto che le tradizionali liste di richieste di aiuto, sono diventati la norma per la maggior parte delle aziende, secondo una recente indagine su 1.000 risorse umane e professionisti del reclutamento.

Un sondaggio di Jobvite ha rivelato che il 92% delle aziende americane utilizza social network e media per trovare nuovi talenti, rispetto al 78 percento del 2007.

La ricerca ha scoperto che mentre LinkedIn continua ad essere la rete di reclutamento più popolare, sempre più aziende si rivolgono ad altri popolari siti di social networking per trovare candidati qualificati. Due terzi delle aziende ora reclutano tramite Facebook, con più della metà utilizzando Twitter.

"Continuiamo a vedere il reclutamento sociale guadagnare popolarità perché è più efficiente dei giorni passati a setacciare un pagliaio di curriculum", ha detto Dan Finnigan, presidente e CEO di Jobvite.

Oltre alla sua efficienza, molti reclutatori stanno aumentando il loro uso dei social media a causa del successo che stanno avendo con esso. Lo studio ha rilevato che oltre il 70% dei datori di lavoro ha assunto un candidato attraverso i social media, dal 58% nel 2010.

Inoltre, dall'implementazione del recruiting sociale, quasi la metà dei professionisti delle risorse umane intervistati ha ricevuto più candidati tra cui scegliere, con oltre il 40% ritiene di aver portato a un miglior pool di candidati.

"Il reclutamento sociale è diventato la norma perché funziona così bene", ha detto Eric Hollander, responsabile reclutamento globale presso Chiquita Brands International.

Lo studio evidenzia il importanza per chi cerca lavoro di mantenere pulito il proprio personaggio online. Mentre la maggior parte dei datori di lavoro ha risposto bene a vedere i post sui candidati di un impiego in organizzazioni professionali, fare volontariato per beneficenza e fare donazioni a organizzazioni non profit, altri comportamenti online hanno reso meno probabile che le aziende fossero interessate a un dipendente. Ad esempio, usare parolacce, fare riferimenti all'uso illegale di droghe, messaggi di natura sessuale e cattiva grammatica erano tutti molto disapprovati.

Gli intervistati hanno scoperto che i reclutatori e i responsabili delle assunzioni tendono a essere neutrali nelle loro reazioni alle opinioni politiche e post religiosi.


Perez Hilton ripete il suo marchio di celebrità Gossip

Perez Hilton ripete il suo marchio di celebrità Gossip

Perez Hilton è abituato ad essere chiamato per nome. Ma l'unica cosa che non vuole essere chiamata è un "magnate". "Non mi considero una celebrità. Non mi considero una persona famosa", Hilton, che ha creato un modello digitale impero di gossip sulle celebrità, ha detto MobbyBusiness. "Non mi considero più santo di te, è importante essere un uomo qualunque e una persona imparabile, non voglio essere percepito come un magnate, voglio essere percepito come un blogger.

(Generale)

Perché le vendite sono la cosa La maggior parte degli imprenditori si sbaglia

Perché le vendite sono la cosa La maggior parte degli imprenditori si sbaglia

Mike Shook, Managing Partner di Accelerence, ha contribuito con questo articolo a MobbyBusiness Voci esperte: Op-Ed & Insights. Harvard Business Review ha recentemente pubblicato una storia incentrata su ciò che gli imprenditori sbagliano. A nostro avviso, ci piace concentrarci su come possiamo aiutare gli imprenditori a fare le cose giuste - specialmente nella fase di crescita critica delle loro aziende.

(Generale)