Il tuo talento è sprecato al lavoro?


Il tuo talento è sprecato al lavoro?

Nonostante un sempre l'aumento del divario di competenze che porta le aziende americane a segnalare che non riescono a trovare impiegati qualificati, la maggioranza degli americani afferma di non utilizzare i propri talenti al lavoro. In effetti, il 57 percento delle persone intervistate ha affermato di utilizzare i propri punti di forza solo per sei ore o meno al giorno.

Un cambiamento in quella dinamica potrebbe non solo aiutare a risolvere il problema del lavoro, ma potrebbe aiutare a migliorare l'equilibrio tra vita lavorativa e vita privata dei lavoratori , dicono i ricercatori. La ricerca, condotta da Gallup, definisce i punti di forza come un'attività che le persone possono eseguire costantemente ad un livello elevato. Le donne hanno affermato di aver usato i loro punti di forza più degli uomini per tutto il giorno (7,1 ore al giorno). Gli uomini, d'altra parte, usavano i loro punti di forza solo per 6,6 ore al giorno. Solo il 24% delle persone ha dichiarato di utilizzare i propri punti di forza per più di 10 ore al giorno.

"La maggior parte degli americani non massimizza i propri punti di forza su base giornaliera, suggerendo una possibile strada per il miglioramento della vita importante e dei risultati di lavoro ", ha detto il sondaggio Gallup. "Questa opportunità è ancora maggiore tra quelle delle famiglie con un basso livello di istruzione e di reddito più basso: è possibile che queste persone siano in una posizione migliore per il successo nell'apprendimento, nella comprensione e nell'uso dei loro punti di forza, rispetto a dove si trovano attualmente."

Il reddito ha anche avuto un ruolo nel tempo in cui le persone hanno usato i loro punti di forza. Gli individui con un reddito annuo di $ 24.000 hanno riferito di usare i loro punti di forza per 5,8 ore al giorno mentre gli individui con redditi più alti erano in media da 6,7 ​​a 7 ore al giorno.


"È anche possibile che quelli con redditi più alti e istruzione abbiano raggiunto questi risultati in parte perché hanno sfruttato meglio i loro punti di forza nel tempo ", ha detto il sondaggio Gallup. "Considerando il valore - in termini di benessere e produttività - che l'utilizzo dei propri punti di forza crea, se più americani apprendono i propri punti di forza e li mettono in uso, potrebbe creare un impatto economico positivo negli Stati Uniti per le imprese, le comunità e gli individui . "

Questo impatto è visto nei lavoratori che mostrano maggiore autostima, speranza, altruismo e benessere generale. Inoltre, la ricerca ha scoperto che anche i lavoratori erano più propensi a svolgere il proprio lavoro, a svolgere un livello superiore e meno a lasciare un'organizzazione quando utilizzavano i propri punti di forza sul posto di lavoro. Ciò fornisce alle aziende una grande opportunità per mantenere felici i loro dipendenti impostandoli per utilizzare i loro punti di forza sul lavoro.

"Le unità aziendali i cui dipendenti ricevono feedback sui loro punti di forza sono, in media, più performanti. i loro punti di forza hanno dipendenti più impegnati, redditizi e produttivi ", ha detto il sondaggio Gallup.

La ricerca si è basata sulle risposte di 5.049 adulti in interviste telefoniche.


Consigli per l'intervista di lavoro per i veterani: pratica

Consigli per l'intervista di lavoro per i veterani: pratica

Mentre trovare un nuovo lavoro può essere difficile per chiunque, può essere particolarmente difficile per i veterani che passano alla forza lavoro civile. A un nuovo studio della Military Benefit Association ha rivelato che metà dei veterani, recentemente separati dall'esercito americano e attualmente disoccupati, non hanno avuto un lavoro a tempo pieno o parziale da quando hanno lasciato l'esercito.

(Carriera)

3 Motivi per cui sei infelice sul lavoro

3 Motivi per cui sei infelice sul lavoro

Per molti dipendenti, essere infelici al lavoro sembra essere la norma. Ma deve essere davvero così? Secondo un esperto di risorse umane, le ragioni per cui sei infelice nel tuo lavoro hanno a che fare con il modo in cui pensi al tuo lavoro. Questa è la tesi di Robert Giacalone, alias il Career Healer, che è un professore di gestione delle risorse presso la Temple University.

(Carriera)