Home Life sottolinea le mamme di lavoro Più che i papà


Home Life sottolinea le mamme di lavoro Più che i papà

Pensare a le questioni familiari in ufficio sono più stressanti per le mamme che i papà, nuove scoperte di ricerca.

In uno studio presentato all'Assemblea annuale dell'Associazione sociologica americana, i ricercatori hanno scoperto che considerare le questioni familiari durante la giornata di lavoro richiede un pedaggio maggiore su madri lavoratrici che padri sotto forma di stress aumentato ed emozioni negative.

Suppongo che, poiché le madri hanno la maggiore responsabilità per l'infanzia e la vita familiare, quando pensano alle questioni familiari, tendono a pensare agli aspetti meno piacevoli di esso - come il bisogno di prendere un bambino dall'assistenza diurna o di dover fissare un appuntamento con un medico per un bambino malato - e hanno maggiori probabilità di essere preoccupato ", ha detto l'autore dello studio Shira Offer, un assistente professore a Ba Università di r-Ilan in Israele.

La ricerca si basava sui dati del 500 Family Study, un'indagine multi-metodo su come le famiglie della classe media degli Stati Uniti bilanciano le esperienze familiari e lavorative. Il 500 Family Study era composto da 402 madri e 291 padri in famiglie con due genitori che hanno completato un sondaggio e un diario del tempo sul contenuto e il contesto della loro esperienza quotidiana, così come le emozioni associate a loro, nel corso di una settimana.

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che le madri che lavorano provano circa 29 ore di lavoro mentale - i pensieri e le preoccupazioni che possono compromettere le prestazioni - ogni settimana, rispetto a solo 24 ore settimanali per i padri che lavorano. A quel tempo, ciascuno di loro spendeva il 30% pensando a questioni familiari.

L'offerta dice che pensa che le aspettative della società spingano le madri ad assumere il ruolo di capofamiglia e le inducano a trattare in modo sproporzionato gli aspetti meno piacevoli dell'assistenza familiare.

" Credo che ciò che rende questo tipo di lavoro mentale un'esperienza complessivamente negativa e stressante per le madri sia che sono loro giudicati e ritenuti responsabili per questioni relative alla famiglia ", ha detto.

I ricercatori hanno anche scoperto che mentre i papà spendevano un una maggiore percentuale del loro tempo di lavoro mentale pensando a questioni lavorative rispetto alle madri, i pensieri e le preoccupazioni sul lavoro avevano meno probabilità di estendersi al di fuori dell'ufficio tra i padri. Un quarto dei padri del tempo impegnati in lavori mentali specifici per il lavoro, lo hanno fatto in contesti non lavorativi, rispetto al 34% tra le madri.

Poiché le mamme sono tradizionalmente quelle che adeguano il loro programma di lavoro per soddisfare le richieste della famiglia, sentiamo anche stress supplementare su come si comportano come dipendenti, ha detto Offerta.

"Le madri possono ritenere di non dedicare abbastanza tempo al loro lavoro e devono" recuperare ", e, di conseguenza, sono facilmente preoccupato di questioni relative al lavoro al di fuori del posto di lavoro ", ha detto. "Questo illustra il doppio onere - la pressione di essere" buone "madri e" bravi "lavoratori - che vivono le mamme che lavorano".

L'offerta ha detto di essere sorpresa dal livello relativamente basso di ricadute legate al lavoro dei padri. Ha pensato che in una cultura organizzativa che richiede ai lavoratori di essere accessibili e disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, i padri altamente istruiti che ricoprono posizioni professionali e manageriali si preoccupano spesso di questioni lavorative come lavori domestici o durante il tempo libero. .

"Sembra, tuttavia, che i padri siano abbastanza abili nel lasciare i loro problemi di lavoro alle spalle e siano meglio in grado di tracciare dei confini tra lavoro e casa", ha detto Offerta. "Credo che i padri possano permettersi di farlo perché qualcun altro, cioè il loro coniuge, si assume la maggiore responsabilità per la famiglia e l'assistenza ai bambini."

Lo studio suggerisce che i padri devono assumere un ruolo maggiore nell'assistenza familiare per rendere il lavoro è meno stressante per le madri che lavorano e alleggerisce il doppio carico che sperimentano, suggeriscono i ricercatori.

"È vero che i padri oggi sono più coinvolti nell'educazione dei figli e svolgono più lavori domestici rispetto alle generazioni precedenti, ma la maggiore responsabilità per il il regno continua a cadere in modo sproporzionato sulle spalle delle madri ", ha detto Offerta. "Questo deve cambiare".

L'offerta pensa che affinché questo cambiamento avvenga, i papà devono essere incoraggiati, piuttosto che penalizzati, per essere più attivi nella sfera domestica.

"Questo incoraggiamento dovrebbe avvenire a livello federale, statale e organizzativo facendolo per i padri, ad esempio, è possibile lasciare il lavoro in anticipo, iniziare il lavoro in ritardo, prendersi una pausa dal lavoro e prendere pause durante la giornata lavorativa per occuparsi di questioni relative alla famiglia ", ha affermato. "Penso che se i padri fossero in grado di farlo senza il timore di essere visti come lavoratori meno impegnati, avrebbero assunto maggiori responsabilità a casa, il che porterebbe a una maggiore uguaglianza di genere".


Gen X diviso tra interazione personale ed elettronica

Gen X diviso tra interazione personale ed elettronica

Lest pensi che i social media siano strettamente il dominio dei millennial esperti di tecnologia, ripensateci. Un nuovo studio degli adulti di Generazione X mostra che quelli di 30 e 40 anni usano i social media online, come Facebook e Twitter, per circa la metà delle loro comunicazioni con colleghi, amici e familiari.

(Generale)

L'imprenditorialità ispanica continua a crescere

L'imprenditorialità ispanica continua a crescere

Uno studio condotto dal fornitore di tecnologia di business intelligence Geoscape e dalla Camera di commercio ispanoamericana ha rivelato che il numero di imprenditori ispanici negli Stati Uniti è raddoppiato nel decennio delle paste, passando da 1,5 milioni nel 2002 a 3,1 milioni attesi dal fine di quest'anno.

(Generale)