Mantenerlo pulito: le analisi dei social media aumentano la popolarità


Mantenerlo pulito: le analisi dei social media aumentano la popolarità

Pensaci due volte prima di sbirciare sul tuo capo su Twitter o pubblicare foto del tuo weekend su Facebook. Potrebbe costarti il ​​tuo lavoro. Secondo uno studio di CareerBuilder, il 70% dei datori di lavoro utilizza i social media per selezionare candidati di lavoro prima di assumerli, dal 60% nel 2016 all'11% nel 2006.

Anche molti datori di lavoro stanno facendo un passo avanti. Quasi il 70 percento dei responsabili delle assunzioni utilizza motori di ricerca online come Google, Yahoo e Bing per cercare anche i candidati.

I responsabili delle assunzioni esaminano i social media per vari motivi, ma molti datori di lavoro vogliono assicurarsi che il candidato sia un buona misura con la loro compagnia. "Poiché tendiamo a considerare i nostri account personali dei social media come" personali ", ci sono buone probabilità che guardando il profilo di qualcuno, si possa dare uno sguardo alla propria personalità oltre il curriculum", ha dichiarato DeeAnn Sims, fondatore di SPBX.

Nota del redattore: Cerchi un software di reclutamento per la tua azienda? Per aiutarti a scegliere l'applicazione giusta per te, usa il questionario qui sotto per far sì che il nostro sito gemello, BuyerZone, ti fornisca gratuitamente informazioni di vari venditori:

While la paura di scoprire qualcosa di imbarazzante o negativo potrebbe indurre alcuni candidati a cancellare completamente la propria identità online, i datori di lavoro affermano che la strategia può ritorcersi contro molti candidati.

Un quarto dei responsabili delle assunzioni si aspetta che i candidati abbiano una sorta di presenza online e quasi il 60% ha meno probabilità di chiamare qualcuno per un'intervista se non riesce a trovarli online.

Che sia intenzionale o meno, sembra sempre che tu abbia qualcosa da nascondere, disse Sims. O hai preso in particolare le misure per assicurarti di non essere trovato, o stai usando un nomignolo infantile - nessuno dei quali è molto professionale.

Nonostante quali candidati di lavoro potrebbe pensare, la maggior parte dei datori di lavoro non stanno setacciando internet alla ricerca di ragioni per non assumerli. La maggior parte dei datori di lavoro sta cercando di trovare dei motivi per assumere qualcuno.

Lo studio CareerBuilder ha rilevato che il 61% dei datori di lavoro conduce screening sociali per cercare informazioni a supporto delle qualifiche del candidato per il lavoro, il 50% desidera assicurarsi che il candidato abbia un personaggio online professionale e il 37 percento vuole vedere quali altre persone pubblicano sul candidato. Solo il 24 percento degli intervistati controlla i social media per cercare ragioni per non assumere qualcuno.

Avere le loro pagine sui social media investigate ha dato i suoi frutti a molti cercatori di lavoro. La ricerca mostra che il 44% dei responsabili delle assunzioni ha trovato contenuti su un sito di social network che li ha indotti ad assumere il candidato. In particolare, il 38% ha dichiarato di aver trovato informazioni a supporto delle qualifiche professionali del candidato, il 37% ha scoperto che il potenziale impiegato aveva ottime capacità comunicative e il 36% era rimasto colpito dalla propria immagine professionale. Inoltre, il 35% ritiene che un candidato abbia mostrato un'eccellente creatività.

Per saperne di più su cosa pubblicare online per ottimizzare la ricerca di lavoro, leggi questa guida Mobby Business.

Mentre loro potrebbe non essere alla ricerca di qualcosa di negativo, più della metà degli intervistati ha dichiarato di aver trovato qualcosa durante le loro proiezioni sociali che li ha portati a non assumere qualcuno. I principali tipi di messaggi e comportamenti che hanno lasciato un'impronta cattiva all'imprenditore includono:

  1. Candidato ha pubblicato foto, video o informazioni provocatorie o inappropriate.
  2. Candidato ha postato foto di se stessi bevendo o usando droghe.
  3. Candidato ha avuto commenti discriminatori legati a razza, genere o religione.
  4. I candidati hanno messo male a bocca la loro precedente azienda o altri dipendenti.
  5. Candidato ha mentito sulle sue qualifiche.
  6. Il candidato aveva scarse capacità di comunicazione.
  7. Il candidato era legato al comportamento criminale.
  8. Candidato ha condiviso informazioni riservate da precedenti datori di lavoro.
  9. Il nome dello schermo del candidato non era professionale.
  10. Candidato ha mentito su un'assenza.
  11. Candidato pubblicato troppo spesso.

I professionisti non dovrebbero smettere di assicurarsi che la loro presenza online sia positiva una volta che hanno trovato un lavoro. Lo studio ha rilevato che il 51% dei datori di lavoro utilizza i siti di social networking per ricercare i dipendenti attuali. Di questi, il 34 percento ha trovato contenuti che li hanno indotti a disciplinare, o addirittura licenziare, un impiegato.

Lo studio si è basato su indagini di 2.300 gestori assunzioni e professionisti delle risorse umane in una varietà di industrie e dimensioni aziendali nel settore privato .

Sono state condotte alcune interviste sulle fonti per una versione precedente di questo articolo.


Gli imprenditori dicono che la proprietà dell'impresa richiede questi 3 sacrifici

Gli imprenditori dicono che la proprietà dell'impresa richiede questi 3 sacrifici

Anche se ci sono molte cose da amare nel possedere una piccola impresa, gli imprenditori dicono che ci sono molti aspetti che non sono così glamour. In effetti, gestire un'impresa richiede notevoli sacrifici , secondo un nuovo studio del provider di email marketing Constant Contact che ha intervistato gli imprenditori.

(Attività commerciale)

La perdita di famiglia ha alimentato il successo della mia piccola impresa

La perdita di famiglia ha alimentato il successo della mia piccola impresa

Il dolore è una bestia potente. Anche se potrebbe avere il potere di consumarti, ha anche la rara capacità di masticarti e sputarti fuori come una persona più forte, più resiliente che ha meno paura del mondo e incoraggiata con un nuovo senso di forza. Quando avevo 13 anni al mio primo giorno di scuola superiore, mio ​​padre morì.

(Attività commerciale)