Deal o No Deal: i coupon sono buoni per le aziende?


Deal o No Deal: i coupon sono buoni per le aziende?

In questa era di tagliandi estremi e offerte di gruppo, i consumatori amano assaporare un pasto al ristorante per il prezzo del fast food o ottenere un trattamento per metà. Ma queste occasioni sono un buon affare per i piccoli commercianti?

Che siano distribuiti attraverso siti Web come Groupon o Living Social o spediti a la Valpak, gli sconti e le promozioni devono essere altamente personalizzati per il tuo business se stanno per girare un profitto.

Devi davvero stare attento a come strutturare queste offerte se vogliono aumentare i profitti, ha detto Mary Song, CEO di Yuupon, un sito web specializzato in offerte di viaggio. Un piccolo imprenditore, ci sono un certo numero di cose che devi considerare se queste trattative hanno un senso per la tua piccola impresa. Potresti voler limitare l'affare a un determinato numero di clienti, a una determinata stagione o periodo di tempo. Non è necessario offrire un accordo il venerdì o il sabato sera quando il ristorante è già pieno o uno sconto su una camera d'albergo in un momento in cui tutte le camere sono normalmente prenotate.

Il tipo di sconto offerto - sia esso un acquisto, uno (BOGO) gratuito o un taglio di prezzo - dipende anche dal business e dalla clientela. Un commensale potrebbe voler offrire un affare BOGO, ma una pizzeria potrebbe fare meglio con 2 dollari di sconto perché meno persone hanno bisogno di due pizze.

Song ha detto che i proprietari di piccole aziende dovrebbero prendere in considerazione alternative a sconti e sconti percentuali, come aggiungere servizi gratuiti per i quali dovrebbero normalmente pagare.

Un piccolo hotel che si preoccupa di mantenere intatto il suo tasso potrebbe offrire un parcheggio gratuito o Wi-Fi a un costo molto basso, o una spa potrebbe aggiungere un servizio a un pacchetto, ha detto Song.

Questa strategia potrebbe non funzionare per aziende come i ristoranti, che hanno costi fissi per il cibo. In tal caso, devono fare qualcosa per coinvolgere le persone nelle notti più lente o che li incoraggeranno ad aumentare le loro spese o entrare più spesso, ha detto MobbyBusiness.

Julie Anne Mossler, portavoce di Groupon, ha dichiarato piccola impresa i proprietari devono dare un'occhiata alle loro aziende e ai loro clienti al momento di decidere il modo migliore per promuovere la loro attività.

A volte, gli occhi degli imprenditori sono più grandi dei loro stomaci, ha detto. Vogliono 500 nuovi clienti, ma possono solo gestire veramente 50. Possiamo lavorare con loro per mettere un limite al numero di offerte che possono essere riscattate, per esempio.

Mossler avverte che le piccole imprese possono essere vittime di se stesse successo se fanno queste offerte troppo aggressive. Se sei un panettiere e offri un cupcake gratuito con l'acquisto di una torta, ad esempio, assicurati di poter gestire il volume aumentato, in quanto non vuoi che i nuovi o i clienti esistenti si presentino e non siano in grado di ottenere il

Nel mondo odierno dei social media e delle recensioni online istantanee i clienti sono desiderosi di condividere le loro opinioni, buone e cattive, ha detto Mossler.

Mossler ha detto che Groupon lavora con i proprietari di piccole imprese per costruire le migliori offerte in base a una serie di criteri, come le vendite medie e i tempi più impegnativi.

Ma i proprietari di attività commerciali devono fornire dati precisi, quindi tutto torna alla conoscenza della tua attività. La redditività dell'affare dipende da informazioni accurate fornite dal proprietario dell'azienda, ha detto.

Vince Vigorito, proprietario di Long Island, NY, franchigia della società di coupon per posta diretta Valpak, ha dichiarato che i piccoli commercianti devono fare molta attenzione analisi di ogni affare, in quanto hanno un margine di errore inferiore rispetto alle organizzazioni più grandi.

Se fanno un cattivo affare, possono rompere i loro affari, ha detto. Passiamo attraverso un'analisi dei bisogni molto ampia con i nostri clienti. Devono determinare il ritorno sull'investimento che vogliono, e quindi calcolare le spese, il costo dello sconto e i margini di profitto.

Un altro errore dei proprietari di piccole imprese non è la pubblicità coerente, ha detto.

I proprietari di piccole imprese devono gestire le loro aspettative ", ha detto Vigorito." Un problema che vedo è che si impegnano e poi escono troppo presto. Devono considerare la frequenza e il volume dell'offerta. Se un'azienda di tetti manda un coupon una volta a 10.000 case, probabilmente non funzionerà. Se faranno qualcosa del genere, li incoraggio ad aspettare un altro mese o due e ad impegnarsi di più.

  • Groupon efficace per la creazione della consapevolezza del marchio locale, risultati di studio
  • I più grandi spendaccioni non cercano i buoni online
  • I migliori siti del giorno recensiti


4 Modi per commercializzare efficacemente la tua campagna di crowdfunding azionario

4 Modi per commercializzare efficacemente la tua campagna di crowdfunding azionario

Il crowdfunding azionario, una creazione della legge Jumpstart Startups (JOBS) del 2012, è un modo alternativo per start-up e piccole imprese per crowdsourcing di capitali da investitori e consumatori che sono appassionati sui loro prodotti o servizi. Tuttavia, gestire una campagna di crowdfunding azionario può essere difficile; ci sono molte start-up in corsa per i dollari della folla, e rendere la tua voce ascoltata in un mare di idee eccitanti può essere difficile.

(Attività commerciale)

Come assumere il perfetto venditore

Come assumere il perfetto venditore

È Abbastanza difficile trovare un buon dipendente, ma trovarne uno che è anche un buon venditore può essere particolarmente impegnativo. "Avere un processo sistematico e continuo di assunzione ti darà un percorso più chiaro per assumere le persone giuste per il lavoro", ha detto Kathi Graham-Leviss, fondatrice di XB Consulting, executive coaching e società di consulenza aziendale e autrice di "The Perfect Hire: una guida tattica per assumere, sviluppare e mantenere i migliori talenti di vendita" (Entrepreneur Press, 20 luglio 2011).

(Attività commerciale)