Il potere rende i padroni trattare male i dipendenti


Il potere rende i padroni trattare male i dipendenti

Quanto i power manager percepiscono di avere un ruolo nel modo in cui trattano in modo equo coloro che lavorano per loro, secondo una nuova ricerca.

Lo studio, pubblicato di recente sul Journal of Personality and Social Psychology, ha rilevato che i manager che hanno un senso elevato di il loro potere tratta gli altri in modo meno equo rispetto ai capi che si considerano meno potenti.

"Sebbene il potere e lo status siano spesso pensati come due lati della stessa moneta, hanno, di fatto, effetti opposti sulla correttezza del comportamento delle persone ", ha affermato Steven Blader, professore associato di management e organizzazioni della NYU Stern. "Sfortunatamente, c'è molta meno enfasi nelle organizzazioni sull'evidenziare questioni di rispetto e prestigio - fattori che guidano la percezione di una persona del proprio status e, quindi, incoraggiare un trattamento più giusto verso gli altri."

Come parte dello studio, i ricercatori ha inserito i partecipanti in una vasta gamma di ruoli, fornendo loro informazioni sulla potenza e sullo stato associati ai loro personaggi. La ricerca ha scoperto che i partecipanti che avevano un elevato senso del loro potere si comportavano in modo meno equo verso gli altri e prendevano decisioni che riflettevano una preoccupazione indebolita per l'equità, mentre coloro che avevano un elevato senso del loro status - e quindi erano preoccupati di mantenere il loro status elevato - si comportava più equamente verso gli altri e prendeva decisioni che riflettevano una preoccupazione molto più grande per l'equità.

[5 segni sei un grande capo]

Blader ha detto che i risultati hanno importanti implicazioni per i manager e per le aziende in generale, dal aiutano a dare un senso ai fattori che determinano quanto i manager siano in grado di trattare i loro subordinati.

I ricercatori concludono che una spinta delle organizzazioni a enfatizzare esclusivamente le cose che focalizzano i manager sul potere, come il conteggio delle teste, il controllo del budget, i bonus e altro fattori economici, in realtà porta quei supervisori a trattare i loro subordinati in modo meno equo. Al contrario, gli autori dello studio si aspettano che se le aziende enfatizzassero i manager focalizzandosi sullo status e su come colleghi, subordinati e superiori pensassero a loro, ciò avrebbe un impatto molto più positivo sull'equità e sui rapporti di lavoro.

Lo studio, "Differenziare the Effects of Status and Power: A Justice Perspective ", è stato scritto da Ya-Ru Chen della Johnson School of Management della Cornell University.


8 Pubblicitari rivelano ciò che amano (e odiano) dei loro lavori

8 Pubblicitari rivelano ciò che amano (e odiano) dei loro lavori

Dietro ad ogni azienda di successo, celebrità e figura notevole, c'è un pubblicitario che lavora per assicurarsi che ottengano la copertura dei media e mantengano la loro reputazione. Quindi, cosa vuol dire lavorare in PR? Mobby Business ha chiesto ad otto pubblicisti e PR professionisti cosa amano e odiano di più del proprio lavoro.

(Comando)

È Un posto di lavoro ostile che rende infelici i dipendenti?

È Un posto di lavoro ostile che rende infelici i dipendenti?

Immagina di svegliarti ogni giorno e di andare in un posto di lavoro in cui ti sentivi a disagio o addirittura insicuro. Questa è la realtà del 20% della forza lavoro americana, secondo un sondaggio di oltre 3.000 dipendenti. La ricerca, condotta dalla Rand Corp., dalla Harvard Medical School e dall'Università della California a Los Angeles, ha rivelato che 1 su 5 i lavoratori devono affrontare condizioni ostili al lavoro, compresi comportamenti come molestie sessuali e bullismo.

(Comando)