Sicurezza del laptop Lax per la maggior parte dei lavoratori


Sicurezza del laptop Lax per la maggior parte dei lavoratori

Il sessanta per cento dei dipendenti dice avevano informazioni riservate memorizzate sui loro computer portatili, ma la maggior parte non si preoccupa di proteggerle.

Secondo una nuova ricerca, i dipendenti riferiscono di avere informazioni riservate sui clienti, informazioni finanziarie personali, informazioni aziendali e altre informazioni personali sul loro lavoro computer portatili, ma la maggior parte non si preoccupa che venga rubata.

Il 57% dei lavoratori ha dichiarato di non possedere un dispositivo di sicurezza per il proprio laptop. Un altro 52 percento dei lavoratori ha dichiarato di non aver bloccato il proprio laptop quando ha lasciato il proprio ufficio e un quarto dei lavoratori ha dichiarato di aver lasciato il portatile senza protezione durante la notte.

Tali rischi sono aumentati dai lavoratori che non mantengono le proprie password al sicuro. Quasi il 30 percento dei lavoratori ha affermato che un collaboratore ha condiviso le password con loro e il 15 percento ha dichiarato di aver condiviso le proprie password con altri. Un ulteriore 12 percento ha dichiarato di aver scritto le proprie password sulla propria scrivania.

Oltre a non adottare semplici misure di sicurezza, i lavoratori non hanno nemmeno preso parte al modo più intelligente per quanto riguarda la sicurezza. Il 18% dei lavoratori ammette di fare clic su un collegamento o di aprire un allegato da un mittente che non conoscevano. Lo stesso numero ha anche detto che guardavano un sito Web che sapevano non essere sicuro. Il 9% dei lavoratori ha scaricato un virus sul proprio computer.

[BYOD: una spada a doppio taglio per i datori di lavoro]

"I computer portatili e i dispositivi mobili stanno rapidamente diventando le tecnologie preferite per molte aziende", ha dichiarato Eric Presley, capo addetto alla tecnologia presso CareerBuilder, che ha condotto la ricerca. "È importante che i datori di lavoro e i lavoratori prendano le dovute precauzioni per ridurre le vulnerabilità e mantenere sicure le informazioni aziendali."

Per evitare alcuni dei problemi sopra riportati causati dai laptop e portare il proprio dispositivo (BYOD), Presley consiglia ai lavoratori di seguire questi suggerimenti.

  • Usa password difficili da decifrare - Usa una password diversa per casa e lavoro e non condividerle con nessuno.
  • Non fare mai clic su collegamenti o allegati da fonti sconosciute - È probabile che ci possa essere un virus in agguato dietro le quinte.
  • Non lasciare il tuo laptop incustodito - Investa in un cavo di sicurezza per laptop e blocca il laptop quando sei lontano dalla tua scrivania. Evita di lasciare il tuo laptop in auto.
  • Tieniti aggiornato - Assicurati che la sicurezza del tuo computer portatile sia dotata del più recente software anti-virus per allontanare i ladri.
  • Separa le informazioni personali -Store personale informazioni finanziarie e altri file sul computer di casa.

Le informazioni contenute in questa ricerca si basavano sulle risposte di 3.892 lavoratori. La ricerca è stata condotta da Harris Interactive per CareerBuilder.


Gli utenti di Facebook giudicano amici per foto, non profilo

Gli utenti di Facebook giudicano amici per foto, non profilo

Risulta che un'immagine vale più di mille parole, specialmente quando si tratta della tua foto del profilo su Facebook. Questo è il risultato di una nuova ricerca che ha esaminato il modo in cui le persone hanno formulato le opinioni degli altri sul popolare sito di social networking. Secondo la ricerca, la maggior parte delle persone ha formato impressioni sugli altri dopo aver visto la loro immagine del profilo, senza mai leggere alcun testo contenuto nel loro profilo.

(Generale)

Correzione punti: Quando Data Analytics incontra la moda

Correzione punti: Quando Data Analytics incontra la moda

Quando Katrina Lake fece domanda per il programma MBA di Harvard, scrisse il suo saggio di candidatura su un'aspirazione imprenditoriale che aveva: creare un business che applicasse dati e algoritmi di raccomandazione per l'esperienza di acquisto al dettaglio. Nel corso del suo secondo anno di business school alla fine del 2010, Lake ha iniziato a testare quell'idea facendo fare amicizia agli amici in merito alle preferenze di stile e scegliendo i vestiti per loro in base alle loro risposte.

(Generale)