Il miglior CEO nel mondo è ...


Il miglior CEO nel mondo è ...

Nonostante la scomparsa più di un anno fa, l'ex CEO di Apple Steve Jobs continua a raccogliere i riconoscimenti.

Il genio del computer, scomparso nell'ottobre 2011, è al vertice delle ultime classifiche di Harvard Business Review dei 100 migliori CEO del mondo. Le classifiche esaminano l'intero mandato di un CEO e includono solo coloro che hanno iniziato nella loro posizione tra il 1995 e il 2010 e hanno servito più di due anni.

Era il valore di mercato di Apple, che è aumentato di $ 359 miliardi durante il mandato di 17 anni di Jobs e un ritorno azionista che ha registrato una crescita annuale composta del 35 percento che ha portato al suo primato in classifica di quest'anno. Ha anche guidato la lista nel 2010, quando la Harvard Business Review ha pubblicato la sua prima scorecard.

Le nuove classifiche lasciano il CEO di Amazon Jeff Bezos al ruolo di CEO numero uno al mondo. Sotto la guida di Bezos, Amazon ha realizzato rendimenti per gli azionisti adeguati al settore del 12,266%, e il suo valore è aumentato di $ 111 miliardi.

"La maggior parte dei leader aziendali si concentra sui guadagni trimestrali a scapito delle prestazioni a lungo termine. Volevamo dare risalto ai CEO di tutto il mondo che hanno creato valore a lungo termine per le loro aziende ", ha dichiarato Morten Hansen, uno dei ricercatori che ha condotto lo studio e un professore di imprenditorialità presso l'INSEAD e l'Università della California, a Berkeley. > Le classifiche sono state compilate sulla base di tre parametri: rendimenti azionari adeguati al settore, rendimenti azionari adeguati per il Paese e aumento della capitalizzazione di mercato rispetto al mandato di ciascun CEO. Tutto sommato, lo studio ha analizzato 3.143 amministratori delegati di 1.862 società, di cui 1.007 ancora in carica. L'intero gruppo rappresentava 64 nazionalità e proveniva da società con sede in 37 paesi.

"A differenza di altre classifiche basate sulla popolarità o sulla reputazione, questo elenco si basa esclusivamente su dati concreti e valuta quali dirigenti hanno conseguito i risultati più solidi rispetto al a lungo termine ", ha dichiarato Adi Ignatius, redattore capo della Harvard Business Review.

La donna con il punteggio più alto nella lista era Meg Whitman, la cui performance come CEO di eBay tra il 1998 e il 2008 le è valsa la top 10 . Whitman, ora amministratore delegato di Hewlett-Packard, è una delle sole due donne, l'altra è Dong Mingzhu della cinese Gree Electric Appliances, per raggiungere i primi 100.

Altri CEO si sono classificati tra i primi 10 quest'anno:

Yun Jong-Yong - Samsung Electronics

  • Roger Agnelli - Vale
  • John C. Martin - Gilead Sciences
  • Chung Mong-Koo - Hyundai Motor Co.
  • YC Deveshwar - ITC
  • David Simon - Simon Property Group
  • John T. Chambers - Cisco Systems
  • Lo studio ha rilevato che, in media, i primi 100 amministratori delegati hanno restituito un totale degli azionisti dell'1.385% durante i loro incarichi e aumentato il loro valore di mercato delle imprese di $ 40,2 miliardi. Al contrario, il fondo 100 ha prodotto un rendimento totale per gli azionisti di meno 57% e ha visto le loro aziende perdere $ 13,6 miliardi nel valore di mercato.

Mentre non è stata trovata alcuna correlazione tra risultati finanziari e responsabilità sociale, la ricerca ha scoperto numerosi casi dei principali CEO affrontare i principali problemi sociali o ambientali che riguardano le loro industrie. Esempi includono Franck Riboud di Danone, che sta combattendo l'obesità e il consumo di cibo non salutare, e Alessandro Carlucci di Natura, che sta cercando di combattere la deforestazione e la povertà.

"Questi amministratori di tendenza non rifiutano solo l'idea che le richieste del mercato finanziario sono È più importante delle esigenze degli stakeholder, ma dimostra anche che le aziende possono eccellere nel soddisfare entrambi ", ha detto Herminia Ibarra, uno degli autori dello studio e presidente di area per il Dipartimento di comportamento organizzativo di INSEAD.

Le classifiche complete dei primi 100 CEO possono essere trovato sul sito Web di Harvard Business Review.


Imparare da Microsoft: quando troppa attenzione è una brutta cosa

Imparare da Microsoft: quando troppa attenzione è una brutta cosa

L'imminente partenza di Steve Ballmer da Microsoft offre alcuni utili suggerimenti per i proprietari di attività commerciali. In particolare, quelli che non cambiano falliranno. Questa è la teoria di David King, professore associato di management presso il College of Business della Iowa State University, che crede che l'incapacità di adattarsi a un mercato in evoluzione - un mercato mobile - è ciò che ha portato Microsoft nell'acqua calda.

(Comando)

Uffici senza carta più vicini a diventare realtà

Uffici senza carta più vicini a diventare realtà

Mentre possono non lo eliminano del tutto, le aziende stanno facendo uno sforzo concertato per ridurre la quantità di carta che usano, nuove scoperte di ricerca. Quasi l'80% delle aziende sta prendendo provvedimenti per diventare un ufficio "meno carta", secondo uno studio condotto da CompTIA , l'IT Industry Association.

(Comando)