In che modo la condivisione sociale influisce sullo shopping online


In che modo la condivisione sociale influisce sullo shopping online

La condivisione sociale è diventata un'attività mainstream, dice un nuovo studio. Quasi i due terzi di tutti gli acquirenti online hanno letto commenti sui prodotti degli amici su Facebook. E questo sta mettendo un sorriso sui volti dei commercianti - tre quarti di quegli acquirenti hanno cliccato per visitare la pagina del prodotto sul sito del rivenditore.

Meglio di tutto, anche la condivisione sociale spinge le conversioni, secondo uno studio di 1.000 consumatori che hanno guardato nelle menti degli acquirenti online per rivelare come vedono la condivisione sociale e come si inserisce nel processo decisionale di acquisto e acquisto. Più della metà degli acquirenti che hanno fatto clic sul sito del rivenditore ha acquistato il prodotto che è stato condiviso, lo studio ha rilevato.

Condotto da Sociable Labs, fornitore di soluzioni di social commerce, lo studio ha coinvolto più di 1.000 acquirenti online che erano anche Facebook utenti

[Gli utenti di Facebook giudicano amici per foto, non profilo]

Lo studio ha rilevato che gli acquirenti trovano che la condivisione sociale sia equivalente alla ricerca di Google in termini di disponibilità a cercare un prodotto da acquistare, con il 48 percento degli acquirenti dire che la condivisione sociale è estremamente utile o molto utile quando si acquista un prodotto. L'esperienza dei consumatori di benefici primari con la condivisione sociale è la scoperta di prodotti (mi aiuta a trovare un prodotto che potrei voler acquistare).

Un'altra scoperta chiave è stata la verifica sociale: l'uso di contenuti di condivisione sociale per mostrare attività di amici direttamente su una e -commerce sito - aumenta significativamente la fiducia degli acquirenti nel sito di e-commerce di un rivenditore. Un terzo degli acquirenti ha affermato che è più probabile che restino e acquistino su siti di rivenditori che mostrano persone che hanno fatto acquisti su quel sito.

Quel numero è aumentato al 62% se alcune di quelle persone sono loro amici. Inoltre, il 57 percento degli acquirenti ha dichiarato di avere più probabilità di effettuare un acquisto da siti che mostrano amici che li hanno acquistati in precedenza.

"Questo studio è entrato nella mente dei consumatori per scoprire come le influenze di condivisione da amico a amico il modo in cui acquistano e acquistano online ", ha affermato Darby Williams, vice presidente marketing di Sociable Labs. "Abbiamo scoperto che i consumatori scoprono quali prodotti acquistare attraverso la condivisione sociale e poi agiscono su tali informazioni per il 75 percento delle volte. I rivenditori hanno la possibilità di attivare questo tipo di condivisione dai loro siti di e-commerce, guidando sia le visite significative che la conversione potenziamento se ne sfruttano appieno Ora, con la condivisione ad alta velocità "senza attriti", la condivisione sociale può diventare uno dei principali driver di entrambi per quasi tutti i rivenditori online. "


Grandi programmi di fidelizzazione per far tornare i clienti

Grandi programmi di fidelizzazione per far tornare i clienti

Per molte piccole imprese, acquisire nuovi clienti è una parte importante della loro strategia di crescita. I nuovi lead sono importanti, ma se vuoi davvero espandere la tua attività, potresti rivolgere maggiore attenzione alla tua attuale base di clienti. Secondo il fornitore di soluzioni di marketing Collect, i clienti fedeli e ripetuti rappresentano circa il 20% del la tua base clienti totale, ma può generare fino al 70 percento delle vendite perché spendono di più nel tempo.

(Attività commerciale)

Franchising Gioca un ruolo vitale nell'economia degli Stati Uniti

Franchising Gioca un ruolo vitale nell'economia degli Stati Uniti

Le imprese in franchising rappresentano più di 10 percentuale di tutte le aziende statunitensi che hanno dipendenti, secondo un nuovo sondaggio. Il sondaggio, il Rapporto sul franchising del censimento economico del 2007, è il risultato della cooperazione tra l'US Census Bureau e l'International Franchise Association (IFA) ed è il primo rapporto dettagliato e completo su questo segmento dell'economia statunitense.

(Attività commerciale)