Il lato positivo della recessione? Equilibrio vita-lavoro


Il lato positivo della recessione? Equilibrio vita-lavoro

Trovare un equilibrio tra il tuo lavoro la vita e la tua vita personale potrebbero essere diventate un po 'più semplici negli ultimi anni, secondo una nuova ricerca. La ricerca ha rilevato che negli ultimi sette anni, molti datori di lavoro hanno consentito ai lavoratori una maggiore flessibilità riguardo a dove e dove lavorano.

In particolare, la ricerca ha rilevato che nel 2012, più datori di lavoro hanno permesso ai lavoratori di lavorare da casa occasionalmente e utilizzare il tempo di flessione prendersi cura delle questioni familiari e personali senza perdita di retribuzione. Nel 2012 i lavoratori hanno anche avuto un maggiore controllo sulle ore di lavoro straordinario retribuito e non retribuito rispetto al 2005.

"Sembra che i datori di lavoro stiano affrontando la persistente instabilità economica cercando di ottenere di più con meno persone", ha dichiarato Ellen Galinsky, president and co - fondatore dell'organizzazione di ricerca non profit Family and Work Institute (FWI) e autore dello studio. "La maggior parte dei guadagni consente ai dipendenti di lavorare più ore o di aggiustare quelle ore per occuparsi delle loro responsabilità personali e familiari durante il loro lavoro, anche se alcuni potrebbero aspettarsi che i datori di lavoro riducano completamente la flessibilità durante questa crisi economica. sfruttare la flessibilità mentre guardano al futuro. "

[Cosa vorresti rinunciare a lavorare da casa?]

Anche se i lavoratori hanno ottenuto guadagni significativi nelle aree sopra, hanno anche avuto perdite in altre aree, secondo il National Studio dei datori di lavoro. I lavoratori erano meno capaci di tornare a lavorare gradualmente dopo il parto e meno in grado di fare una pausa di carriera a causa di motivi personali o familiari. I datori di lavoro erano anche meno propensi a fornire il pieno stipendio sostitutivo a causa di malattia, parto o altri problemi medici nel 2012 rispetto al 2005.

"È chiaro che i datori di lavoro continuano a lottare con meno risorse per i benefici che comportano un costo diretto", ha affermato Ken Matos, senior director of employment research and practice di FWI e autore principale del rapporto. "Tuttavia, hanno reso prioritario garantire ai dipendenti l'accesso a una più ampia varietà di benefici che rispondono alle loro esigenze individuali e familiari e migliorare la loro salute e il loro benessere."

Secondo la ricerca, le misure che consentono la flessibilità dei lavoratori

"I datori di lavoro continuano a trovare il modo di offrire flessibilità ai propri dipendenti, nonostante le sfide economiche che possono affrontare", ha affermato Henry (Hank) Jackson, presidente e CEO della Society for Human Resource Management . "Mentre guardiamo avanti, è chiaro che per rimanere competitivi, i datori di lavoro devono trovare il modo di offrire opzioni di lavoro flessibili se vogliono attrarre e mantenere i migliori talenti."

La ricerca nella National Survey of Employers si basava sul risposte di 1.126 datori di lavoro con più di 50 dipendenti. La ricerca è stata condotta come parte di When Work Works, un'iniziativa tra il FWI e la Society for Human Resource Management.


Le piccole imprese sono buone per le economie locali; Il grande business non è, dicono i ricercatori

Le piccole imprese sono buone per le economie locali; Il grande business non è, dicono i ricercatori

Nonostante il fatto che Walmart impieghi l'intero 1% della popolazione statunitense, sono piccole imprese di proprietà locale che hanno l'impatto economico più positivo sulle comunità, secondo una nuova ricerca degli economisti Penn State. "Le piccole imprese locali e le start-up tendono a generare redditi più elevati per le persone di una comunità rispetto alle grandi imprese non locali, che possono effettivamente deprimere le economie locali", ha affermato Stephan Goetz, professore di economia agricola e regionale presso la Penn State e direttore del Northeast Regional Center for Rural Development.

(Generale)

La tecnologia potrebbe essere la chiave per chiudere il gap di competenze del lavoratore

La tecnologia potrebbe essere la chiave per chiudere il gap di competenze del lavoratore

Come il tempo, la gente parla spesso del divario di competenze, ma nessuno - o vicino a nessuno - fa qualcosa al riguardo, mostra un nuovo sondaggio. Ma le organizzazioni sfidate da una mancanza di talento adatto devono agire ora o subire il destino di perdere il loro vantaggio competitivo, dicono gli esperti.

(Generale)