Perché lo shopping può essere buono per te


Perché lo shopping può essere buono per te

Quella sensazione di felicità che ottieni dopo lo shopping potrebbe non essere un'illusione. In effetti, lo shopping può essere buono per la tua autostima. Una nuova ricerca suggerisce che l'acquisto di prodotti attraenti migliora l'autostima dei clienti e apre le loro menti ad altre scelte e punti di vista.

Claudia Townsend, assistente professore di marketing presso l'Università di Miami School of Business e Sanjay Sood di UCLA ha testato il modo in cui i consumatori si sono sentiti dopo aver acquistato uno dei due tipi di lampade. Coloro che acquistarono una lampada più esteticamente gradevole piuttosto che una lampada funzionante migliorarono la loro autostima dopo il loro acquisto.

Sorprendentemente, l'impatto sulla psiche dei consumatori non si fermò qui. Anche i consumatori che hanno acquistato la lampada più bella si sono sentiti più aperti ad altri punti di vista, compresi quelli che hanno affermato di aver sbagliato nel loro acquisto. Ciò è parzialmente dovuto alla spinta di autostima che deriva dall'acquisto, hanno detto i ricercatori.

"Gli economisti e gli psicologi comportamentali sanno da tempo che le persone tendono a" guadagnare denaro dopo il male "o" mantenere il corso ". nel senso che continuano a investire in qualcosa anche dopo un investimento iniziale che non dà loro l'effetto che desiderano ", ha detto Townsend. "Ciò che la nostra ricerca mostra è che l'acquisto di un oggetto attraente fa sì che una persona si senta meglio con se stessa e questo 'effetto affermativo' li libera, mentalmente, per ammettere l'errore nei loro modi. Il risultato è che non hanno più bisogno di giustificare il loro iniziale cattivo investimento con finanziamenti aggiuntivi e conseguentemente prendere decisioni migliori. "

Questa ricerca sarà pubblicata nell'edizione di agosto del Journal of Consumer Research.
Segui David Mielach su Twitter @ D_M89 o MobbyBusiness @ bndarticles . Siamo anche su Facebook e Google+ .


Cosa fare e cosa non fare per scegliere un URL

Cosa fare e cosa non fare per scegliere un URL

L'indirizzo del tuo sito web può essere tanto importante quanto il nome della tua attività. Scegliere quello giusto significa evitare grafie insolite e punteggiatura superflua e assicurarsi di aver coperto le basi. Collaboratore del MB Chris Prickett dà la sua migliore strategia per gli URL. Vivo in una grande casa in un grande quartiere.

(Generale)

Le preoccupazioni dei dipendenti riguardo alle recessioni riguardano le imprese

Le preoccupazioni dei dipendenti riguardo alle recessioni riguardano le imprese

I proprietari delle aziende hanno serie ragioni per essere preoccupati per il benessere emotivo dei propri dipendenti, rileva una nuova ricerca. Poiché i dipendenti diventano sempre più ansiosi per la sicurezza del posto di lavoro e le preoccupazioni finanziarie durante una recessione economica, la soddisfazione per il posto di lavoro che hanno, l'impegno nei confronti della propria azienda e l'impegno nel proprio lavoro sono tutti penalizzati.

(Generale)