Che cosa rende un buon capo? Guilt


Che cosa rende un buon capo? Guilt

Le persone che tendono a sentirsi in colpa rendono alcuni dei migliori affari leader, secondo un nuovo studio.

Condotto da ricercatori della Stanford University, lo studio ha rivelato che le persone inclini al senso di colpa tendono a portare un forte senso di responsabilità verso gli altri, il che a sua volta li fa vedere come leader.

Come parte dello studio, gruppi di fino a cinque estranei hanno preso test di personalità che misuravano i tratti, tra cui la propensione al senso di colpa, la propensione alla vergogna e l'extraversione. Dopo i test, i ricercatori hanno inserito ciascun gruppo in un laboratorio e, senza designare un leader, hanno svolto due attività di gruppo, come la presentazione di una campagna di marketing per un nuovo prodotto.

In tutti i gruppi, quelli che erano più Probabilmente verrà giudicato dagli altri in quanto i leader del gruppo hanno anche ottenuto il punteggio più alto nella predisposizione alla colpevolezza nel test della personalità.

Inoltre, la propensione al senso di colpa ha predetto la leadership emergente più che l'extraversione, un noto marcatore di leadership, secondo lo studio.

Becky Schaumberg, un candidato al dottorato di Stanford nel comportamento organizzativo che ha condotto la ricerca, ha detto in discussioni di gruppo, i membri inclini al senso di colpa sembra che il resto del gruppo stia facendo uno sforzo maggiore di altri per assicurare che la voce di tutti sia ascoltata

"Il gruppo stava prendendo spunto da quei comportamenti", ha detto Schaumberg.

I ricercatori hanno anche studiato gli studenti MBA in arrivo chiedendo ai loro ex manager, clienti e co-wor i kers per valutare le loro caratteristiche di efficacia della leadership, come le abilità comunicative e la capacità di motivare gli altri.

In questo scenario del mondo reale, lo studio ha anche trovato un forte legame tra la propensione al senso di colpa di un partecipante e la misura in cui gli altri hanno visto il persona come leader.

La chiave sembra essere che sebbene il senso di colpa sia spiacevole per l'individuo, può essere molto utile per il gruppo, facendo sì che le persone facciano ciò che è buono per il gruppo a costo personale, secondo lo studio.

La ricerca mostra che chi ha il maggior senso di colpa fa anche ciò che fa bene all'organizzazione a spese degli altri dipendenti. Lo studio ha rivelato che i manager inclini al senso di colpa erano più propensi a sostenere i licenziamenti per mantenere redditizia un'azienda.

Non è che i gestori inclini alla colpa non si sentano male a dover licenziare le persone, è che la colpa sembra creare un senso più ampio di responsabilità verso l'organizzazione, secondo Schaumberg.

"Se le persone si sentono colpevoli verso le loro organizzazioni, si comporteranno in modo tale da assicurarsi di essere all'altezza delle aspettative dell'organizzazione", ha detto Schaumberg. "Questi comportamenti potrebbero non assomigliare a ciò che normalmente pensiamo come senso di colpa".

Mentre ci sono molti modi per rispondere a errori o problemi, tra cui incolpare altri o te stesso, Schaumberg ha detto la risposta più costruttiva, e sembra che la gente riconoscere come un segno di leadership, è sentirsi colpevole abbastanza da voler risolvere il problema.

"Quando si pensa a quali tratti sono importanti per i leader, si tende a concentrarsi su ciò che le persone fanno bene", ha detto . "Ma sappiamo che le persone commettono errori e incasinano, ed è importante guardare a come le persone rispondono a quegli errori perché è un indizio su chi sono."

Frank Godwin è uno scrittore freelance di business e tecnologia con sede a Chicago che ha lavorato nelle relazioni pubbliche e ha trascorso 10 anni come giornalista. Puoi raggiungerlo a o seguirlo su Twitter @ mobbybusiness .


Affrontare 4 sfide chiave della forza lavoro multigenerazionale

Affrontare 4 sfide chiave della forza lavoro multigenerazionale

Lavorare oggi significa spesso entrare a far parte di una squadra con una serie di età. Un millenario potrebbe guidarti, ma potresti ancora lavorare con Generation Xers e baby boomer. Mentre più boomer lavorano oltre l'età della pensione e come i millennial esperti di tecnologia continuano a laurearsi ed entrare nel mondo del lavoro, le forti differenze nei valori, la comunicazione stili e abitudini di lavoro di ogni generazione stanno diventando sempre più pronunciati.

(Comando)

Hai bisogno di un buon mentore? Ecco come trovare uno

Hai bisogno di un buon mentore? Ecco come trovare uno

Navigare nella tua carriera e capire come andare avanti può essere scoraggiante, specialmente se stai cercando di fare da solo. Indipendentemente da quanto tu sia indipendente, potrai ottenere dove vuoi andare più veloce con un piccolo aiuto - e quell'aiuto può venire sotto forma di un mentore. Nella ricerca da parte dello staff di Accountemps, l'86% dei dirigenti ha affermato di avere un mentore è importante per lo sviluppo della carriera - eppure, solo circa un quarto di loro ha affermato di avere qualcuno a cui si rivolgono regolarmente per ricevere consigli e indicazioni.

(Comando)