La maggior parte dei messaggi di lavoro non è importante, i risultati dello studio


La maggior parte dei messaggi di lavoro non è importante, i risultati dello studio

Hai la posta, ma non ti preoccupare, probabilmente non è così importante. La prossima volta che ricevi una nuova email nella posta in arrivo di lavoro, potresti non voler rilasciare quello che stai facendo per rispondere.

Una nuova ricerca ha rilevato che solo una email su quattro è essenziale per il lavoro. E solo il 14% delle e-mail di lavoro è stato considerato di importanza critica.

Ciò significa che quasi due terzi delle e-mail nella tua casella di posta non sono essenziali per il lavoro. Di quelle e-mail non essenziali, l'11 percento sono personali e il 7 percento sono spam. Con oltre il 60% delle e-mail considerate non essenziali, il potenziale per virus basati su e-mail e violazioni della sicurezza sono le preoccupazioni principali per un'organizzazione, secondo la ricerca. Il maggiore utilizzo dei servizi di posta elettronica remoti e mobili aumenta la preoccupazione.

"Ciò che è chiaro è che il dipendente medio deve affrontare una sfida significativa semplicemente elaborando le informazioni che arrivano nella loro casella di posta e identificando quali messaggi sono realmente critici dal punto di vista aziendale", ha affermato Nathaniel Borenstein, capo scienziato presso la società di gestione e-mail basata su cloud Mimecast, che ha condotto la ricerca. "Spesso lavoriamo per e-mail, invece di avere l'e-mail per noi."

"L'e-mail rimarrà uno strumento di business fondamentale per molti anni a venire", ha detto Borenstein. "È lo standard globale, ma non sempre è il gold standard: è quindi fondamentale che le e-mail possano continuare a svilupparsi e ad adattarsi al cambiare delle tecnologie e delle pratiche di lavoro".

Un'altra scoperta della ricerca è stata che le aziende si sono finalmente scaldate social media. Complessivamente, il 55 percento delle aziende utilizza LinkedIn, rendendolo la piattaforma di social media più utilizzata sul posto di lavoro. Facebook era il secondo servizio più popolare, utilizzato dal 47% dei lavoratori. Un intervistato su tre ha ritenuto che un maggiore uso dei social media sul posto di lavoro abbia comportato un minor uso di e-mail. Tuttavia, secondo il sondaggio, i social media hanno anche aumentato il rischio di fughe di informazioni e violazioni della sicurezza.

La ricerca si è basata sulle risposte di 500 decision maker della tecnologia dell'informazione, 200 dagli Stati Uniti, 200 dal Regno Unito e 100 dal Sud Africa. La ricerca è stata condotta da Loudhouse Research per Mimecast come parte del loro rapporto The Shape of Email.


Perché Facebook non ti rende

Perché Facebook non ti rende "amici" sul lavoro

I social media stanno causando problemi sul lavoro e non con il capo. In realtà, sono gli altri dipendenti a essere infastiditi dall'uso personale dei social media dei loro colleghi lavoratori e sta iniziando a nuocere alla produttività. Secondo una nuova indagine del fornitore di soluzioni per la forza lavoro Kelly Services, più della metà dei lavoratori afferma che i social media influisce negativamente sulla produttività del posto di lavoro, con il 57 percento che crede che mescolare connessioni personali e professionali attraverso i social media abbia il potenziale di causare problemi.

(Carriera)

Where Office Romances Blossom Most

Where Office Romances Blossom Most

C'è almeno un'attività sul posto di lavoro che non rischia di essere esternalizzata in tempi brevi - il romanticismo dell'ufficio. La maggioranza dei lavoratori in tutto il mondo riferisce che di tanto in tanto si verificano relazioni romantiche sul posto di lavoro, secondo un nuovo studio. La maggior parte dei dipendenti abbraccia l'idea del romanticismo sul lavoro.

(Carriera)