Come proteggere il tuo marchio a livello internazionale


Come proteggere il tuo marchio a livello internazionale

Anche se pensi di avere il marchio protetto , potrebbe essere vulnerabile all'estero. Prima di Internet, questo potrebbe non aver contato molto. Oggi, tuttavia, qualcuno in un altro paese che utilizza il tuo marchio potrebbe essere dannoso come qualcuno che apre un negozio con lo stesso nome della tua città.

Josh Braunstein, vicepresidente e direttore generale di Corsearch, un'azienda i cui prodotti consentono il marchio e i professionisti del marchio per gestire efficacemente lo screening dei marchi, la revisione delle ricerche e i processi di osservazione in tutto il mondo, offre consigli su come proteggere il proprio marchio all'estero.

Mobby Business: chi deve registrare il proprio marchio all'estero?

Josh Braunstein : Innanzi tutto, un marchio (che può essere una parola, una frase, un simbolo o un disegno) fornisce il valore del marchio per un'azienda. Una società che ritenga che il proprio valore di marchio possa essere esteso ad altri paesi dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di presentare un marchio per preservare e proteggere i propri diritti su tali marchi. A causa della natura globale degli affari di oggi, in particolare con il commercio online e i social media, è importante che un marchio controlli il proprio marchio a livello globale piuttosto che consentire a qualcun altro di utilizzarlo in un altro paese. Mentre i marchi sono sempre più globali, la gestione e la protezione dei marchi a livello globale possono essere complesse. Comprendere le normative sui marchi in ogni paese è importante prima di considerare la registrazione o l'utilizzo di un marchio al di fuori degli Stati Uniti

Ad esempio, negli Stati Uniti, i diritti di marchio sono basati sull'uso effettivo. L'utilizzo di un marchio commerciale senza registrazione può effettivamente conferirti diritti su un nome negli Stati Uniti e consentire di difendere il marchio se qualcun altro tenta di utilizzarlo in futuro. Infatti, per registrare effettivamente il proprio marchio presso l'ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti (USPTO), è necessario mostrare l'uso effettivo di tale marchio (anche se è possibile presentare in anticipo l'uso effettivo). Se non si sta effettivamente utilizzando il nome, l'USPTO non consentirà la registrazione del marchio. In confronto, i diritti sui marchi in molti altri paesi si basano sul deposito. Ciò significa che, se stai lanciando un marchio negli Stati Uniti e hai intenzione di estenderlo all'estero, dovresti prendere in considerazione la possibilità di registrare registrazioni in altri paesi prima che qualcuno possa sfruttare il patrimonio di marca che hai stabilito negli Stati Uniti e presentare lo stesso marchio all'estero.

MB: Come si fa?

J. B.: Molti titolari di marchi registrano i propri marchi in paesi chiave in tutto il mondo o in paesi in cui svolgono attività commerciali. Il primo passo è registrare il tuo marchio nel tuo paese d'origine e quindi registrare quel marchio in altri paesi che sono strategici per la tua attività. Questo può essere fatto attraverso l'ufficio brevetti e marchi (PTO) del paese o attraverso un avvocato o un facilitatore di terze parti.

Ci sono modi per presentare i marchi stranieri che possono far risparmiare tempo e denaro al richiedente. Piuttosto che richiedere più marchi in ciascun paese in cui si desidera avere un marchio registrato, ci sono un paio di opzioni che è possibile selezionare:

  • Richiesta di marchio comunitario (CTM): consente al richiedente di registrare il proprio marchio in tutta Europa Unione in una domanda e pagando una sola tassa, invece di presentare una domanda separata e pagare una tariffa separata per ogni paese. L'avvertenza è che se il tuo marchio proposto non è chiaro per l'uso in nessuno dei paesi dell'Unione europea, l'intera domanda di marchio comunitario sarà respinta.
  • Registrazione internazionale - Un ampio deposito internazionale può essere fatto attraverso il Protocollo di Madrid, un gruppo di 86 paesi, tra cui la maggior parte delle principali nazioni industriali del mondo. Attraverso questo processo, puoi depositare un marchio nel tuo paese d'origine e quindi estendere il deposito successivamente ad altre giurisdizioni in tutto il mondo. Anche se devi ancora pagare la tassa in ogni paese, questa è ancora un'opzione intelligente e relativamente poco costosa, poiché risparmierai tempo e denaro dai costi amministrativi di dover compilare più volte un'applicazione. Questo processo è paragonabile all'archiviazione di un'applicazione comune per il college invece di applicarla a dozzine di college separatamente. È importante ricordare che altri paesi possono ancora scegliere di rifiutare quel marchio.

MB: quali sono alcuni dei passaggi che le aziende possono intraprendere per proteggere i loro marchi oltreoceano?

J.B.: Le aziende devono eseguire uno sdoganamento prima di richiedere un marchio. Ciò consente loro di determinare se un'altra parte utilizza un marchio identico o confondibilmente simile. L'adozione di un marchio identico o simile ad altri può portare a controversie e spese legali, confusione del marchio e mancati guadagni. Puoi andare su siti PTO gratuiti o società di servizi come Corsearch che offrono la possibilità di effettuare ricerche in più giurisdizioni contemporaneamente con logica e intelligenza delle query molto avanzate.

Quando si considera l'estensione a un mercato al di fuori degli Stati Uniti, è una buona idea eseguire il marchio registrato dagli oratori locali per vedere se c'è un significato negativo nella lingua locale. Non vuoi avere una situazione imbarazzante in cui il tuo marchio si traduce in una parolaccia o è pronunciato come una parola con connotazioni negative.

Quindi, è importante chiarire e dare priorità a quali giurisdizioni hanno più senso per il tuo marchio . Identificare innanzitutto mercati chiave e marchi protetti in tali giurisdizioni. Ciò fornirà un buon punto di riferimento per estendere il tuo marchio a livello internazionale. Spesso è opprimente (e non necessario) registrare il proprio marchio in ogni paese.

I titolari del marchio devono ricordare di proteggere i marchi online da cybersquatter e altre forme di abuso di marchi online. Una società può registrare il suo nome di dominio con i principali domini di primo livello del paese (CTLD), come .uk (Regno Unito) e .fr (Francia) per proteggere i diritti in altri paesi e monitorare i depositi di dominio in tutto il mondo per prevenire la violazione.

MB: Quali sono gli errori più comuni quando si fa domanda per un marchio?

JB: Un errore comune che le aziende commettono non garantisce che siano il proprietario di un marchio prima di fare domanda in altri paesi. Prima di estendere il tuo marchio, devi assicurarti di avere una proprietà chiaramente stabilita.

Poiché i diritti di archiviazione si basano su ciò per cui il marchio è effettivamente utilizzato, devi anche assicurarti di pensare allo scopo attuale del marchio e cosa potresti voler usare per il futuro. Ad esempio, se stai archiviando il nome di una borsetta e stai pensando di applicare in seguito il nome ai gioielli, dovresti pianificare questo nella tua strategia di marca. Assicurati di pensare a quali saranno le future linee di commercio per quei marchi e poi assicurati di dimostrare che stai utilizzando il marchio nella tua domanda, che è un requisito negli Stati Uniti

Come accennato in precedenza, la traduzione nel il mercato che stai utilizzando può essere una potenziale trappola. Il tuo marchio può tradursi in qualcosa che non vuoi o ci può essere una cattiva connotazione culturale, quindi assicurati di controllare accuratamente le traduzioni.

Un altro errore comune ruota intorno alla geografia. In molti paesi non puoi essere geograficamente fuorviante, perché proteggono le indicazioni geografiche. Se sei un produttore di vino americano e stai producendo un vino spumante, non puoi esportare il vino in Francia e chiamarlo Champagne. Lo champagne deve essere prodotto in una regione specifica in Francia e la PTO lo applica rigorosamente.

Infine, una domanda di marchio deve essere distintiva per il tuo marchio. Il valore è nella differenziazione che crea sul mercato, dove un consumatore guarda il tuo marchio e lo identifica come un particolare prodotto o servizio. Quindi non puoi registrare qualcosa di generico o qualcosa che non lo distingua dagli altri.

Durante l'intero processo, è consigliabile assumere un avvocato specializzato in marchi per aiutare nella ricerca, nella liquidazione e nell'archiviazione dei marchi.

MB : Cos'altro devono sapere le aziende?

JB: La registrazione di marchi internazionali può essere cruciale per la tua attività. Può esserci una potenziale perdita di valore del marchio legata a questi marchi. Richiedendo i marchi internazionali, puoi sfruttare questi marchi per aiutarti a espandere, differenziare e comunicare la qualità e il valore della tua band. Se permetti ad altri di registrare i tuoi marchi in altri paesi, li diluisci e diminuisci il valore del tuo marchio, e ferisci ulteriormente le tue possibilità di espansione a livello globale.


Vita dopo prigione: sceglieresti un ex detenuto?

Vita dopo prigione: sceglieresti un ex detenuto?

Con un tasso di disoccupazione vicino ai livelli record, trovare un lavoro può essere difficile. Quando hai scontato tempo in prigione, le probabilità contro di te aumentano in modo esponenziale. Ci sono più di 6 milioni di ex detenuti negli Stati Uniti, secondo uno studio recente, con 600.000 aggiunti al totale ogni anno.

(Casa)

4 Problematiche fiscali confuse Piccole imprese spesso fraintendono

4 Problematiche fiscali confuse Piccole imprese spesso fraintendono

Stagione fiscale è spesso il momento più frenetico e confuso dell'anno per i proprietari di piccole imprese. Anche se lavori con un contabile professionista, le leggi fiscali cambiano costantemente e potresti non capirne completamente alcune. Se le tasse sono già state registrate o stai aspettando fino all'ultimo minuto, ecco le questioni fiscali più confuse di quest'anno spiegate dagli esperti finanziari.

(Casa)