Il bullismo sul posto di lavoro cresce


Il bullismo sul posto di lavoro cresce

Il numero di i bulli non aumentano solo nelle scuole. Una nuova ricerca mostra che è in aumento anche in ufficio.

Uno studio di CareerBuilder ha rivelato che il 35% degli impiegati è stato vittima di bullismo sul lavoro, rispetto al 27% di un anno fa. Di questi, il 16% ha sofferto di problemi di salute a causa del bullismo, mentre il 17% ha lasciato il lavoro per sfuggire alla situazione.

Incolparsi di errori che non hanno commesso, non ottenere il riconoscimento appropriato e essere la vittima dei doppi standard sono stati i modi più comuni in cui i dipendenti sono stati vittime di bullismo, secondo il sondaggio. Altri modi in cui sono stati scelti attorno all'ufficio includono:

  • Essere costantemente criticati
  • Avere un lavoro influenzato negativamente perché altri non hanno svolto i loro compiti
  • Essere sgridati da un boss di fronte ai colleghi
  • Dopo aver sminuito i commenti sul loro lavoro durante gli incontri
  • I pettegolezzi su
  • Avere qualcuno che ruba credito per il loro lavoro
  • Essere appositamente esclusi da progetti o riunioni
  • Essere scelti per attributi personali

"Come definiscono i lavoratori il bullismo può variare considerevolmente, ma è spesso legato a modelli di trattamento ingiusto ", ha affermato Rosemary Haefner, vicepresidente delle risorse umane presso CareerBuilder. "Il bullismo può avere un impatto significativo sia sulle prestazioni individuali che aziendali".

[5 cose che un capo non dovrebbe mai dire]

Di lavoratori che si sentivano vittime di bullismo, lo studio ha rilevato che la maggior parte indicava incidenti con i loro capi o co- lavoratori, mentre una percentuale più piccola veniva molestata dai clienti o da qualcuno più in alto nella società che non fosse il loro manager.

Nonostante le conseguenze negative che possono derivare dal bullismo, più della metà degli intervistati non si confronta con i loro tormentatori o riferisce l'incidente. Di quelli che hanno affrontato il bullo, metà ha detto che il comportamento si è fermato, mentre l'11% ha detto che è peggiorato.

Haefner offre diversi suggerimenti per i dipendenti che si sentono oppressi sul posto di lavoro:

  • Tenere traccia di tutti gli episodi di bullismo, documentando i luoghi , volte, cosa è successo e chi era presente.
  • Considerare di parlare con il bullo, fornendo esempi di come ti sei sentito trattato ingiustamente. È probabile che il bullo non sia consapevole di come ti senti.
  • Concentrati sempre sulla risoluzione. Quando condividi esempi con il bullo o l'autorità di una società, concentra le discussioni su come migliorare la situazione lavorativa o su come gestire le cose in modo diverso.

"È importante citare incidenti specifici quando si affronta la situazione con il bullo o un'azienda autorità e concentrarsi sulla ricerca di una soluzione ", ha detto Haefner.

Lo studio è stato basato su sondaggi di circa 3.900 impiegati USA a tempo pieno.


Il 75% delle donne dichiara di non frequentare gli uomini disoccupati

Il 75% delle donne dichiara di non frequentare gli uomini disoccupati

Mentre perdere il tuo lavoro può essere un colpo devastante per le tue aspirazioni di carriera, potrebbe essere un colpo ancora più grande la tua vita personale, secondo una nuova ricerca condotta da un servizio di appuntamenti. Una significativa maggioranza di donne ha dichiarato di non uscire con un uomo che era disoccupato.

(Generale)

Economia che ha un impatto negativo sullo sviluppo sociale dei bambini

Economia che ha un impatto negativo sullo sviluppo sociale dei bambini

È Già stato dimostrato che la carriera e i problemi finanziari possono avere un impatto negativo sulle relazioni delle persone con i loro coniugi e partner. Ora, una nuova ricerca rileva che avere problemi finanziari influenza i rapporti dei genitori con i loro figli. In particolare, i genitori che hanno problemi finanziari e depressione hanno meno probabilità di sentirsi in contatto con i loro figli, e i loro figli hanno meno probabilità di impegnarsi in "prosociale" "Comportamenti come il volontariato o l'aiuto agli altri, secondo il professor Gustavo Carlo dell'Università del Missouri.

(Generale)