La carriera che sta crescendo in popolarità: l'imprenditorialità


La carriera che sta crescendo in popolarità: l'imprenditorialità

L'imprenditorialità ha diventare una popolare opzione di carriera per persone provenienti da tutti gli Stati Uniti.

Una nuova ricerca ha scoperto che il numero di americani coinvolti in attività imprenditoriali nella fase iniziale è il più alto da quando il Global Entrepreneurship Monitor (GEM) ha iniziato a monitorare informazioni nel 1999> . Attualmente, il 13% degli americani è coinvolto in attività imprenditoriali, la ricerca ha rilevato.

"Nonostante un'economia stagnante, il 2012 è stato caratterizzato da imprenditori che hanno segnalato maggiore ottimismo e fiducia nelle loro capacità di avviare nuove attività", ha affermato Donna Kelley, autore principale del rapporto e professore associato di imprenditorialità al Babson College. "In effetti, quasi il 13% della popolazione adulta statunitense era impegnata nell'imprenditoria, con la stragrande maggioranza che iniziava le imprese a perseguire un'opportunità piuttosto che per necessità, mentre al ribasso, gli americani che chiudevano le imprese erano due volte più probabili di altre. le economie guidate a citare difficoltà nel finanziare le loro imprese. "

Gli intervistati affermano di aver bisogno di un importo medio di $ 15.000 per avviare un'attività in proprio. Per ottenere quei soldi e altri soldi necessari per finanziare le loro attività commerciali, gli imprenditori si affidano principalmente ai risparmi personali, agli amici e alla famiglia; solo il 16% dei finanziamenti proviene dalle banche. Due terzi degli imprenditori affermano di aver avuto difficoltà ad ottenere finanziamenti.

Gli imprenditori non si affidano solo alla famiglia per ottenere finanziamenti, ma il 23 percento si affida anche ad almeno un membro della famiglia come membro del personale non retribuito. Il 21% ha almeno un familiare come impiegato retribuito.

"Abbiamo scoperto che gli imprenditori negli Stati Uniti hanno mostrato un tipo di vicinanza", ha detto Abdul Ali, coautore del rapporto e professore associato di imprenditorialità presso Babson . "Più di due terzi partono da casa, poco più di un decimo fa una parte significativa delle loro vendite da clienti stranieri, anche se questo potrebbe dimostrare una facilità di avvio negli Stati Uniti, sono richiesti imprenditori con ambizioni espansive Per dare un contributo alla crescita dell'occupazione e alla competitività globale. "

Anche con le sfide che devono affrontare, gli americani hanno un'opinione positiva degli imprenditori. Il 43% degli americani afferma che ci sono buone opportunità per l'imprenditorialità, la percentuale più alta di persone che detengono tale opinione. Inoltre, il 56% degli americani afferma di ritenere di avere le risorse necessarie per avviare un'impresa.

Altre scoperte interessanti sono:

  • Ci sono sette donne imprenditrici per ogni 10 imprenditori maschi.
  • Gli immigrati di prima generazione sono più
  • Il 37% degli imprenditori ritiene di avere più di cinque dipendenti nei prossimi cinque anni.
  • Un imprenditore su tre ammette di avere paura di fallire, dal 25% in su 2008.

La ricerca è stata basata sulle risposte degli imprenditori di 69 economie in tutto il mondo. Il rapporto è stato scritto da professori del Babson College e del Baruch College.


Content Marketing: 4 modi per cambiare

Content Marketing: 4 modi per cambiare

Qualsiasi discussione sul marketing nel 2014 inizia con una parola: contenuto. La creazione di contenuti unici e coinvolgenti - dai blog ai post di Facebook alle newsletter via email - è stata la chiave per conquistare clienti per diversi anni consecutivi. Ma dove si trova questa tendenza del "brand publishing"?

(Attività commerciale)

I non-concorrenti sono cattivi per l'imprenditorialità?

I non-concorrenti sono cattivi per l'imprenditorialità?

Gli accordi di non concorrenza, che limitano le capacità dei dipendenti di lasciare la loro attuale organizzazione per lanciare un'attività rivale, possono ostacolare l'imprenditorialità, secondo una nuova ricerca. Lo studio, che apparirà in un prossimo numero della rivista Management Science, ha rivelato che negli Stati in cui vi è una rigida applicazione degli accordi di non concorrenza, un numero minore di dipendenti lascia il proprio datore di lavoro per avviare le proprie attività nello stesso settore.

(Attività commerciale)