'Usalo o perdilo': Impiegare i dipendenti a prendersi del tempo libero


'Usalo o perdilo': Impiegare i dipendenti a prendersi del tempo libero

Mentre l'estate si ferma, c'è una buona probabilità che un gran numero di dipendenti abbia ancora giorni di vacanza in abbondanza.

Paura di essere rimpiazzati, di avere il lavoro accumulato e un povero datore di lavoro il supporto e la comunicazione sono tra i fattori principali che impediscono ai lavoratori statunitensi di utilizzare tutti i permessi retribuiti che arriveranno, secondo un nuovo studio della GfK Public Affairs and Corporate Communications (GfK) e della US Travel Association.

La ricerca ha rivelato che nel complesso, il 40 percento dei dipendenti lascerà le vacanze sul tavolo quest'anno. Roger Dow, presidente e CEO della US Travel Association, ha detto che parte del problema è che molti americani soffrono di un complesso di martiri del lavoro.

"In parte, è perché" busyness "è qualcosa che indossiamo come distintivo d'onore, "Dow ha detto in una dichiarazione. "Ma è anche perché stiamo emergendo da un'economia difficile e molti si sentono meno sicuri nei loro posti di lavoro."

Lo studio ha scoperto che il 40% degli impiegati dice che tornare a una montagna di lavoro è il motivo principale per cui lasciano i giorni liberi retribuiti inutilizzato, mentre il 35% ritiene che nessun altro possa fare il proprio lavoro. Inoltre, più del 20% dei lavoratori è preoccupato che il loro periodo di riposo li renderà sostituibili dai responsabili.

Anche la cultura aziendale può svolgere un ruolo. Nonostante il 95% dei dirigenti aziendali riconoscano l'importanza del tempo libero, due terzi dei lavoratori indicano che la propria azienda non dice nulla, invia messaggi contrastanti o scoraggia l'utilizzo del proprio tempo libero retribuito. Inoltre, un terzo dei senior leader aziendali non parla mai, o raramente, con i dipendenti dei benefici derivanti dal prendere tempo.

I ricercatori dicono che i dirigenti aziendali possono inviare involontariamente messaggi misti ai dipendenti quando prendono il loro tempo libero. Quasi la metà dei manager intervistati risponde alle e-mail mentre è in vacanza, mentre il 29 percento restituisce le chiamate dall'ufficio durante il loro tempo libero.

Gli autori dello studio hanno detto che questo invia un segnale che non è accettabile stare lontano dal lavoro.

Chris Moessner, vicepresidente della ricerca di GfK, ha affermato che la chiave per incoraggiare i dipendenti a prendersi più tempo è abbandonare le politiche che consentono ai lavoratori di trascorrere il periodo delle ferie nell'anno successivo.

Lo studio ha rilevato che l'84% dipendenti con un piano politico "usalo o perdilo" per utilizzare tutti i permessi retribuiti nel 2014, rispetto a meno della metà dei lavoratori che possono rotolare, bancare o essere pagati per ferie non utilizzate.

"Usalo o Perderlo, le politiche sono tremendamente efficaci nell'ottenere che i dipendenti usino il tempo libero che hanno guadagnato ", ha detto Moessner.

Dow ha detto che alla fine i dipendenti soffriranno non prendendo più tempo libero.

Sfortunatamente, i lavoratori non sembrano rendersi conto che la perdita del tempo della loro vacanza avviene a spese della loro salute, del loro benessere e delle relazioni generali ", ha affermato Dow.

Lo studio era basato su indagini su 1.303 lavoratori americani che lavoravano almeno 35 ore alla settimana, inclusi 235 dirigenti.

Originariamente pubblicato su Business Notizie ogni giorno .


Cosa rende un grande imprenditore?

Cosa rende un grande imprenditore?

Mentre la politica e l'esercito hanno prodotto alcuni dei più grandi leader della storia, così ha la comunità degli affari. Nel corso del tempo, leggende della leadership come Henry Ford, Walt Disney, Ray Kroc e Sam Walton hanno dimostrato che con una combinazione di duro lavoro, determinazione e - sì - un po 'di fortuna, un grande successo è raggiungibile.

(Comando)

Restituzione: 36 modi in cui la tua piccola impresa può aiutare

Restituzione: 36 modi in cui la tua piccola impresa può aiutare

Bob e Charlee Moore, fondatori dei prodotti naturali Bob's Red Mill, hanno piantato più di pochi semi per il cambiamento sociale. La coppia, che ha fondato il macinatore di pietra di grano intero nel 1978, ha recentemente donato $ 5 milioni alla Oregon State University per l'educazione sanitaria e ha donato altri $ 1,35 milioni al National College of Natural Medicine, che finanzierà un programma per porre fine all'obesità infantile.

(Comando)