Blah, Blah, Blah: esattamente ciò che è sbagliato nel mondo degli affari


Blah, Blah, Blah: esattamente ciò che è sbagliato nel mondo degli affari

È la tua piccola impresa viene soffocata dal prolisso "blah, blah, blah" che nasconde il tuo messaggio sotto tonnellate di complessità, incomprensioni e noia?

Gli affari di oggi sono inondati da un mare di bla, bla, bla perché siamo circondati da parole - troppe parole, parole sbagliate, parole inintelligibili, parole fuorvianti, dice il cassetto dell'autore / padre Dan Roam. Quel bla-blah-blah è una tabella di marcia per la confusione, non la chiarezza, dice Roam. Tutti quei "blavi" si sommano alla complessità, che uccide la nostra capacità di pensare, l'incomprensione, che uccide la nostra capacità di condurre, e la noia, che uccide la nostra capacità di prenderci cura.

Dubbio? Hai mai letto un business plan da copertina a copertina? Annuito durante un incontro di lavoro? Subito sfogliato al budget alla fine di una proposta e messo a punto l'oratore? Tieni gli occhi lucidi dopo la 50a slide in una presentazione di PowerPoint ricca di testo? Benvenuti in blah-blah-blah.

La risposta, secondo Roam, potrebbe essere semplice come aggiungere semplicemente delle immagini. E non devono essere belli.

Roam ha mostrato al mondo come usare le immagini invece delle parole può trasformare il brainstorming e le comunicazioni nel suo libro del 2008, "Il retro del tovagliolo". Nel suo nuovo libro, "Blah, Blah, Blah: Cosa fare quando le parole non funzionano" (2011, Portfolio), mostra come il visual può guidare le nostre parole lontano dalla maledizione della complessità.

"We" Abbiamo perso la nostra capacità di guardare i problemi da una prospettiva più ampia ", ha detto a MobbyBusiness. "Quello che stiamo vedendo non è molta chiarezza, sentiamo molte parole, Washington DC è un ottimo esempio, ma non l'unico, parliamo così tanto che stiamo dimenticando come pensare".

Il problema è che quando le parole non funzionano, anche il pensare non funziona. Meravigliose come le parole, dice Roam, non riescono a individuare, descrivere e disinnescare la legione di problemi complessi che i governi e le imprese, grandi e piccoli, affrontano oggi. Le parole, purtroppo, sono diventate i nostri strumenti di pensiero predefiniti e, per molti di noi, il nostro unico strumento di pensiero.

"Abbiamo perso le immagini", ha detto Road.

E a volte, anche le parole ben elaborate potrebbero trarre beneficio da chiarimento pittorico. La Costituzione degli Stati Uniti è un esempio calzante, disse Roam.

"Se quelle parole fossero così vividi che non c'era dubbio cosa volessero dire, non avremmo bisogno di una Corte Suprema", ha detto.

Abbiamo bisogno di un nuovo strumento, dice. Lo chiama "pensiero vivido", una sorta di pensiero che chiama sia il visivo che il verbale per arrivare al cuore del significato e passare da intuizioni sepolte a intuizioni esposte che inquadrano pienamente ciò che intendiamo e vogliamo dire.

Al centro è una vivida grammatica che mette in relazione quadri elementari - ritratti, grafici, mappe, linee temporali, diagrammi di flusso e trame multivariabili - con elementi verbali di sostantivi grammaticali e pronomi, aggettivi, preposizioni e congiunzioni, verbi complessi e soggetti complessi. È una grammatica per raccontare una storia in immagini.

Roam è pronto a dire che sta parlando di semplici immagini, non di opere d'arte destinate a essere montate al Louvre. È più simile a scarabocchiare.

"C'è una distinzione tra arte e grafica", ha detto.

Per la maggior parte delle persone, la scuola elementare ti insegna tutto ciò che devi sapere per tracciare il modo in cui parla Roam.

Pensiero vivido, ha detto, significa pensare in modo equilibrato - ciò che Roam chiama "visione doppia" - è in grado di vedere il mondo sia pezzo per pezzo in modo lineare che allo stesso tempo in modo visivo. L'obiettivo è migliorare la consegna, esplorare l'idea ed esporre l'intento delle comunicazioni in tutte le forme.

Le immagini non devono essere nel documento finale o nella presentazione, ma la loro presenza nel processo di creazione dovrebbe essere evidente in entrambi vividità e chiarezza.

"Aggiungiamo alcune immagini per dare vita alle parole", ha detto. "E le parole migliorano la chiarezza delle immagini: il pensiero vivido è l'atto di sparare idee avanti e indietro tra il visivo e il verbale, distillando le idee fino al midollo, quindi possiamo avere una conversazione più lunga."

Le regole del pensiero vivido sono semplici, ha detto Roam. Quando diciamo una parola, dovremmo disegnare un'immagine (e viceversa). Se non sappiamo quale immagine disegnare, dovremmo guardare alla grammatica vivida per indicarci la strada. E dovremmo imparare a identificare visivamente l'essenziale di un'idea.

Allora, perché l'elemento visivo è così importante? Per gli apritori, ha detto Roam, il visual è venuto prima del verbale nell'evoluzione delle lingue.

"Le prime lingue scritte erano pittoriche", ha detto. "La capacità di disegnare era considerata magica, più la mente è dedicata all'elaborazione visiva, ma abbiamo perso la connessione magnetica dell'immagine."

Abbiamo sviluppato la convinzione che le immagini siano roba da bambini, ha detto. I documenti seri devono essere lunghi, asciutti e prolissi. Il sentimento è che i documenti o messaggi seri devono essere eliminati dalla vista.

L'antidoto, dice Roam, è un pensiero vivido che dà uguale peso al visivo e al verbale, anche se le immagini reali non sono incluse nel prodotto finale. Se non riesci a disegnare ciò che intendi, è molto probabile che tu non sappia cosa intendi.

Roam non riduce il lasco per i non-artisti che soffrono di paura di disegnare e reclamare: "Ma Non riesco a disegnare. "

" Non è una risposta, "disse Roam. "Quello che stiamo cercando di dimostrare è che abbiamo la capacità di pensare, non la capacità di disegnare. Dire che non posso disegnare è un non-starter nel mio mondo."

  • Come assicurarsi che il tuo Elevator Pitch non sia 't a Downer
  • Essere onesti con i dipendenti li aiuta a conservarli
  • Gli scarabocchi possono attirare gli studenti nella scienza


I consumatori sono ancora disposti a spendere per ottenere quello che vogliono

I consumatori sono ancora disposti a spendere per ottenere quello che vogliono

I tempi possono essere difficili, ma gli imprenditori possono prendere coraggio. Ci sono ancora certe cose a cui molte persone non sono disposte a rinunciare. Anche se alcuni giovani professionisti e consumatori facoltosi vogliono spendere meno, non aspettarsi che si ostinano a concedersi piaceri colpevoli come il cibo alla fantasia ristoranti, elettronica, articoli di moda o biglietti sportivi e abbigliamento, trova un nuovo sondaggio American Express.

(Generale)

Fai ciò che ami: Celebrity Baby Blogger

Fai ciò che ami: Celebrity Baby Blogger

Hai mai sognato di trovare un modo per fare ciò che ami per vivere? Nella mia colonna "Do What You Love", chiedo alle persone che l'hanno fatto di raccontarmi i loro segreti. Spero che ti ispirino a fare lo stesso. Lisa Weber ha iniziato Celebrity Baby Scoop nel 2006 mentre lavorava come infermiera. Quello che era iniziato come un hobby divenne presto un lavoro a tempo pieno mentre il sito prendeva rapidamente il volo.

(Generale)