Giocare sicuri è la migliore strategia sociale per i marchi


Giocare sicuri è la migliore strategia sociale per i marchi

Molte aziende che usano Facebook, Twitter e Instagram per coinvolgere i clienti e creare identità di marca stanno scoprendo che il social media marketing può essere un'arma a doppio taglio . Nel tentativo di catturare l'attenzione della gente, alcune aziende stanno assumendo rischi di marketing che finiscono per ritorni di fiamma.

Come sottolinea un recente rapporto di Sprout Social, è fin troppo facile alienare i clienti con il messaggio sbagliato. I marketer che spingono la busta con i loro social media potrebbero creare disimpegno nella loro base di clienti, secondo i feedback raccolti da un sondaggio di 1.000 clienti di Sprout Social.

Un errore tattico comune che molte aziende commettono è esprimere sarcasmo o critiche acute verso concorrenti o persino i propri follower dei social media - una pratica che la maggior parte degli intervistati ritiene essere abrasiva. Il sondaggio mostra che l'88% dei consumatori è infastidito quando i marchi prendono in giro i follower e il 67% pensa allo stesso modo sui brand che ridicolizzano i concorrenti.

Le persone sono anche stanche di commenti politici che appaiono nei post sui social media di un brand. In particolare, il 71% dei consumatori intervistati ritiene che i commenti politici dei marchi siano scoraggianti. Circa la stessa percentuale è increspata dai messaggi dei social media da parte di aziende che contengono slang - specialmente se viene percepita come artificiosa o ingannevole.

Infine, l'umorismo non è necessariamente correlato alle vendite, almeno non secondo la maggior parte degli intervistati. Il suo impatto dipende dalla natura dell'umorismo e da come integra altri aspetti della strategia di branding di un'azienda, ma molti ritengono che non abbia un impatto significativo sulle entrate. Secondo un recente comunicato stampa di Sprout Social, "mentre [l'umorismo] potrebbe farti venire qualche risata, solo il 36% dei consumatori ha detto che [...] li renderà più propensi ad acquistare da un marchio."

Quindi qual è il modo migliore per evitare di allontanare i clienti dalla tua presenza social? Sprout Social ha rilevato che quasi la metà (48%) dei consumatori è più incline ad acquistare da marchi che interagiscono con i consumatori sui social media. Mentre connettersi con i consumatori sui social media aiuta a creare fiducia, consapevolezza del marchio e lealtà, i leader di Sprout Social credono che i consumatori vogliano semplicemente che i marchi usino le piattaforme social come canale di assistenza ai clienti.

Uno dei modi principali per farlo è rispondere prontamente a commenti, preoccupazioni e richieste. Come emerge dal rapporto, negli ultimi due anni è emersa una tendenza al declino della reattività: i marchi impiegano in media 11 ore per rispondere ai messaggi in arrivo - un'ora intera più di un anno fa.

Secondo Scott Brandt, capo marketing officer di Sprout Social, un marketing efficace nasce dalla conoscenza delle caratteristiche e delle aspettative dei tuoi gruppi target.

"Sviluppare una personalità di marca deve essere un processo ponderato e personalizzato che inizi a capire veramente chi è il tuo pubblico e cosa sono cercando ", ha detto. "Quando [la] maggioranza dei tuoi consumatori preferisce vederti più utile che divertente, crea i tuoi contenuti di conseguenza."


Come scegliere il franchising giusto

Come scegliere il franchising giusto

I franchise sono interessanti per i nuovi imprenditori che desiderano ridurre il rischio di un prodotto o servizio comprovati pur essendo il loro capo. Possono ottenere supporto dalla società madre o da altri affiliati per garantire il successo. La decisione più difficile, tuttavia, è a quale franchise aderire.

(Attività commerciale)

Da Volcano's Edge a una corsa congressuale: usare la scienza per risolvere i problemi del governo

Da Volcano's Edge a una corsa congressuale: usare la scienza per risolvere i problemi del governo

Mi avvicinai lentamente al bordo della scogliera, con gli scarponi che staccavano piccole rocce che cadevano per 15 piani giù nel torbido lago Fahrenheit di roccia fusa di 2000 gradi sotto di noi. Era il 2008, e la mia prima volta guardavo un inferno letterario. Il vulcano Kilauea è il più attivo del mondo, e questa eruzione al suo culmine era iniziata solo poche settimane prima.

(Attività commerciale)