10 Modi in cui il tuo lavoro può essere dannoso per la tua salute


10 Modi in cui il tuo lavoro può essere dannoso per la tua salute

Il tuo lavoro, la tua salute

Se sei come molti professionisti, il tuo lavoro a tempo pieno occupa la maggior parte delle ore di veglia. Ma ti sei mai fermato a pensare a come la tua carriera sta influenzando la tua salute generale? Determinate abitudini e comportamenti legati al lavoro potrebbero incidere sul benessere fisico, mentale ed emotivo. Ecco 10 modi in cui il tuo lavoro influenza la tua salute.

Lavoro straordinario

Gli americani sono diventati famosi per le loro tendenze maniache del lavoro. Numerosi studi e statistiche hanno dimostrato che i lavoratori statunitensi impiegano meno tempo per le vacanze, si ritirano più tardi e impiegano più ore rispetto ai lavoratori nella maggior parte degli altri paesi del mondo sviluppato. "Tutto lavoro e niente gioco" potrebbe farti sembrare un impiegato di classe in superficie, ma a lungo andare ti farà solo male.

I ricercatori della Kansas State University hanno scoperto che i dipendenti che lavoravano più di 50 ore alla settimana erano più propensi a ridurre il benessere fisico e mentale. Questi lavoratori tendevano a saltare i pasti perché erano troppo occupati a lavorare e avevano incidenze più alte di depressione auto-riferita. Un altro studio ha rilevato che le persone che hanno lavorato almeno 10 ore al giorno hanno avuto un rischio maggiore del 60% di problemi cardiaci, come la morte per malattia cardiaca o un attacco di cuore non fatale, rispetto a quelli che non hanno svolto gli straordinari.

Mancanza di movimento

Sia che la giornata di lavoro sia trascorsa seduta, in piedi o entrambi, un lavoro che richiede un movimento fisico minimo o nullo potrebbe contribuire a una varietà di problemi di salute. Uno stile di vita sedentario è più comunemente associato ad un aumentato rischio di malattie cardiache e diabete, ma può - e spesso lo fa - causare anche dolore fisico.

L'American Osteopathic Association ha rilevato che due terzi degli impiegati hanno sofferto di dolore sul lavoro durante un periodo di sei mesi, principalmente a causa di lavoro da scrivania. Curvarsi sulla scrivania, fissare il monitor di un computer e usare un mouse e una tastiera per periodi prolungati, tutti i muscoli e gli occhi, e sono stati i principali responsabili del dolore dei dipendenti. Un altro studio pubblicato sulla rivista Human Factors ha rilevato che lo stare in piedi non è molto migliore - i dipendenti che passano la maggior parte della giornata lavorativa soffrono di affaticamento, crampi alle gambe e mal di schiena.

Inbox overload

Se sei qualcuno che apre e risponde a ogni e-mail non appena entra in gioco, potresti essere causa di te stesso un sacco di ansia inutile. Uno studio dell'Università della British Columbia ha mostrato una correlazione tra lo stress psicologico e la frequenza con cui controlli la tua casella di posta.

Per una settimana, i partecipanti si sono limitati a controllare la posta elettronica tre volte al giorno. La settimana seguente, avevano accesso illimitato alla posta elettronica. Nonostante abbia difficoltà a limitare il loro uso dell'email, i partecipanti hanno segnalato livelli di stress giornalieri significativamente inferiori quando hanno controllato la loro casella di posta solo poche volte al giorno.

Prendere (o non prendere) pause

Un "break time" formale è diventato una reliquia del passato per alcuni dipendenti. Uno studio di Staples ha rilevato che oltre un quarto dei lavoratori non fa pause durante la giornata di lavoro tranne che a pranzo perché si sentono colpevoli (20%) o ritengono di non poter lasciare la propria scrivania (55%).

La mancata interruzione sta causando un sacco di stress lavorativo tra i dipendenti, e loro lo sanno: quasi il 60 percento degli intervistati ha affermato che più interruzioni migliorerebbero la loro felicità lavorativa, e il 43 percento ha affermato che aumenterebbe la loro felicità personale. Inoltre, il 37 percento ha dichiarato che le pause regolari migliorerebbero la loro salute.

Pensionamento anticipato

Molti lavoratori non vedono l'ora di andare in pensione, ma potresti pensarci due volte prima di concludere la tua carriera troppo presto. Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori austriaci ha rilevato che, in particolare per gli uomini, il pensionamento anticipato aumentava il rischio di morire prima dei 67 anni. I ricercatori hanno stimato che l'anno addizionale di pensionamenti anticipati riduce di circa due mesi la vita di un pensionato.

Lo studio ha osservato che gli individui in pensione spesso acquisiscono abitudini malsane, tra cui fumare, bere, mangiare insalubre e esercizio poco frequente. I primi pensionati possono impegnarsi prima in queste abitudini, che contribuiscono ad aumentare il rischio di morte prematura, lo studio suggerito.

Rimanere in un lavoro che odi

Quel lavoro che odi potrebbe farti impazzire, ma gli effetti collaterali possono estendersi ben oltre il tuo benessere mentale ed emotivo. La ricerca pubblicata sulla rivista Human Relations ha rilevato che i dipendenti che hanno soggiornato presso le organizzazioni indipendentemente dall'obbligo o da una mancanza percepita di altre opzioni di lavoro erano più propensi degli altri a provare problemi di salute fisica, inclusi sintomi di esaurimento, stress e esaurimento.

Uno degli autori dello studio ha ipotizzato che, in assenza di un vincolo emotivo con l'organizzazione, l'impegno di un lavoratore sia basato sull'obbligo. Questo sentimento di indebitamento e una perdita di autonomia sono emotivamente prosciugati nel tempo, ha detto il ricercatore.

Pendolarismo

Hai un lungo tragitto? Andare e tornare dal lavoro ogni giorno potrebbe essere la ragione per cui ti senti stressato. La School of Industrial Relations dell'Università di Montreal ha scoperto che i viaggi più lunghi di 20 minuti aumentano il rischio di burnout e i viaggi di 35 minuti o più aumentano il rischio di cinismo lavorativo.

Anche se i livelli di stress variano a seconda del metodo e delle opzioni per il trasporto, la regola generale sembrava essere che più grande è la città, maggiore è la tassazione del tragitto giornaliero. Ritardi imprevisti e mancanza di controllo sulle circostanze del pendolarismo contribuiscono a livelli più elevati di stress.

Disoccupazione di lunga durata

Al di là dell'impatto finanziario dell'essere disoccupati, la disoccupazione influisce in modo significativo sul benessere emotivo di una persona. La ricerca presentata durante un briefing del Congresso sui benefici psicologici del lavoro e l'impatto della disoccupazione ha rivelato che la disoccupazione di lunga durata può innescare problemi di salute mentale.

La ricerca ha dimostrato che le persone nello studio che erano disoccupate da oltre 25 settimane l'anno scorso era più probabile delle loro controparti occupate sperimentare problemi di salute mentale per la prima volta. I ricercatori hanno attribuito le loro scoperte al senso di scopo che il lavoro fornisce. La disoccupazione di lunga durata fa sentire le persone come se avessero perso il controllo della loro capacità di guadagnarsi da vivere e prendersi cura delle loro famiglie, cosa che li preoccupa per il loro futuro.

Rapporti con i collaboratori

Nessuno dice di avere essere amici con i tuoi colleghi di lavoro, ma se lo sei, potrebbe essere meglio per la tua salute. Secondo uno studio su LinkedIn, molti dipendenti ritengono che le amicizie sul posto di lavoro li rendano felici, li mantengano motivati ​​e aumentino la loro produttività.

D'altro canto, gli aspetti più negativi dell'ambiente sociale sul posto di lavoro possono portare a problemi di salute fisica e mentale. Gli effetti emotivi del bullismo in ufficio sono evidenti, ma la ricerca pubblicata su Management Communication Quarterly ha rilevato che le vittime di bullismo sul posto di lavoro soffrono in silenzio per paura di essere etichettate come piagniste o piagnistei. Essere ignorato dai colleghi può essere ancora più dannoso: i ricercatori della Sauder School of Business della University of British Columbia hanno scoperto che i dipendenti che si sentivano ostracizzati al lavoro avevano maggiori probabilità di segnalare problemi di salute, un senso inferiore di impegno sul posto di lavoro e una più forte intenzione di abbandonare il loro lavori.

Succhiare fino al capo

A seconda di come è fatto, i dipendenti che succhiano il capo potrebbero aiutare o danneggiare la loro salute mentale. Uno studio pubblicato nel Journal of Management Studies suggerisce che i professionisti che si baciano a un datore di lavoro come un modo per migliorare la loro posizione in ufficio possono evitare lo stress psicologico sentito da coloro che non sono così accorti riguardo al loro comportamento sul posto di lavoro.

La ricerca ha mostrato che i sentimenti di ostracismo - che possono portare a tensione di lavoro, esaurimento emotivo e depressione - spesso possono essere neutralizzati dall'uso intelligente di un dipendente delle capacità di ingraziamento in ufficio. Gli autori dello studio affermano che la chiave sta nel modo in cui i dipendenti leggono il linguaggio del corpo e le espressioni dei collaboratori; i dipendenti che non sono particolarmente in sintonia con queste cose possono effettivamente peggiorare la situazione succhiando, lo studio suggerisce.


Quale equilibrio vita-lavoro? I lavoratori dicono di non avere mai una pausa

Quale equilibrio vita-lavoro? I lavoratori dicono di non avere mai una pausa

Se non riesci a trovare quel perfetto equilibrio tra lavoro e vita privata, non sei il solo. US i dipendenti continuano a lottare con le sfumature del lavoro più duro che possono, garantendo inoltre che stiano prendendo un tempo sufficiente per se stessi, secondo un nuovo studio di Randstad. Questo è particolarmente vero quando si tratta di sfruttare appieno di giorni di ferie e rimanenti connessi al lavoro al di fuori del normale orario di lavoro.

(Carriera)

Alla ricerca di un lavoro? Non dirle che sei disoccupato

Alla ricerca di un lavoro? Non dirle che sei disoccupato

Come se la ricerca di un lavoro non fosse abbastanza difficile quando i disoccupati, nuove ricerche dimostrano che semplicemente essere senza lavoro - e non la mancanza di competenze o competenze - è la ragione per cui molti non vengono assunti Lo studio, che sarà presentato all'incontro annuale del prossimo mese dell'Academy of Management, ha trovato forti prove di pregiudizi contro i disoccupati da parte di coloro che assumono.

(Carriera)