10 Cosa fare e cosa non fare Ogni buon leader dovrebbe esercitarsi


10 Cosa fare e cosa non fare Ogni buon leader dovrebbe esercitarsi

Essere un buon leader non è facile. Devi guidare e ispirare allo stesso tempo, riuscendo a ottenere i risultati desiderati. Per aiutare a trovare il giusto equilibrio, Roxi Hewertson, presidente e CEO di Highland Consulting Group, offre i seguenti suggerimenti per i leader.

Do

  • Leggere / comprendere le proprie emozioni e riconoscere l'impatto su se stessi e sugli altri - Tutto inizia con la quantità di auto-consapevolezza emotiva che dimostri, che gli altri intorno a te usano come spunto. Sviluppando una visione accurata e gestendo appropriatamente le tue risposte emotive alle situazioni e il modo in cui impatti gli altri, il resto delle tue capacità e talenti sarà debitamente amplificato e sfruttato.
  • Conoscere i propri punti di forza e limiti - I migliori leader capiscono che non possono mai sapere e fare tutto ... e non fingere che lo facciano. Invece, riconoscono quello che sono veramente bravi e sfruttano quelle abilità, trascorrono del tempo facendo ciò che sanno fare meglio e continuano a imparare in aree in cui non sono altrettanto abili.
  • Conoscere e avere un buon senso della propria autostima e capacità - C'è una grande divisione tra fiducia e arroganza. La fiducia viene da un forte senso di autostima e auto-consapevolezza. L'arroganza deriva dalla paura in molti casi e un senso di diritto negli altri. I migliori leader sono molto fiduciosi in ciò che sanno e possono fare da una visione obiettiva, piuttosto che da una prospettiva presunta.
  • Pensa e agisci con ottimismo ... vedendo il lato positivo - Ci sono due tipi di atteggiamenti nel mondo: quelli che pensano e agiscono attraverso la lente dell'abbondanza, e quelli che pensano e agiscono attraverso una lente di scarsità. Gli atteggiamenti cambiano durante le nostre vite per molte ragioni, ei grandi leader conoscono il messaggio che stanno inviando su qualunque atteggiamento sia attuale. I grandi leader scelgono soluzioni, nuove idee e rivestimenti argentati, anche nei momenti peggiori.
  • Vedi e cogli le opportunità per contribuire al bene superiore - Nonostante il pensiero convenzionale, i grandi leader hanno un basso bisogno di ego a causa del loro solido fiducia e autostima. Non sprecando tempo ed energia per illuminare la propria immagine, questo tipo di leader libera energia e tempo per creare qualcosa di più grande di loro, costruendo spesso un'eredità che contribuisce a qualcosa di molto più importante delle loro agende personali. I grandi leader hanno un orientamento al successo focalizzato sul laser verso il bene superiore.

D'altra parte, Hewertson offre i seguenti suggerimenti per i leader da evitare.

Don'ts

  • Sconti le emozioni e la prospettiva degli altri - I leader falliti non capiscono o valutano i segnali di altre persone. Oppure, se lo fanno, a loro non importa, tutti dimostrando una fondamentale mancanza di empatia. Questa abilità di intelligenza emotiva si riferisce direttamente alla consapevolezza sociale. Non si può essere un buon leader senza empatia, punto.
  • Manca indizi organizzativi chiave, norme, reti decisionali e politica - Questi tipi di "leader" sono per lo più senza tracce e portano solo a nome. In qualche modo hanno ottenuto un titolo di comando, molto probabilmente per caso, circostanze, tempismo o favoritismi. Hanno pochissima intelligenza emotiva in termini di autocoscienza e consapevolezza organizzativa.
  • Incolpare gli altri per i risultati - L'autore Jim Collins ha ragione nel sostenere che i grandi leader guardano "nello specchio" quando le cose vanno male e "fuori" la finestra "che applaude gli altri quando le cose vanno bene. In effetti, quando le cose vanno male, è è circa il leader poiché è chi è responsabile della cultura e del successo della propria squadra. Tenere le persone responsabili per le loro prestazioni è importante; incolpare per errori o fallimenti è un non-inizio.
  • Evitare di affrontare e risolvere i conflitti - I leader in errore evitano di affrontare i conflitti, non forniscono feedback costruttivi e bloccano i problemi di relazione chiave. Spesso pensano: "Se lo ignoro, andrà via." "A volte lo fa, ma raramente. Più comunemente il conflitto cresce in modo esponenziale fino a quando non è un pasticcio tossico e maleodorante. Nessuna squadra può essere funzionale senza la capacità di risolvere i conflitti inevitabili e necessari.
  • Isolare te stesso e / o squadra dagli altri dell'organizzazione - Questi sono i lupi solitari che pensano che loro o loro e il loro team possano fare il lavoro meglio di chiunque altro. Credono di esserci dentro da soli, che nessuno li capisca e che, se qualcuno interferisce con loro, diluirà la loro agenda, il lavoro o l'immagine. I leader falliti si dividono e cercano di conquistare.


Movimento delle relazioni umane: come è cambiata la gestione

Movimento delle relazioni umane: come è cambiata la gestione

La prima teoria di gestione, la teoria della gestione scientifica di Frederick Taylor, risale al 1880. Da lì sono nati molti altri, come la teoria burocratica di Max Weber e la teoria organizzativa di Mary Parker Follett gestione. Tra gli innumerevoli teorici e teorie, è nato il movimento delle relazioni umane.

(Comando)

10 Abilità genitoriali da inserire nel curriculum

10 Abilità genitoriali da inserire nel curriculum

Abilità come assicurarsi di portare i bambini a scuola in tempo e sistemare le discussioni tra i tuoi figli aiuta a renderti non solo un buon genitore, ma anche un dipendente migliore Quasi il 70% dei datori di lavoro intervistati da CareerBuilder in un nuovo studio ha affermato di ritenere che le competenze acquisite in qualità di genitore si qualificano come esperienza rilevante sul posto di lavoro.

(Comando)