Perché sei più propenso a ottenere un aumento abbandonando il tuo posto di lavoro


Perché sei più propenso a ottenere un aumento abbandonando il tuo posto di lavoro

Se pensi che l'unico modo per ottenere un aumento significativo sia trovare un nuovo lavoro, potresti avere ragione . Una nuova ricerca convalida i sospetti nascosti dei dipendenti che sono stati erroneamente passati per una promozione a favore di qualcuno esterno all'organizzazione - che spesso viene pagato di più. Per aggiungere la beffa al danno, si scopre che le assunzioni esterne non fanno un lavoro quasi altrettanto buono delle persone che sono promosse dall'interno.

La realtà è che le aziende potrebbero essere meglio assoldate o promuovendo dall'interno.

"Le aziende dovrebbero capire che spesso può essere più difficile di quanto sembra portare persone che stanno bene sulla carta", ha detto Matthew Bidwell, docente presso la Wharton School of Business della University of Pennsylvania e autore dello studio. "Inoltre, c'è il sospetto che l'atteggiamento" l'erba sia sempre più verde "giochi un ruolo nel desiderio di alcune società di assumere dall'esterno. I manager vedono un ottimo CV e si entusiasmano nel suonare" Facciamo un affare ", anche quando è difficile sapere quali sono le debolezze che le assunzioni esterne portano con loro. "

Bidwell ha scoperto che assumere dall'esterno ha due grossi inconvenienti. Il principale tra questi è che in genere occorrono circa due anni per i nuovi assunti per adeguarsi alle nuove responsabilità all'interno di un'organizzazione. Inoltre, i responsabili delle assunzioni hanno riferito che di solito pagano di più questi assunti, tra il 18 e il 20% in più, per attirarli lontano dalla loro posizione attuale. Tuttavia, coloro che hanno superato i primi due anni sono stati promossi più rapidamente dei candidati interni.

Anche se i dipendenti esterni sono qualificati per il lavoro, Bidwell nota che il successo non è garantito.

"Questo non è un pranzo gratis per le assunzioni esterne ", ha detto Bidwell. "C'è un rischio molto più grande di essere lasciato andare durante quei primi anni, principalmente perché potrebbero non sviluppare le abilità necessarie e quindi non si comportano bene come previsto. Inoltre, potrebbero decidere di andarsene volontariamente."

Mentre viene trasferito per una posizione all'interno di un'organizzazione per una persona esterna all'organizzazione può frustrare i dipendenti, Bidwell non consiglia di smettere di fumare per migliorare la propria situazione. Secondo Bidwell, questo non è altro che un modo per mostrare slealtà verso la tua organizzazione e potenzialmente essere licenziato.

"Se ti piace dove sei, resta lì", disse Bidwell. "O almeno capisci quanto può essere difficile portare le tue capacità con te. Pensi di poter andare a un altro lavoro e di comportarti bene, ma ci vuole molto tempo per ottenere la stessa efficacia che avevi nella tua organizzazione precedente. È necessario essere consapevoli del fatto che spesso le tue abilità sono molto meno portabili di quanto pensi che siano. Anche se la paga può essere inferiore, le tue prestazioni sono migliori e c'è più sicurezza. "

" Pagare di più per ottenere meno: gli effetti di assunzioni esterne contro mobilità interna "è stato pubblicato sulla rivista Administrative Sciences Quarterly .


Gen Y cerca equilibrio tra lavoro e vita privata

Gen Y cerca equilibrio tra lavoro e vita privata

I Millennial vogliono un sacco di cose al lavoro. Secondo un nuovo sondaggio, la maggior parte dei lavoratori della Generazione Y (persone tra i 20 ei 30 anni) non solo desidera che il proprio posto di lavoro sia divertente, ma vuole anche fare le proprie ore ed eventualmente diventare il proprio capo.

(Carriera)

Vuoi un lavoro che ti renda felice? Lavoro per una piccola impresa

Vuoi un lavoro che ti renda felice? Lavoro per una piccola impresa

Se ti trovi insoddisfatto del tuo lavoro aziendale, prova a cercare lavoro in un'azienda più piccola. Il più felice i dipendenti lavorano per le imprese con meno di 10 dipendenti, secondo uno studio condotto dal personale Robert Half e dall'esperto di felicità e benessere Nic Marks. In particolare, su una scala da 0 a 100, i lavoratori nelle imprese con meno di 10 dipendenti hanno un punteggio di felicità pari a 76, mentre quelli che lavorano per le aziende con tra 10 e 50 dipendenti hanno un punteggio di 72.

(Carriera)