Ciò che rende le persone a rischio.


Ciò che rende le persone a rischio.

Mi chiedo mai perché alcune persone sono disposte a rischiare tutto per iniziare una nuova carriera, scalare una montagna o lanciarsi in qualche destinazione straniera per una grande avventura mentre altri hanno paura di fare qualcosa fuori dall'ordinario? La risposta potrebbe risiedere nel numero di conclusioni a sorpresa che hanno affrontato in passato.

Secondo una nuova ricerca dello psicologo Heath Demaree, della Case Western Reserve University di Cleveland, Ohio, persone che hanno sperimentato risultati sorprendenti in varie situazioni - se quegli esiti fossero buoni o cattivi - sono meno propensi a correre rischi in futuro. In altre parole, non è se vinci o perdi, ma se il risultato è previsto. Le persone sembrano diminuire i loro livelli di assunzione di rischi dopo aver sperimentato risultati sorprendenti, anche positivi.

Gli eventi sorprendenti causano la fermata, il congelamento, l'orientamento agli stimoli sorprendenti e l'aggiornamento dei loro schemi di funzionamento del mondo, Demaree disse. La nostra recente ricerca suggerisce che gli eventi sorprendenti inducono le persone a ridurre temporaneamente l'assunzione di rischi.

Demaree, che studia le emozioni e il modo in cui influiscono sul processo decisionale, si propone di comprendere ulteriormente come lo stato emotivo corrente di una persona preveda un comportamento che assuma il rischio. Le ricerche passate hanno rivelato che gli stati emotivi positivi e negativi generalmente diminuiscono e aumentano l'assunzione di rischi, rispettivamente.

Per condurre questa ricerca, ha dato ai partecipanti allo studio un finto bankroll di $ 50, da utilizzare per giocare uno o due dei tre tipi di computerizzato giochi di slot 25 volte ciascuno. Ogni gioco computerizzato ha prodotto vincite a diverse probabilità: il 13 percento (con grandi jackpot), il 50 percento (essenzialmente un lancio della moneta) e l'87 percento (con jackpot molto piccoli). Sebbene nessun partecipante giocasse con denaro reale, la motivazione alla vittoria era presente. Per ogni dollaro nel conto individuale alla fine dei 25 giochi, la persona ha ricevuto un biglietto per una lotteria di $ 50.

Ogni partita è stata impostata per essere un gioco 'equo', ha detto Demaree. Cioè, se hai giocato per un lungo periodo di tempo, dovresti ottenere una media di rottura.

I ricercatori hanno avuto 59 partecipanti al gioco d'azzardo computerizzato ad alto rischio (13%) e hanno sorpreso i partecipanti con alcune grandi vittorie. Un gruppo separato di 85 partecipanti ha giocato sia il rendimento del 50% sia quello dell'85%. L'ultimo gruppo, che si aspettava di vincere per lo più, ha subito alcune perdite inaspettate. Dopo aver giocato ogni partita, gli studenti hanno risposto a un questionario su emozioni, stati d'animo e assunzione di rischi. I risultati hanno scoperto che sperimentare un evento sorprendente, come vincere o perdere in modo imprevisto, sembrava temporaneamente produrre avversione al rischio.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Emotion American Association.

I collaboratori dello studio erano Kevin J. Burns, The MITER Corp .; Edward Agarwala e Michael DeDonno, Case Western Reserve University; e D. Erik Everhart, East Carolina University.


Il nuovo servizio clienti è qui, là e dappertutto

Il nuovo servizio clienti è qui, là e dappertutto

Essere un rappresentante del servizio clienti nell'era digitale è sia una benedizione che una maledizione. Da un lato, è più facile che mai comunicare con i clienti attraverso una serie di canali diversi, in qualsiasi momento. Dall'altro lato, i clienti presumono che comunicherai con loro attraverso una serie di canali diversi, ogni volta che lo desiderano.

(Comando)

Sei un capo tossico? 4 Segnali di avvertimento da osservare

Sei un capo tossico? 4 Segnali di avvertimento da osservare

I tuoi dipendenti non hanno ancora iniziato a giocare. Arriveranno tardi e partiranno presto; stanno prendendo giorni malati; non stanno facendo il loro lavoro; hanno smesso di contribuire alle riunioni. A un certo punto, ti chiedi: e se tu sei il problema? È facile incolpare il morale e i risultati dei singoli membri del team, ma i loro atteggiamenti possono essere una reazione diretta al modo in cui vengono gestiti.

(Comando)