Per le aziende, i dipendenti sani pagano - Letteralmente


Per le aziende, i dipendenti sani pagano - Letteralmente

Le aziende stanno alzando la posta nei loro sforzi per rendere più sani i loro dipendenti, rileva una nuova ricerca.

A studio condotto da Fidelity Investments e dal National Business Group in merito alla salute mostra che negli ultimi anni la maggior parte delle aziende ha costantemente aumentato il valore in dollari degli incentivi offerti ai dipendenti per partecipare a programmi di miglioramento della salute, come la consulenza sulla perdita di peso, la gestione trattamenti di insulina e iniezione di influenza sul posto.

Quasi il 75% delle aziende ha utilizzato una media di $ 460 per dipendente in incentivi lo scorso anno per coinvolgere i dipendenti nei programmi di miglioramento della salute - da $ 430 nel 2010 e solo $ 260 nel 2009.

Secondo lo studio, i datori di lavoro hanno fatto affidamento su diversi tipi di compensi, carte regalo e contributi ai conti di risparmio sanitario.

La motivazione monetaria Ciò significa che quasi il 60% delle aziende intervistate ritiene che i loro programmi basati sugli incentivi abbiano avuto un tasso di successo migliore del previsto per aumentare la partecipazione dei dipendenti.

Gli incentivi hanno fatto molta strada da una maglietta gratuita e una bottiglia d'acqua, secondo Adam Stavisky, vicepresidente senior di Fidelity's Benefits Consulting.

"Poiché le aziende hanno aumentato il loro impegno e gli investimenti in programmi di miglioramento della salute, hanno reso i loro incentivi più allettanti", ha affermato Stavisky. "Hanno anche imparato quali programmi sono più adatti alla loro forza lavoro, sia che si tratti di vaccini antinfluenzali sul posto o di problemi di perdita di peso."

[10 CEO che mantengono felici i loro dipendenti]

La ricerca ha anche scoperto che più aziende richiedono ai dipendenti di partecipare a programmi di benessere sponsorizzati dal lavoro al fine di beneficiare di prestazioni mediche. Il 5% delle aziende intervistate ha richiesto ai propri lavoratori di completare test biometrici, come lo screening del colesterolo, e il 7% ha richiesto il completamento di una valutazione del rischio sanitario per poter beneficiare di prestazioni mediche. Si prevede che questi numeri aumenteranno fino al 9 e al 10 percento, rispettivamente, quest'anno.

"Questo non è sorprendente dato quanto controllo i dipendenti possono avere per la propria salute e quanto cattive abitudini di salute costano ai datori di lavoro", ha detto Helen Darling , presidente e amministratore delegato del Business Group.

Lo studio suggerisce che molte aziende - oltre il 75% - non conoscono il rendimento dei loro investimenti nei programmi di miglioramento della salute.

  • Aiutare i datori di lavoro a massimizzare l'impatto e efficacia della loro offerta, Fidelity e il National Business Group offrono diversi suggerimenti, tra cui:
  • Impegno sicuro da parte del senior management: i dipendenti sono più propensi a impegnarsi quando vi è incoraggiamento da parte dei dirigenti senior. Allineare i programmi con i rischi per la salute e le sfide forza lavoro: determinare quali sono i problemi di salute urgenti dei dipendenti e offrire soluzioni.
  • Definire obiettivi realistici e misurare i risultati: definire il comportamento desiderato, ad esempio la perdita di peso e tracciarlo.
  • Offerta i ncentives che si rivolgono ai dipendenti: raccogliere feedback dallo staff su ciò che è attraente e interrompere gli incentivi che non funzionano.
  • Gestire i fornitori stabilendo requisiti di performance: i datori di lavoro dovrebbero consolidare i dati dei dipendenti raccolti da più fornitori e misurare i risultati. I venditori dovrebbero essere ritenuti responsabili se i risultati non raggiungono gli obiettivi.

Lo studio era basato su sondaggi di 139 aziende di numerosi settori tra cui trasporti, assistenza sanitaria, tecnologia, intrattenimento, prodotti di consumo, vendita al dettaglio ed energia.

Frank Godwin è uno scrittore freelance di Chicago che ha lavorato nelle relazioni pubbliche e ha lavorato per dieci anni come giornalista e ora lavora come freelance e reporter di tecnologia. Puoi raggiungerlo a oppure seguilo su Twitter @ mobbybusiness .


6 Cose produttive da fare durante il pranzo (che non coinvolgono il lavoro)

6 Cose produttive da fare durante il pranzo (che non coinvolgono il lavoro)

Le pause pranzo sono una parte importante della giornata lavorativa e per molte posizioni orarie, sono necessarie per una ragione - hai bisogno di una pausa. Tuttavia, secondo un sondaggio di OfficeTeam, il 29% degli intervistati ha ammesso di lavorare durante le pause pranzo - il che fa più danni che benefici.

(Carriera)

10 Programmi online per potenziare le tue competenze aziendali

10 Programmi online per potenziare le tue competenze aziendali

Non importa da quanto tempo sei fuori da scuola, non hai mai veramente imparato. Questo è particolarmente vero per gli imprenditori, molti dei quali escogitano le corde di gestire un'impresa mentre vanno. Sfruttare le opportunità per migliorare le tue capacità imprenditoriali è sempre una buona idea, ma una volta avviata la tua startup, probabilmente non avrai il tempo o il budget per tornare a scuola e iscriverti a un corso universitario tradizionale.

(Carriera)